1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Maggio 2020

 
 
 
 

I Giardini di Ada

Sede Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso - Via Callisto Piazza 7/9
18 Aprile - 3 Maggio -  RIMANDATA A DATA DA DESTINARSI 

PROGETTO ARTISTICO - LETTERARIO SULLA POETESSA ADA NEGRI a cura del Liceo Artistico Callisto Piazza e Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso

In occasione delle celebrazioni relative ai 150 anni dalla nascita della poetessa Ada Negri, il Liceo Artistico Callisto Piazza di Lodi propone, in collaborazione con la Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso di Lodi, un progetto artistico-letterario che coinvolgerà gli alunni delle classi 3 A, indirizzo arti figurative, e 3D, indirizzo di grafica, dell'Istituto.

Il progetto sarà strutturato in modo tale da permettere ai ragazzi di studiare ed approfondire la figura di Ada Negri dal punto di vista biografico e poetico mediante un percorso di lettura e di interpretazione dei principali scritti della poetessa. Alla fase di analisi
testuale, seguirà un percorso di interpretazione che permetterà ai ragazzi di elaborare riflessioni personali sulle liriche analizzate.

Dal punto di vista artistico, gli studenti realizzeranno cartelle di incisione con la tecnica della calcografia e xilografia e opere pittoriche e fotografiche. Le cartelle verranno consegnate alla Società, mentre le opere saranno esposte nella Sala della sede della Società in una mostra. Gli alunni della classe 3D cureranno anche la parte grafica e comunicativa del progetto.

Dal 18 aprile 2020 al 3 maggio, presso la sede della Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso in via C. Piazza, 7/9 

Inaugurazione: Sabato 18 aprile alle ore 16.30

Evento collaterale alla mostra 
Giovedì 23 aprile, dalle ore 17.00 alle ore 18.30, letture di poesie e proiezione video a cura dei ragazzi delle classi 3 A e 3D

Orari apertura della mostra: 
Domenica 19 aprile - 10.00/12.00 - 15.00/18.00
Mercoledì 22 aprile - 10.00/12.00 (riservato alle scuole che avranno concordato la visita) 
Giovedì 23 aprile -  15.00/18.00
Sabato 25 aprile -  10.00/12.00  -  15.00/18.00
Domenica 26 aprile - 10.00/12.00  -  15.00/18.00
Mercoledì 29 aprile - 10.00/12.00 (riservato alle scuole che avranno concordato la visita) 
Giovedì 30 aprile - 15.00/18.00
Venerdì 1 maggio - 10.00/12.00
Sabato 2 maggio - 10.00/12.00  -  15.00/18.00
Domenica 3 maggio - 10.00/12.00  -  15.00/18.00

Ingresso libero

 

 

VISITE GUIDATE

 RIMANDATE A DATA DA DESTINARSI 

24 Maggio e 11 Ottobre - ore 15.00


Un percorso tra i luoghi cari ad Ada Negri, più volte ricordati nei versi e nelle prose della poetessa quando, ormai adulta, si affidava ai ricordi dell’infanzia: la casa natale, i paesaggi lombardi, le chiese e le piazze, le vie e il fiume della sua amata Lodi. Ogni tappa è un ricordo intenso e dolce della vita di Ada.

A cura di Tarantasio - Associazione Guide per il Turismo nel Lodigiano 
Guida turistica - Gianluca Antonietti


Casa Cingia

I luoghi di Ada Negri


Casa Natale: Casa Cingia
Tratto da “STELLA MATTUTINA” (1921)
“Giardino sempreverde: pini, magnolie, un cedro del Libano: pochi fiori, molta erba, profondità di ombre, sapienza di nascondigli. Giardino piú bello al mondo non c'è. Le bambine giocano a rincorrersi: quattro saette. Poi, a palla: ciascuna
ha la propria: sotto la palma della mano deve rimbalzar venti, cinquanta, cento
volte, senza che la mano fallisca un sol colpo. La gara le eccita: piú di tutte
esalta la scarna portinaretta. Dopo la palla, il salto alla corda, semplice e
in due tempi: il salto su un solo piede, cioè zoppin zoppetta, sino a quando il
piede resiste: il salto dai gradini dello scalone d'onore, progressivo fino al
rischio d'insaccarsi di schianto.”


 
Santa Chiara NUova

Chiesa di Santa Chiara Nuova
Tratto da “STELLA MATTUTINA” (1921)
“Via delle Orfane pregante in solitudine, antica e povera, tutta sassi, con un sottile marciapiede da un sol lato: dall'altro non v'ha che una muraglia bassa, a difesa di vasti giardini. Via delle Orfane piena di conventi, e di tacite case private simili a conventi. Quando il sole vi batte, chi passa vede troppo bene, in quel vuoto silenzio, la propria ombra; e ne rimane turbato. Canti e cinguettii d'uccelli vengono dai nascosti giardini: suoni di campanelli claustrali, tremuli d'umiltà e chiari d'innocenza, salgono dai cortili e dagli oratòri interni.”





 
Chiesa di San Francesco

Chiesa di San Francesco
Tratto da “STELLA MATTUTTINA” (1921)
“La piazzetta dinanzi all'ospedale non ha che radi passanti: case chiuse, persiane chiuse, erba fra le pietre, gialliccia, bruciata dal sole. Qualche panca, sulla quale sedere e sognare. Si direbbe che il silenzio vien dalle cose, e che le poche voci degli uomini non riescono a turbarlo. La facciata trecentesca della chiesa di San Francesco, raccolta in nuda purità, chiude la piazzetta con il segno di Dio. La fanciulla entra nella chiesa, s'inchina, porta alla fronte le dita intinte nell'acqua benedetta, siede ad un banco, in un angolo. È il suo rifugio. L'ascetica penombra odorosa d'incenso, l'anelito verso l'alto delle navate archiacute, i santi in estasi sulle vetrate, le Vergini giottesche offrenti il Bambino dalle colonne sono altrettante trasfigurazioni dell'anima sua.” 

 
 

 
Cattedrale di Lodi

CATTEDRALE
Tratto da “STELLA MATTUTINE” (1921)
“La piazza del Duomo, con i leoni di pietra a guardia della cattedrale, protetta dal campanile un po' tozzo, è stupenda di vita nei mesi di prima estate, quando il mercato dei bozzoli la riempie di splendenti cumuli d'oro e d'argento, e brulican sotto i portici e dinanzi alla chiesa i robusti fittabili della Bassa, con gran gesticolare, gran moto e odore e rumore d'umanità in faccende. Piazza Broletto, dietro il Duomo, ne guarda l'abside austera, ornata in alto da mensole e piccoli archi di cotto, così belli che cantan da sè le lodi del Signore.”   



 
Tempio dell'Incoronata

TEMPIO CIVICO DELL’INCORONATA
Tratto da “STELLA MATTUTINA” (1921)
“Chiese, chiese: quante!... Per riposare: per sognare: per pregare. Quando fu chiusa ai fedeli quella che ebbe per nome Santa Maria dello Spasimo?... Tutti vanno all'Incoronata. L'Incoronata è uno scrigno del Bramante, nell'interno del quale maestose figure di Madonne e di santi vivono su pareti rivestite d'oro. L'Incoronata è tutta d'oro” 

Prenotazioni dal 20 aprile 2020 

 
 
 

Info e contatti

Ufficio Culltura - Piazza Mercato, 5 - Lodi
telefono: 0371.409410 - email: cultura@comune.lodi.it