1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Cattedrale vegetale

“La Cattedrale rappresenta un’idea di magnificenza, un ordine e una sacralità del luogo, ho sempre voluto dare corpo a questa fratellanza che esiste tra il luogo e la sacralità della terra e di questi elementi che si innalzano che sono gli alberi. In questo c’è dentro tutta la filosofia del mio lavoro. Il luogo non mi dimentica e questo mi fa felice, mi piace pensare che la gente attraverserà questo luogo pensando al perché è stata costruita, al perché si è fatta, una domanda che la gente si farà da sé, rendendosi conto che l’opera vale il posto.”
(Giuliano Mauri)

La Cattedrale vegetale si presenta come una "vera" cattedrale, realizzata con rami e tronchi infissi nel terreno, che formano delle campate sul modello delle cattedrali gotiche; la struttura ha dimensioni ragguardevoli (circa 77 metri per 22), con un'altezza di circa 16 metri, e si estenderà per una superficie di circa 1.500 metri quadrati.

L'opera contribuisce a rinaturalizzare e riqualificare l'area ex Sicc (il complesso industriale dismesso che sorgeva tra via Ferrabini e la sponda sinistra dell'Adda a monte del ponte), in parte acquisita al patrimonio pubblico negli anni '90 per consentire la costruzione del nuovo argine e oggetto nel corso del 2015 di operazioni di bonifica dei terreni. 

Approvato alla fine del 2014, il progetto della Cattedrale Vegetale si è articolato in due fasi: la prima relativa alla realizzazione di un rinforzo arginale, eseguita nel 2015, la seconda alla costruzione dell’architettura (posa di fondazioni in acciaio e montaggio delle parti in legno), avviata nel maggio di quest’anno. Il quadro economico complessivo ammonta a 280.000 euro, finanziato per 125.000 euro da uno stanziamento della Regione Lombardia con risorse a valere sul fondo per l’attrattività turistica e per 155.000 euro da contributi di sponsor privati (Baroni Srl, Boschiroli Srl, Edilalba Srl, Fa.Bo Spa, Gruppo Lgh, Ibsa Farmaceutici Srl, Innocenti Depositi, Line-Gruppo Zoncada, Unilever Srl, Viscolube Srl, Zucchetti Spa) ed il sostegno economico della Fondazione Banca Popolare di Lodi. Hanno collaborato all'organizzazione della cerimonia di inaugurazione Future Fusion, Milano Green Point e Tecnoconsulent.

La Cattedrale Vegetale gode del patrocinio della Triennale di Milano.