1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Relazione descrittiva del progetto del nuovo Complesso Piscine Faustina

Descrizione dell'intervento

L'intervento prevede, a partire dal complesso natatorio estivo esistente, la realizzazione su area comunale di 21.760 mq. circa di un Edificio, da destinarsi a Nuovo Centro Sportivo-Natatatorio, composto da due corpi principali a pianta rettangolare: il locale vasche (circa m. 40 x 71) e il corpo spogliatoi, servizi e palestre a tre piani fuori terra (circa m. 45 x 20) e due avancorpi ad un piano f.t. di cui il primo posto adiacente al locale vasche (sul fronte nord-ovest) con forma lenticolare, contenente l'ingresso/biglietteria per il pubblico delle tribune piano vasche, il secondo con forma riconducibile ad "un quarto di circonferenza" (raggio di circa 46 m.) posto a sud-ovest, contenente l'ingresso dell'Edificio, costituito dai seguenti elementi componenti:
 
Edificio:
al piano terreno:
 
- atrio di ingresso con reception-biglietteria e uffici amministrativi, spazi commerciali e gioco bimbi, bar-ristorante, con relativa cucina, dispensa e servizi (cucina a servizio del ristorante con impianti a gas metano con potenzialità termica complessiva inferiore ai 116 Kw) e relativi spogliatoi e servizi per il personale, servizi igienici per il pubblico, infermeria, spogliatoi piscina maschili e femminili e relativi spogliatoi istruttori, scala ed ascensore di collegamento al primo piano e al piano sottotetto;
- sala vasche dotata: di vasca natatoria olimpionica per nuoto e pallanuoto, di m. 50,00 x 25,00 a 10 corsie, con profondità a pendenza minima costante da m. 2,00 (lato blocchi di partenza) a 2,10, suddivisibile mediante l'uso di due paratie a scomparsa sul fondo ed un pontile mobile, in più configurazioni (es. in 4 vasche con tre corsie ciascuna da 25 m. e quattro corsie centrali da 50 m.) vedi Tav. LD_AR_17;
- fossa sub con profondità -10 m. e dimensioni di 5 x 10 m., chiudibile tramite fondo mobile a -2,10; vasca fitness e preriscaldamento agonistico di 6 x 25 m., con profondità di m. 1,30;  vasca acquaticità ricreativa e adiacente alla precedente di 6 x 5 m. e profondità di 60 cm.;
- gradinate con tribune mobili retrattili, posizionate sulla banchina  nord-ovest della vasca natatoria, per circa 730 posti spettatori seduti, compreso i disabili; 

al piano primo: 
-centro fitness comprendente: reception, spogliatoi e servizi del personale, una palestra di mq. 182,00 con soppalco di mq. 108,00, relativi spogliatoi e servizi igienici;
- centro estetico e benessere dotato di bagno turco, sauna con relativi spogliatoi e sevizi e area solarium-massaggi con 5 box;
- area spettatori con vista sulla piscina sottostante, con tribuna per 138 spettatori seduti, 2 postazioni per disabili su sedia a ruote e 10 spettatori in piedi per un totale di 150 posti spettatori;

al piano sottotetto: 
- area non utilizzata a disposizione per attività future di circa mq. 300;
- vano separato dalle aree di attività, con  impianti di trattamento aria (macchine UTA) differenziati per i vari locali presenti al Piano 1°;

al piano interrato:  
- accessibile a nord-est e ad ovest tramite scale esterne in intercaperdine) la Centrale Termica con tre caldaie di potenzialità termica superiore ai 116 kw, (circa 1.050 Kw al focolare cad.);
- gli impianti di trattamento aria (UTA) sala vasche, spogliatoi e servizi del piano terreno; gli impianti trattamento acqua piscine, vasche di compenso, locale "acido / cloro" con calaggio in zona nord-est e U.S. con scala di sicurezza;

Aree esterne:  
- collegamento esterno con percorsi igienizzati, all'Impianto Piscine all'aperto esistente (sul quale non sono previsti interventi di modifica, ma unicamente di manutenzione), Impianto composto da vasca da 50 m., vasca accessoria, spogliatoi/servizi per gli utenti e tribune spettatori e per il quale saranno disponibili gli spogliatoi atleti/arbitri, del nuovo impianto natatorio coperto, nel solo caso di manifestazione agonistica da svolgersi nella piscina da 50 m. all'aperto;
- Piazzali pavimentati in autobloccanti all'intorno dell'edificio e corsello a nord-est, a servizio del calaggio dell'interrato in asfalto;
- Due campi da beach-volley, unibili in un campo da beach-soccer, situati nella zona sud del solarium  completi di recinzione;
- Area esterna attrezzata per il gioco bimbi.
- Cabina elettrica di trasformazione da M.T. a B.T.:  dimensioni stimate in  m. 13.00 x m. 4.70, altezza totale circa m. 3.20 (prefabbricata in c.a.), in posizione non ancora definitiva nell'attuale fase progettuale, non essendo ancora stato concordato con l'Ente erogatore di zona l'allaccio alla linea di media tensione del più vicino punto di consegna.

Aree a parcheggio: 
il progetto prevede inoltre a servizio del Nuovo Centro Sportivo, oltre ai parcheggi esistenti sul Piazzale degli Sport e quelli che potranno essere predisposti dal Comune lungo via Piermarini, l'utilizzo di due aree a parcheggio site in aree comunali adiacenti all'Edificio, la prima a nord e la seconda a ovest con una superficie totale di circa 4.200 mq., connesse alla Nuova Strada di collegamento tra via Piermarini e il Piazzale degli Sport.
La Nuova Strada e le due aree a parcheggio, previste dal PRGC, saranno realizzate a cura dell'Amministrazione Comunale.
Impianti e allacci alle reti di distribuzione:
Tutti gli impianti idrico sanitari, di termoventilazione, elettrici, trattamento acque ecc., sono stati progettati in conformità alle vigenti normative in materia;  per le descrizioni analitiche e le caratteristiche tecniche si rimanda alle allegate Relazioni specifiche impiantistiche.
L'approvvigionamento idrico dell'impianto per gli usi sanitari, per l'alimentazione delle vasche e dell'impianto antincendio, sarà assicurato tramite allaccio alla condotta dell'acquedotto comunale, unica risorsa idrica della zona, posto in pozzetto su strada. L'edificio sarà allacciato alla fognatura nera comunale; le acque meteoriche, provenienti dalle coperture e dal piazzale pedonale antistante l'edificio, saranno immesse nel canale di irrigazione descritto ai punti successivi, per le altre reti (Enel, Telecom, Italgas, Raccolta rifiuti) gli enti interpellati dal Comune hanno garantito gli allacci e i servizi per le utenze richieste.
I dimensionamenti delle vasche, degli spogliatoi e dei relativi servizi igienici, le caratteristiche dei percorsi e degli impianti, le aree esterne e per parcheggi, rispondono alle vigenti normative in materia (CONI, ASL, Regolamenti Comunali, Regolamento Regione Lombardia D.G.R. 17/05/2006 n. 8/2552, Sicurezza degli impianti sportivi, Superamento delle barriere architettoniche). 

Illustrazioni della ragione delle variazioni al progetto preliminare e delle soluzioni prescelte
Nel progetto preliminare proposto nell'adeguamento in sede di progetto definitivo sono state inserite migliorie tecniche e funzionali riguardanti l'organizzazione degli spazi, le caratteristiche dell'impianto sportivo, le tecnologie costruttive e impiantistiche, adeguamenti normativi (in particolare ai regolamenti Comunali e alle nuove normative CONI, sismica, energetica) con le relative tarature dimensionali.
Tra i principali elementi si ricordano:
- Razionalizzazione, nell'avancorpo a nord-ovest, dei percorsi di esodo e delle uscite di sicurezza con inserimento di nuovi varchi tra le tribune mobili dell'area spettatori  posizionate sulla banchina  della vasca natatoria;
- Inserimento di un locale per "pronto soccorso spettatori" nel suddetto avancorpo;
- Taratura e dimensionamento dei depositi a servizio delle vasche, con inserimento di un nuovo locale per "cabina di controllo" destinato agli arbitri/cronometristi con visuale libera sulla testata dei blocchi di partenza/arrivo, come richiesto dalle norme F.I.N.A..
- Razionalizzazione posizione accesso/U.S. e percorsi riservati agli atleti in caso di manifestazione agonistica, con spostamento più a nord dell'accesso e traslazione a sud del locale Quadri Elettrici;
- Ridistribuzione al piano terreno, locali servizi uffici con creazione di spogliatoio per gli addetti alla pulizia e manutenzione;
- Spostamento del setto in facciata (con il cambio di raggio) posto  sulla facciata dell'avancorpo a sud-ovest;
- Creazione delle due "aree di sostituzione obbligatoria calzature sporche" (una per sesso) sostituite con ciabatte specifiche igienizzabili; aree fornite di panche e rastrelliere per il deposito delle scarpe, con inizio da queste del percorso a "piedi nudi" che porta agli spogliatoi collettivi e a rotazione e al locale vasche, con netti miglioramenti riguardanti l'aspetto igienico sanitario e gestionale degli spogliatoi bagnanti,  connettivo e servizi, collegati con le vasche;
- Ridistribuzione degli spogliatoi collettivi bagnanti (con suddivisione in due unità, due per sesso) e relativi servizi e connettivo; sostituzione delle cabine a rotazione (con doppio accesso/uscita) con cabine dotate di porta unica e conseguente riduzione dell'"effetto labirinto" lungo i percorsi di accesso ed esodo sui tragitti atrio - vasche;
- Al piano primo razionalizzazione degli spogliatoi centro benessere, taratura superfici palestra e soppalco; per una possibile gestione indipendente del centro fitness, destinazione degli spogliatoi (già previsti al piano, separati per sesso) ad esclusivo uso degli istruttori della palestra/soppalco;
- Modifiche ai locali previsti nel sottotetto indotte dal dimensionamento e collocazione degli impianti predisposti su tale piano;
- Al piano interrato, creazione di locale specifico per il "gruppo antincendio", con accesso diretto, tramite intercapedine, dall'esterno, e della "vasca di accumulo antincendio"; realizzazione di nuovo locale deposito, riduzione della superficie  dell'interrato sul lato sud-ovest, indotta dal dimensionamento degli impianti ivi collocati;
 
Miglioramento delle caratteristiche degli impianti tecnologici con l'inserimento di tecnologie per il risparmio energetico (pannelli fotovoltaici, produzione > 50% acqua calda sanitaria con pannelli solari termici); riscaldamento a pavimento del bordo vasca; adeguamento funzionale degli impianti alle effettive superfici dei locali spogliatoi, bar ecc.; adeguamento dei quadri elettrici e di trasformazione alle potenze richieste; inserimento di impianti centralizzati per controllo accessi a TVCC; adeguamento impianti di illuminazione esterna delle aree accessi.
 
Il presente progetto si propone di migliorare le sinergie tra i vari tipi di attività, in analogia a quanto avviene nei centri commerciali dove un'attività principale consente un indotto di attività, secondarie per dimensione, ma non per qualità, che a loro volta inducono attrazione tra di loro e per l'attività principale.
Nel caso presente si intende realizzare un complesso dotato di una pluralità di attività del settore sportivo e del tempo libero costituite dal locale piscina dotato di vasche per il nuoto, pallanuoto, attività subacquee, acquagym, acquaticità, atrio/ingresso, bar (predisposto, nel periodo estivo, al servizio anche all'esterno della piscina), ristorante, palestre per attività varie (fitness, spinning, ginnastica, arti marziali, ecc) dotate di spogliatoi e servizi indipendenti, Centro Estetico, Centro Benessere, aree verdi con percorsi, campi per beach-volley / beach-soccer, area gioco bimbi.
La concentrazione di attività diverse e complementari tra loro in grado di intrattenere l'utente per un tempo superiore a quello della  mera attività sportiva e, più che rivolta al singolo, rivolta ai gruppi (per esempio familiari), consente una gestione autosufficiente e che possa sopportare anche oneri derivanti da attività scarsamente remunerative o di per sé passive (attività agonistiche, offerta sociale per scuola, anziani, ecc..).
Pertanto la scelta progettuale si è orientata alla realizzazione di un complesso volto ad ottenere quanto sopra indicato, organizzando gli spazi in modo da consentire un'agevole fruizione di tutte le strutture con un'accessibilità elevata sia pedonale che  veicolare con la creazione della nuova strada e delle due aree a parcheggio (da realizzarsi a cura del Comune), in grado di far fronte alla domanda di tutte le attività previste, sia nell'esercizio ordinario che nel caso di manifestazioni agonistiche ad elevata affluenza di pubblico.
Le aree per i parcheggi a carico del Comune, sono state verificate, sulla base dei parametri CONI, come risulta dalla verifica riportata nella parte specifica della Relazione Tecnica di conformità alle vigenti norme VV.F. igienico - sanitarie e norme CONI.

Fattibilità dell'intervento
Il nuovo Centro Sportivo, come detto, è localizzato su un'area comunale di 21.760 mq. circa, posta nella zona periferica meridionale del centro abitato di Lodi, in località Faustina, in un'area già in uso per attività sportive con impianti comunali esistenti, comprendenti un edificio destinato a palestre e piscina, una piscina all'aperto con tribune spettatori e nell'area sud un campo di calcio con pista di atletica e relativi spogliatoi più un campo da baseball.
Tale area, la cui destinazione è confermata dal PRG vigente (approvato con D.G.R.  n. V/50567 del 28_03_1994  e successive Varianti) e dallo studio di fattibilità svolto dall'A.C. (approvato con D.G.C. n. 62 del 24/04/2007), risulta pertanto idonea sotto il profilo urbanistico.
L'area in oggetto, delimitata ad est dalla via Piermarini e a sud dalla Circonvallazione-sud, è inserita in un contesto urbanizzato caratterizzato dalla presenza a nord e a ovest, oltre la via Don Gnocchi, di un tessuto misto in prevalenza residenziale composto da edifici con diverse altezze e a sud dalla presenza dell'area sportiva su descritta.
Non risultano dall'indagine svolta altri vincoli di natura paesaggistica storica, artistica o archeologica sull'area.
Le verifiche di prima approssimazione dal punto di vista geologico, geotecnico, idrologico, idraulico e sismico, fanno ritenere l'area idonea alla costruzione (come del resto dimostrato dall'edificazione esistente), con l'avvertenza di edificare con fondazioni sul terreno naturale alla profondità che sarà indicata dalle prove geotecniche.
E' stato predisposto il progetto per la deviazione della gora irrigua a cielo libero esistente (roggia Cassinette), tramite deviazione della stessa in percorso intubato, come indicato nella specifica relazione e tavole grafiche di progetto e come concordato con l'Ente Consortile di gestione e con l'Amministrazione Comunale; tale deviazione permetterà l'edificazione del nuovo edificio, come detto in collegamento con l'impianto estivo esistente, nella attuale posizione planimetrica di progetto,
tale percorso e l'intubamento, contrariamente al percorso a cielo libero previsto lungo il Viale Piermarini nel progetto preliminare, si è reso necessario per richiesta del Consorzio di Bonifica Muzza Bassa Lodigiana cui sarà inviata richiesta di autorizzazione.

Accertamento della disponibilità delle aree
Le aree di intervento, comprese le aree per i parcheggi, risultano disponibili e di proprietà dell'Amministrazione Comunale di Lodi, pertanto utilizzabili immediatamente senza alcun onere per acquisizione.
Inoltre l'area sarà dotata dall'Amministrazione Comunale, contestualmente alla edificazione del Centro Sportivo-Natatatorio, dei necessari parcheggi, nuova strada, sottoservizi e servizi pubblici di infrastrutturazione attualmente carenti. 
 
Il progetto definitivo ed esecutivo
Tenuto conto di quanto vigente in materia di opere pubbliche, il progetto d'intervento deve essere redatto secondo tre progressivi livelli di definizione: preliminare, definitivo, esecutivo.
Le caratteristiche e gli specifichi contenuti degli elaborati dipendono dal livello di definizione tecnica necessaria in rapporto alla natura e alla tipologia dei lavori.
Pertanto, per quanto riguarda i documenti componenti il progetto delle rispettive successive fasi e tenuto conto della natura, delle specifiche tipologiche, della dimensione dei lavori anche sotto il profilo economico, delle prescrizioni e degli indirizzi forniti dal responsabile del procedimento si indicano i seguenti indirizzi che hanno portato alla redazione del progetto definitivo.
Il presente progetto definitivo, che sviluppa il progetto preliminare e che con le variazioni apportate, contiene tutti gli elementi necessari ai fini del rilascio della Autorizzazione Comunale, è composto dai seguenti documenti:
 Relazione descrittiva: fornisce i chiarimenti atti a dimostrare la rispondenza del progetto alle finalità dell'intervento, il rispetto del prescritto livello qualitativo e dei conseguenti costi e benefici attesi.
descrive i criteri utilizzati per le scelte progettuali, le caratteristiche prestazionali e descrittive dei materiali, nonché i criteri di progettazione delle strutture e degli impianti;
indica le soluzioni adottate per il superamento delle barriere architettoniche;
riferisce in merito alle idoneità o meno delle reti esterne dei servizi e delle urbanizzazioni esistenti;
contiene le motivazioni del progettista relative ad eventuali variazioni rispetto al progetto preliminare

a) Relazione geologica, geotecnica, idrologica, idraulica, sismica;
b) Relazioni tecniche specialistiche: definiscono le problematiche del progetto definitivo e le soluzioni da adottare in sede di progettazione esecutiva;
c) Rilievi planoaltimetrici e studio di inserimento urbanistico;
Elaborati grafici
1. stralci planimetrici: corografia in scala 1: 25000, estratto catastale in scala    1: 2000, estratto PRG in scala 1: 2000;
2. planimetria generale in scala 1: 100 - 1: 200;
3. piante dei vari piani dell'edificio, prospetti, sezioni in scala 1: 100, devono essere prodotte almeno due sezioni atte a illustrare i profili più significativi dell'intervento; le due sezioni, trasversale e longitudinale, devono riportare le misure delle altezze nette dei singoli piani, dello spessore dei solai e dell'altezza totale dell'edificio;
4. planimetrie e sezioni in cui siano riportati i tracciati principali delle reti impiantistiche e la localizzazione delle centrali dei diversi apparati;
5. elaborati grafici del progetto strutturale;
6. schemi funzionali e dimensionamento di massima dei singoli impianti;

- Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti;
- Disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici;
- Computo metrico estimativo;
- Quadro Economico.
Il successivo progetto esecutivo dovrà essere particolarmente attento agli aspetti gestionali e manutentivi dell'impianto che consentano quindi alla Società di Intervento una gestione attiva e la conservazione dell'immobile nelle condizioni idonee per tutta la durata della futura convenzione, e dovrà essere conforme alle prescrizioni di cui al DPR 554/1999 e smi art. 35 e seguenti.

Descrizione sommaria dell'intervento. Materiali,  finiture e impianti
Ai fini di una migliore comprensione e ad integrazione dei disegni, segue una descrizione sintetica dei materiali e delle finiture che si prevede di utilizzare, sulla base di esperienze progettuali e realizzative analoghe.
Le indicazioni sono da intendersi di massima e potranno essere modificate giustificatamente nelle successive fasi di progetto esecutivo.
 

Strutture
La struttura dei vari piani, rispondente alle normative specifiche, è in c.a. normale per quanto riguarda le fondazioni, con strutture portanti verticali R 60', costituite da pilastri con sezioni diverse ove occorrenti, impostati in fondazione su plinti o muri di fondazione, solai in predalles delle parti con copertura piana con soletta strutturale di completamento R 60' e finiti  da  massetto di sottofondo più pavimento h.10 cm. circa.
I pilastri e le porzioni di solaio dei piani, sottostanti o sovrastanti il deposito piscine e il deposito palestre saranno realizzati con caratteristiche R/REI 90' e R/REI 60'.
I pilastri e le porzioni di solaio sovrastanti la Centrale Termica e il locale Cucina/dispensa, saranno realizzati con caratteristiche R/REI 120'.
La struttura della copertura del locale vasche e del sottotetto dell'avancorpo, certificata R 60', sarà realizzata con struttura curva, realizzata con  travi piene in legno lamellare e tavolato in doghe di legno, con involucro esterno antimeteorico composto da elementi metallici in alluminio nervato, continui e sottocoibentati.
Scala interna con struttura in c.a. tradizionale;  pedate e pianerottoli  in marmo antisdrucciolo,
Il soppalco palestra con travi reticolari in acciaio, solaio in lamiera grecata con getto di completamento e scala in carpenteria metallica.
Le scale esterne di sicurezza saranno realizzate in c. a. con parapetti e mancorrenti in profilati di acciaio zincato (con sezioni commerciali) e  pannelli di lamiera microforata
 
Finiture e materiali edilizi
Le finiture e i materiali previsti per la realizzazione dell'edificio e delle aree all'intorno dello stesso sinteticamente sono:

Edificio piscine, palestre:
- Parte dell'involucro edilizio esterno in doppio tavolato di mattoni forati, di cui quello esterno con intonaco specifico per esterni, a formazione di cassa vuota con interposto coibente, sp. tavolato esterno tipo Poroton da cm. 20,  sp. tavolato interno in laterizio  da cm. 10/12.
- Parte dell'involucro edilizio esterno costituito da parete ventilata composta da: rivestimento superficiale in pannelli in doghe orizzontali di alluminio, posate su sottostruttura in profilati metallici fissati alla muratura realizzata in blocchi tipo Poroton o equivalente sp. 20 cm, rifinita con intonaco per esterni, con interposto pannello termoisolante a calcolo L.10/91 e smi.
- Parte dell'involucro edilizio esterno realizzato con facciata ventilata composta da: doghe orizzontali di legno di abete o larice per esterno, trattato in autoclave con impregnanti, spessore mm. 25 a giunti maschiati, poste in opera su listelli e tavolato in blocchi tipo Poroton o equivalente sp. 20 cm., intonacati all'interno, con interposta coibentazione a norma (pareti locale vasche); 
- Parete nord-ovest del locale piscina, (adiacente l'avancorpo ingresso pubblico biglietteria), con parete alta in doghe di legno spessore mm. 25 (come su descritto), poste sull'esterno e contro parete in cartongesso idrorepellente all'interno, con interposto coibente a norma, con profili metallici strutturali di dimensioni a calcolo e rivestimento interno in pannelli fonoassorbenti dove occorrenti;
- Mascheramento delle scale di sicurezza esterne, in pannelli in lamiera micro forata in acciaio preverniciato, su struttura propria, agganciata alla struttura della scala, tramite distanziali, alla struttura in c.a. dei solai.
- Pareti sala vasche vetrate con serramenti in profilati di alluminio preverniciato.
- Murature interne di separazione in tavolato di mattoni in laterizio semipieni di coltello (cm.7 e cm.12) con spessori finiti di cm. 10 e cm. 12 o 15, (cm. 10 per i tramezzi normali, 12 o 15 per i locali con impianti idraulici incassati); blocchi tagliafuoco REI 60', 90' e 120', spessore cm.12 per le pareti dei locali deposito e cucina/dispensa e cm. 20 per il locale C.T..
- Isolamenti a norma L.10/91, DL 19/08/05 n. 192 e DL 29/12/06 n. 311, con polistirene estruso battentato per  le coperture piane e sotto i pavimenti al p.t. .
- Impermeabilizzazioni delle coperture piane con doppie guaine in poliestere di cui quella superiore mineralizzata, su cui poggia, previa interposizione di strato di TNT. 
- Copertura sala vasche e sottotetto avancorpo con struttura curva (R 60'), realizzata con travi in legno lamellare a sezione piena, con manto di copertura in tavolato in doghe di legno, con involucro esterno antimeteorico costituito da elementi metallici in alluminio nervato continui tipo MegaRoof Plus Hedar o equivalenti, di misura pari alla lunghezza totale delle falde.
- Pavimentazione copertura terrazzo Piano 1°, in battuto in cls elicotterato scopato, con indurente superficiale al quarzo,
- Parte copertura terrazzo (area centrale destinata a "gioco bimbi" / "ginnastica all'aperto"), realizzata con "pavimentazione antishock" in resina poliuretanica e granuli di gomma data in opera.
- Pensiline con struttura in profili di acciaio zincato verniciato, ancorate alla struttura del fabbricato con mensole e/o tiranti in cavi di acciaio e copertura in lastre di policarbonato dello spessore di mm. 6.
- Pavimento ingresso, atrio, reception / biglietteria, uffici, area bar/ristorante, gioco bimbi, espositivo/commerciale, in piastrelle di gres fine porcellanato non smaltato completamente vetrificato, con finitura superficie naturale,  antisdrucciolo R9, formato 60 x 60 posate a giunto aperto (circa 3 mm).
- Pavimento infermeria, servizi pubblico, spogliatoi e servizi cucina in gres porcellanato smaltato con superficie antisdrucciolo R10.
- Pavimento cucina ristorante in gres porcellanato smaltato del tipo ad alta resistenza all'abrasione con superficie antisdrucciolo R12 e battiscopa a sguscia.
- Pavimento connettivo, spogliatoi/servizi piscine, in piastrelle di gres fine porcellanato non smaltato completamente vetrificato, con finitura superficie strutturata, antisdrucciolo R10.
- Pavimento vasche lavapiedi presidio di bonifica, banchine vasche e deposito piscina, in gres fine porcellanato non smaltato, con finitura superficie strutturata zigrinata a linee interrotte simmetriche, antisdrucciolo classe A+B,
- Fondo e pareti, vasche in in gres  porcellanato smaltato lucido..
- Pavimento atrio p.1°, connettivo e area reception zona fitness in piastrelle di gres fine porcellanato non smaltato completamente vetrificato, con finitura superficie naturale,  antisdrucciolo R9, formato 60 x 60 posate a giunto aperto (circa 3 mm.) (ufficio 30x30).
- Pavimento palestra e soppalco in teli in vinilico omogeneo calandrato spessore 6mm. Classe 1.
- Pavimento locali spogliatoi, palestra, spogliatoi personale/addetti centro estetico-benessere, in piastrelle di gres fine porcellanato non smaltato completamente vetrificato, con finitura superficie strutturata, antisdrucciolo R10.
- Pavimento bagno turco, sauna, spogliatoi, servizi e antiservizi in piastrelle di gres fine porcellanato non smaltato completamente vetrificato, con finitura superficie strutturata, antisdrucciolo R10.
- Pavimento locale sottotetto con spazio a disposizione, in battuto in cls.
- Rivestimento pareti  locale vasche in piastrelle in gres  porcellanato smaltato lucido.
- Rivestimenti in piastrelle di ceramica monocottura per i servizi igienici,
altezza 2 m.
- Pavimentazioni esterne della zona ingresso edificio e piazzali realizzate in blocchetti in  autobloccanti. 
- Soglie in pietra di Serizzo naturale.
- Serramenti esterni in profilati di alluminio preverniciato dotati di vetro camera a basso emissivo con cristalli di sicurezza interni e di maniglioni antipanico omologati per le uscite di sicurezza.
- Serramenti interni in telai di alluminio preverniciato e pannelli rivestiti in laminato plastico; serramenti tagliafuoco certificati REI 60', 90' e 120', con congegni di autochiusura, per i depositi, la cucina e la C.T. o sulle pareti di compartimentazione dei locali tecnologici del sottotetto e di maniglioni antipanico omologati per le uscite di sicurezza.

- Serramenti speciali costituiti da lucernari apribili in policarbonato a doppia parete, classe 1.
- Lucernari fissi di chiusura fori circolari terrazzo realizzati in vetro antisfondamento pedonabile, su struttura metallica in acciaio zincato dimensionata a calcolo, su muretto perimetrale in c.a. a sezione cilindrica con piano di appoggio vetro inclinato.
- Griglie di aerazione vespai in lamierino zincato elettrosaldato; ringhiere di protezione in tubolari di ferro zincati a caldo.
- Pluviali, copertine e scossaline in lamiera di alluminio 6,8/10 mm.
- Canne fumarie della C.T. in acciaio inox con interposta coibentazione  anticondensa.
- Decorazioni in tinta lavabile per le pareti dei servizi sopra i rivestimenti, e in smalto semilucido a base di resina epossidica bicomponente per gli zoccoli di altezza m. 2.00 dei locali spogliatoi, corridoi atleti, infermeria e pronto soccorso
- Controsoffitti in diverse tipologie: 1) lastre idrorepellenti in gesso armato con fibre di vetro, classe 0, su orditura metallica  in acciaio zincato, 2) in quadroni di alluminio cm. 60x60, 3) carabottino metallico, 4) in cartongesso semplice classe 0.
- Ascensore (tre fermate) del tipo a fune, con vano corsa in c.a., a norma disabili per 8 persone, con motore collocato nella parte alta del vano corsa ed aerazione a norma.
- Scala interna realizzata con struttura in c.a., alzate, pedate e pianerottoli in lastre in marmo di Carrara; le due pareti verso sud-ovest vetrate; parte superiore di copertura con struttura in acciaio e le quattro pareti vetrate, con chiusura superiore parte in vetro antisfondamento e parte in pannelli sandwich in lamiera coibentati.
- Tribune telescopiche retrattili per il pubblico fornite e posate all'interno del locale vasche  e disposte parallelamente al lato lungo della vasca olimpionica in  spazio delimitato sulla banchina laterale. Tribune con struttura in profili in acciaio inox AISI 316 verniciato con polveri epossidiche termoindurenti, panche in alluminio estruso e stratificato e piani di calpestio in legno trattato autoestinguente, resistenti ai vapori di cloro, e facilmente igienizzabili; il tutto rispondente alle normative vigenti in materia, nonché alle disposizioni impartite dal CONI per la visibilità dell'area di gioco e alle norme UNI.
- Tribune per il pubblico al piano 1° realizzate tramite gradoni in c.a. gettati in opera, nelle dimensioni previste dai disegni strutturali, in modo da consentire, in condizioni di sicurezza (presenza di parapetto a norma) la visibilità degli spettatori secondo le norme CONI e la normativa UNI. I gradoni saranno rifiniti con vernice da pavimento in cemento del tipo adatto al traffico pesante nei colori a scelta della D.L., i posti fissi saranno costituiti da "sedute senza schienale" numerate, tassellate sul c.a., in scocca stampata in plastica ignifuga Cl.1 conformi alla norma UNI.
- Separazione pubblico/atleti h. m. 1,10, su banchina lungo bordo vasca natatoria, di divisione tra area spettatori su tribune telescopiche e bordo piscina (attività sportive), realizzata con transenne con  struttura in tubolari e bacchette verticali in acciaio zincato verniciato, con piedini rivestiti in gomma, posizionate sulla banchina agganciate tra loro, (removibili solo da personale autorizzato) certificate antiribaltamento e rispondenti alle normative vigenti e norme CONI.
- Tornelli con tripode con posizionata sul fianco sbarra per passaggio disabili, a sblocco automatico  per U.S. e controllo elettronico, collocati sui passaggi per il controllo degli accessi alle zone con attività  sportive specifiche.
- Scale di sicurezza esterne a norma in c. a., ove necessario protette tramite pannelli REI 60'.
- Recinzione dell'area esterna realizzata in piantoni (interasse m. 2,00) in profilati    di ferro zincato a "T" o tubolari e rete metallica plastificata come esistente.
- Formazione delle aeree a verde, indicate in progetto, a prato, con messa  a dimora a ridosso della recinzione dell'area di cespugli a formazione di siepe, del tipo come esistente.
- Staccionate di delimitazione percorsi esterni realizzate con transenne in legno o con montanti in tubi in acciaio inox e corda di delimitazione in nylon. 
 
Campi per il beach- volley
- I due campi per il gioco del beach- volley, unibili in un campo da beach-soccer,  saranno realizzati con pavimentazione in sabbia,  protetti lungo il perimetro, da  recinzione composta da pali H 6 m e rete in P.V.C. con maglia 125x125mm tesata con cavi in acciaio plastificato.
Area gioco bimbi

Area con attrezzature "Gioco bimbi" costituita da altalena a due posti, un castello con scivolo, una palestra esagonale, rispondenti alle norme specifiche e n° 3 panchine in legno (modelli a scelta della D.L.).  L'area di impatto dei giochi avrà la pavimentazione certificata "anti-shock", in quadroni colorati di granuli di gomma pressati (sp. cm. 3,5), con piedini distanziali preformati (sp. cm. 3), incollati su battuto in cls e raccordi a scivolo, o in alternativa gettata in opera;  aree circostanti (aree di sicurezza) realizzate con cassonetto con riempimento in sabbia spessore 30 cm. su strato separatore in tessuto non tessuto di polipropilene.
A perimetrazione delle pavimentazioni di cui sopra saranno posizionati  cordoli in cemento e recinzione bassa (h. 1 m.) con piantoni a "T" o tubolari e rete plastificata, con cancelletto di ingresso.
 
 
Aree esterne pavimentate
- Sono state previste aree esterne all'intorno dell'edificio: il piazzale pavimentato in autobloccanti in cemento vibrato in colori diversi del tipo ad alta resistenza carrabili, spessore cm. 6/8; il corsello a nord-est, a servizio del calaggio dell'interrato realizzato con cassonetto stradale e pavimentazione in asfalto.

Cabina elettrica di trasformazione da M.T. a B.T.
- Cabina elettrica di trasformazione con dimensioni stimate in  m. 13.00 x m. 4.70, altezza totale circa m. 3.20,  prefabbricata in c.a..
Impianti
Per la descrizione più dettagliata si rinvia alle relazioni tecniche, impiantistiche allegate. Di seguito si riporta una descrizione sintetica:

1. Impianto idrosanitario con rete di adduzione in tubi zincati mannesmann, apparecchi sanitari in vetrochina, con tipi speciali per i servizi handicappati e infermeria, rubinetteria in ottone cromato serie pesante con comandi speciali per handicappati,  servizi pubblico, servizi cucina e infermeria.
2. Impianto fognario con rete fognatura nera in percorso in vespaio sotto edificio in geberit, in percorso interrato in PVC pesante con pozzetti prefabbricati dotati di chiusini in ghisa, fognatura bianca in PVC rigido con pozzetti prefabbricati dotati di caditoie e chiusini in ghisa.
3. Impianto antincendio composto da idranti, attacchi motopompa ed estintori portatili.
4. Impianto elettrico secondo le vigenti normative di settore e rispondente  alle normative  CONI;  esso sarà  completo di linee per illuminazione, forza motrice, prese di corrente  complete di tubazioni, canaline, conduttori, quadri elettrici, prese, interruttori,  apparecchi illuminanti; impianto antincendio con luci di emergenza, impianto di terra.
5. Impianto telefonico.
6. Impianto elettrico centralina, rivelatori, allarme e segnalazione antincendio.
7. Impianto di diffusione sonora.
8. Impianto di illuminazione esterna campi gioco, percorsi pubblica parcheggi.esterni, illuminazione .
9. Impianto video citofonico.
10. Impianto di videocontrollo.
11. Impianto TV.
12. Impianto elettrico a servizio della C.T. e dell'impianto di climatizzazione.
13. Impianto fotovoltaico con pannelli sulle coperture.
14. Impianto di riscaldamento, termoventilazione ed estrazione aria viziata secondo le vigenti normative di legge e rispondente alle normative CONI, costituito da Centrale Termica a gas di rete posta in apposito locale al piano sottotetto contenente le caldaie, i vasi di espansione e le elettropompe. Nell'interrato sono stati installati i bollitori per l'acqua calda sanitaria, gli scambiatori per le vasche, lo stacco per i radiatori interni, tutti con i relativi gruppi di pompaggio.  Al piano sottotetto sono posizionate le U.T.A. per il locale vasche,  le U.T.A. delle palestre degli spogliatoi, ecc..
15. Impianto cucina a gas di rete.
16. Impianto di distribuzione del gas  a valle del contatore.
17. Nei locali al piano interrato, sono stati installati gli Impianti di trattamento, circolazione e disinfezione acqua (comprese le vasche di compenso) delle piscine coperte e piscina ludica, più il gruppo scambiatori di calore e impianto di raffrescamento..
18. Allacciamenti degli impianti alle reti di distribuzione e di scarico.

Dimensioni  di massima delle superfici dell'impianto sportivo
Edificio piscina
- Superficie totale coperta  mq.  4.900,00
- Superficie lorda di pavimento (SLP)  Piano terra mq. 4.900,00
- Superficie lorda di pavimento (SLP)  Piano primo mq. 900,00

Piano Terreno
- Sala vasche  mq. 2.800,00
- Depositi mq. 79,00
- Spogliatoi bagnanti, istruttori e servizi igienici mq. 815,00
- Uffici, reception mq. 130,00
- Atrio, connettivo, infermeria,servizi pubblico, ripostigli e locali tecnici mq. 83,00
- Attività comm., gioco bimbi mq. 43,00
- Bar, ristorante, cucina e servizi annessi mq. 350,00
Totale  mq. 3.250,00

Piano Primo
- Atrio, connettivo, reception, attesa, spogliatoi personale, servizi igienici pubblico, servizi igienici personale e connettivo mq. 177,00
- Depositi mq. 13,00
- Spogliatoi mq. 170,00             
- Palestre mq. 190,00                      
- Sauna, bagno turco mq. 120,00                                  

- Centro estetico, solarium mq. 95,00
- Tribune pubblico 1° piano mq. 135,00
Totale mq. 900,00

Piano sottotetto
- Soppalco palestre, ripostiglio e scala interna mq. 135,00
- Area per attività future mq. 304,00
- Area impianti tecnologici e connettivo mq.   246,00             

Totale mq. 685,00

Aree all'aperto oggetto di intervento
- Corsie di servizio locali tecnologici mq. 140,00
- Piazzali pavimentati mq. 140,00
- Percorso pedonale (di collegamento alle  piscine esterne) mq. 140,00
- Campo beach volley/beach soccer mq. 140,00
- Area gioco bimbi mq. 797,00
Totale mq. 1.180,00
 
Aspetti funzionali e interrelazionali degli elementi di progetto

Il progetto prevede la realizzazione di un impianto sportivo-natatorio composto da piscine coperte e all'aperto correlate, palestre e attività per il fitness, così organizzato:
- dall'avancorpo ad "arco" a nord-ovest, dalla nuova strada, ingresso/biglietteria per il pubblico, con punti ristoro, servizi, pronto soccorso e accessi per gli spettatori alle gradinate poste sulle tribune mobili retrattili, posizionate sulla banchina della vasca natatoria/pallanuoto, per circa 728 posti;
- ingresso principale ad ovest, dalla nuova strada, in adiacenza a quello esistente degli attuali impianti sportivi; ingresso secondario per atleti in occasione di manifestazioni agonistiche, posto più a nord dell'ingresso principale, atto a consentire la separazione tra pubblico e gli utenti del complesso; ingresso di servizio in intercapedine dalla medesima via per l'accesso ai locali tecnologici interrati;
- l'ingresso all'edificio avviene, tramite bussola, in un atrio unico nel quale sono collocati una reception-biglietteria, gli uffici amministrativi (dotati di sala riunioni e di servizi igienici), un'area gioco bimbi, uno spazio commerciale, servizi igienici per il pubblico e per il bar ed il ristorante.

Dall'atrio si accede:
- a destra all'infermeria ed ai servizi igienici per il pubblico;
- a destra al bar e successivamente al ristorante con ampie vetrate che guardano ad est verso la piscina estiva all'aperto e che aprono su uno spazio destinato a ristorante all'aperto dal quale, mediante scala esterna, si accede al solarium posto sulla terrazza al primo piano. Il ristorante è dotato di adeguata cucina con dispensa e spogliatoi con servizi per il personale, organizzata con il sistema "marcia avanti" e secondo le normative HACCP, e di spazio schermato esterno per deposito contenitori rifiuti a norme d'igiene. Il collegamento con la sala ristorante avviene mediante filtro a norma;
- di fronte all'ingresso alla scala ed ascensore per i collegamenti al primo piano verso le palestre, il centro benessere, il centro estetico e le tribune fisse;
ai lati della scala, attraverso tornello con tripode, agli ingressi degli spogliatoi della piscina, dimensionati in base alle normative vigenti d'igiene, di sicurezza e CONI, comprendenti spogliatoi collettivi e individuali a rotazione, dotati di servizi igienici e docce in numero adeguato, accessibili ai disabili, con accesso diretto attraverso presidi di bonifica alla sala vasche coperta ed alle piscine estive all'aperto;
a sinistra agli uffici-segreteria e reception-biglietteria per complessivi 80 mq..

Dagli spogliatoi delle piscine si accede:
- frontalmente alla sala vasche coperta con travature piene in legno lamellare e soffitto in doghe di legno, dotata di vasca natatoria/pallanuoto di m. 25,00 x 50,00 a 10 corsie  con profondità di m. 2,10, con fossa sub con profondità -10 m. e dimensioni di 5 x 10 m., chiudibile tramite fondo mobile a -2,10, di una vasca per acquafitness e allenamento di m. 6,00 x 25,00 con profondità di m. 1,30 e di vasca ricreativa e per acquaticità  m. 6,00 x 5,00, profondità m. 0,60. Le vasche sono dotate di sfioro "alla finlandese" e di raccolta acqua della spiaggia in canaletta grigliata di smaltimento. La sala è in comunicazione visiva diretta attraverso grandi vetrate con il solarium verde esterno e verso la piscina estiva all'aperto;
- La vasca di 50,00 m., oltre ad essere dotata di pontile mobile, è suddivisibile con paratie mobili in vasche di 25,00 m. (4 di 3 corsie ciascuna) lasciando sempre le 4 corsie centrali con lunghezza di 50,00 m. . Le paratie sono incassate sul fondo e si sollevano con un sistema pneumatico ruotando verso l'alto dalla posizione orizzontale alla posizione verticale;

Dalla scala e ascensore dall'atrio si accede:
- al piano primo ad una seconda reception con bancone e back-office al connettivo di distribuzione:
- ad una palestra fitness con superficie di 182 mq. con un soppalco di 109 mq. ed ai relativi spogliatoi divisi per sesso dimensionati per l'utenza prevista, dotati di servizi igienici, docce e  deposito;
- un centro estetico / solarium comprendente n. 5 box di trattamento, attesa e wc;
un centro benessere con sauna e bagno turco articolato in zone calidarium/tiepidarium/frigidarium e relativi spogliatoi;
- due spogliatoi per gli istruttori palestre divisi per sesso;
- uno spogliatoio per il personale;
- una tribuna aperta sulla vasca natatoria/pallanuoto per circa 138 spettatori seduti, 10 in piedi e due postazioni per disabili su sedia a ruote;
- all'aperto ad un solarium su terrazzo, in parte pavimentato in battuto in cls verniciato ed in parte con pavimentazione antishock attrezzabile con sdraio, ombrelloni o giochi bimbi, collegato con il sottostante bar/ristorante mediante scala - all'aperto con funzione anche di scala di sicurezza.
- al sottotetto, contenente un'area non utilizzata a disposizione per attività future di circa mq. 300 e un vano tecnico, separato dalle aree di attività, con  impianti di trattamento aria (macchine UTA) differenziati per i vari locali presenti al Piano 1°.
 
Il centro sportivo è dotato di piazzali pedonali pavimentati all'intorno dell'edificio e un corsello a nord-est, con accesso di servizio dalla nuova strada, a servizio del calaggio e della scala di accesso all'interrato, contenente i locali tecnologici (trattamento acqua  piscine, trattamento aria, centrale termica, ecc.) con percorsi di accesso completamente separata dalla zona ad uso degli utenti dell'impianto.
Oltre la Nuova Strada, a nord e a ovest saranno situati i parcheggi con posti auto,  motocicli e cicli e posti bus, in numero atto a soddisfare gli standard CONI; le aree a parcheggio e la nuova strada, previste dal PRGC, saranno realizzate a cura dell'Amministrazione Comunale.
Come già detto i dimensionamenti e le caratteristiche tecniche edilizie ed impiantistiche degli spogliatoi e delle attrezzature sportive sono stati effettuati sulla base delle normative CONI, Regolamento Regionale, delle norme Igienico Sanitarie,  Antincendio  e di Sicurezza vigenti per gli impianti sportivi, delle norme vigenti per il superamento delle barriere architettoniche.

  
Profilo architettonico dell' intervento

La configurazione complessiva del progetto definitivo conferma le linee architettoniche generali, proposte nel progetto preliminare; l'edificio è quindi caratterizzato dalla compenetrazione dei due volumi:
- il primo comprendente il corpo vasche della piscina al piano terra con gli spogliatoi e gli spazi del 1° piano, costituito da due rettangoli in pianta e racchiuso da pareti verticali e da due coperture curve raccordate tra l'altezza del volume doppio (piano terra + 1° piano) e l'altezza sulla vasca;
- il secondo costituito da una forma planimetricamente segnata da un'ampia curva (sfogliata in più curve a racchiudere funzioni diverse, ingresso, atrio, uffici, bar/ristorante ecc.) sul fronte d'ingresso a ovest e da un fronte rettilineo vetrato aperto a sud-est verso il solarium e le piscine all'aperto (orientate come il fronte) e da una copertura piana a terrazzo che costituisce un secondo solarium sopraelevato.
I due volumi compenetrati sono "cuciti" con il segno forte della scala e ascensore che prosegue in altezza con un segnale visivo costituito da frangisole metallici che supportano la scritta indicativa dell'impianto.
L'insieme risulta fortemente caratterizzato volumetricamente, pur con un impatto "morbido" con l'ambiente, attraverso le linee curve delle coperture e del fronte verso l'accesso.
Il volume delle vasche, nella parte bassa sul fronte nord-ovest, è completato dalla presenza dell'avancorpo ad arco, con l'ingresso/biglietteria per il pubblico delle tribune sul piano piscine.
Per le facciate sono stati confermati i materiali coerenti sia con le strutture portanti a grande luce, in travi piene in legno lamellare, che sporgono dalle pareti perimetrali a sostenere le coperture, sia con i caratteri formali dell'edificio: perciò per le pareti della piscina grandi vetrate fisse traslucide e trasparenti apribili e pannelli in legno a vista (questi in alto sul lato aperto a sud-ovest verso il solarium e in basso sul lato nord-est) in un ritmo scandito dai pilastri portanti in c.a.; per le altre pareti un rivestimento a "parete ventilata" in pannelli di alluminio colore naturale ciechi o microforati ove occorrente, e vetrate nelle palestre al 1° piano.
Le coperture curve sono caratterizzate dal colore chiaro naturale dell'alluminio, congruente con le pareti ventilate.
All'interno nella sala vasche la copertura scandita dalle travi lamellari ricurve, è prevista all'intradosso con doghe di legno distanziate tra loro con funzione di assorbimento acustico, oltre che con funzione estetica.
Il soffitto sarà anche visibile al 1° piano nelle palestre, nelle tribune e in parte del connettivo, nelle zone non interessate da locali tecnologici posti in sottotetto.
Gli altri elementi di finitura dell'edificio sono anch'essi congruenti con i materiali di facciata: serramenti, frangisole, gronde e pluviali, canne fumarie in alluminio naturale e pre verniciato.
Il progetto architettonico definitivo, confermando il progetto preliminare, ha tenuto conto del tema del risparmio energetico e dell'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili integrando le tecnologie nell'architettura:
- orientamento della facciata principale della vasca, verso sud-est, determinato sia dalla comunicazione visiva e pedonale con le vasche all'aperto sia dal ricercare l'effetto serra delle vetrate per il locale vasca;
- orientamento e conformazione del tetto sempre verso sud, sud-est, per il posizionamento dei pannelli fotovoltaici  e termici sulle coperture stesse;
- utilizzo di materiali adeguati come vetrate termoisolanti con serramenti a taglio termico, vetri a basso emissivo, pareti vetrate traslucide con materiale isolante trasparente, pareti cieche del tipo ventilato rivestite in alluminio.