1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Buoni spesa Emergenza Covid: nuovo bando da mercoledì 9 giugno

Aprirà mercoledì 9 giugno il nuovo bando per l’assegnazione delle risorse destinate al Comune di Lodi dal Decreto legge del 23 novembre 2020 per promuovere misure urgenti di solidarietà alimentare, rivolte ai nuclei familiari particolarmente esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza sanitaria e in stato di bisogno. 
I Servizi Sociali del Comune di Lodi si occuperanno dell’assegnazione ed erogazione dei contributi in forma di buoni spesa per l’acquisto di beni di prima necessità.
A dicembre 2020 è stato gestito un primo avviso che ha ammesso 453 domande, con risorse attribuite pari a 139.400 euro. I fondi attualmente a disposizione sono quelli residui e ammontano a 114.847,59 euro che saranno messi a disposizione con le modalità di seguito descritte.

“Ad aprile 2020 il Comune di Lodi ha aperto il primo avviso per la distribuzione di risorse, garantite dal Governo, alle famiglie colpite dalle conseguenze economiche della crisi - spiega il Sindaco Sara Casanova -. Sono seguiti altri due bandi che complessivamente hanno permesso di erogare oltre 400.000 euro in forma di buoni spesa o alimenti e beni di prima necessità forniti dal Centro di raccolta solidale per il diritto al cibo. Sono finora 1324 le domande ammesse da parte di nuclei familiari di Lodi. I fondi ancora a disposizione potranno garantire un aiuto concreto ai cittadini, con priorità per chi non ha beneficiato dell’assegnazione dei buoni spesa partecipando al precedente avviso pubblico di dicembre”.
 
Quando presentare domanda?
I buoni spesa si possono richiedere ESCLUSIVAMENTE IN MODALITÀ TELEMATICA, A PARTIRE DAL 09 GIUGNO 2021, DALLE ORE 11.00, ED ENTRO E NON OLTRE LE ORE 13.00 DEL 23 GIUGNO 2021.

Come presentare domanda?
Compilando l’apposito modulo disponibile sullo Sportello telematico polifunzionale del Comune.

<<<   https://sportellotelematico.comune.lodi.it/action:s_italia:accedere.interventi.solidarieta.alimentare   >>>

Occorre munirsi di TESSERA SANITARIA IN CORSO DI VALIDITÀ (CRS - Carta Regionale dei servizi /CNS - Carta Nazionale dei Servizi), con abilitazione del PIN e relativo CODICE OPPURE delle CREDENZIALI SPID* (in questa pagina più sotto le indicazioni utili). 

Solo nel caso in cui il richiedente non sia in possesso dei documenti utili per ottenere la tessera sanitaria, con abilitazione del pin e del relativo codice o delle credenziali SPID
, sarà possibile richiedere un supporto contattando l'Ufficio Servizi Sociali, al numero 0371.4091 (Centralino), per poi selezionare i tasti n. 5 e poi n. 4. 

Il servizio sarà attivo, nel periodo di apertura dell’Avviso, nei seguenti giorni e orari:
- lunedì e mercoledì, dalle 14 alle 16; 
- giovedì e venerdì, dalle 12.30 alle 14.

NON SARANNO ACCETTATE E RITENUTE VALIDE ALTRE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE.
 

Si ricorda che può essere presentata una sola domanda per nucleo familiare.
L’Ufficio Servizi Sociali effettuerà controlli sulle dichiarazioni rese. Qualora emergesse la non veridicità dei requisiti presentati, il richiedente decadrà dai benefici eventualmente concessi ed incorrerà nelle sanzioni penali di cui al D.P.R. 445/2000.

Qual è il valore del buono spesa?
L’importo varia in base al numero di componenti del nucleo familiare, come da tabella seguente.

Numero componenti familiari
Importo
1
€ 200,00
2
€ 250,00
3
€ 300,00
4+
+ € 50,00 per ciascun componente in più


Quali sono i requisiti per poter richiedere i buoni?

Possono richiedere i buoni i cittadini
● residenti nel Comune di Lodi oppure presenti sul territorio comunale con un valido motivo e titolo (purché non residenti in altri Comuni e non già ospitati presso strutture comunitarie con oneri totalmente a carico degli Enti pubblici);
● il cui nucleo familiare disponga di liquidità dichiarata su conti correnti non superiore a 6.000 euro alla data del 30 aprile 2021;
● il cui nucleo familiare abbia un introito netto di qualsiasi natura (es. stipendio, pensione, assegno sociale, pensione di inabilità, assegno di invalidità o di inabilità, Cassa integrazione guadagni, Naspi, indennità di mobilità, reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, reddito di emergenza e altre indennità speciali connesse all’emergenza sanitaria), riferito all’intero anno 2020 (da gennaio a dicembre compresi), come da tabella seguente:

Numero componenti familiari
Introito netto massimo
1
€ 9.000,00
2
€ 12.600,00
3
€ 16.200,00
4
€ 19.800,00
5
€ 23.400,00


Con quale priorità vengono assegnati i buoni?
Una volta verificati i requisiti, l’Ufficio Servizi sociali procederà ad assegnare i buoni spesa ai beneficiari, rispettando l’ordine cronologico di presentazione delle domande.
Se le risorse non fossero sufficienti a finanziare tutte le domande ammesse, il contributo verrà concesso prioritariamente a:

1. nuclei familiari che non hanno già beneficiato dell’assegnazione di buoni spesa, partecipando all’avviso emesso nel dicembre 2020;
2. nuclei familiari i cui componenti non percepiscono attualmente alcun contributo o sostegno pubblico al reddito (Cassa integrazione guadagni, Naspi, indennità di mobilità, reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, reddito di emergenza e altre indennità speciali connesse all’emergenza), così come previsto dall’art. 2, comma 6 dell’Ordinanza di Protezione Civile n. 658/2020;
3. nuclei familiari in cui sia presente un cittadino in condizioni di fragilità (minore,  persona con riconoscimento di invalidità civile al 100% o in possesso della condizione di disabilità ai sensi della L. 104/92).

L'esito, le modalità e le tempistiche di distribuzione saranno comunicate solo al termine della raccolta delle domande e dell'esame delle stesse.

*TESSERA SANITARIA IN CORSO DI VALIDITÀ (CRS - Carta Regionale dei Servizi /CNS - Carta Nazionale dei Servizi) con abilitazione del PIN e relativo CODICE.

Che cosa serve per richiedere il PIN della TS - CNS?
Per richiedere il codice PIN della Carta Nazionale dei Servizi presso uno degli sportelli abilitati servono:
- la Tessera Sanitaria - Carta Nazionale dei Servizi;
- un documento di riconoscimento (carta di identità, passaporto, patente di guida, etc.);
- un numero di cellulare o indirizzo e-mail al quale sarà inviata la seconda parte del PIN, mentre la prima parte sarà consegnata direttamente dall’operatore.

Dove posso richiedere il PIN della TS - CNS ?
Per richiedere il codice PIN della Carta Nazionale dei Servizi è necessario che un operatore svolga una verifica dell’identità dell’interessato. Occorre quindi recarsi personalmente:
- presso tutti gli uffici di Scelta e Revoca;
- presso gli uffici di spazioRegione;
- Se si riceve una nuova TS - CNS e la carta precedente non è ancora scaduta, è possibile accedere con la vecchia carta e il vecchio PIN alla pagina dedicata del Sistema Tessera Sanitaria.

È possibile delegare qualcuno per richiedere il codice PIN della carta?
Se il titolare della carta si trova in una situazione di impedimento temporaneo per ragioni di salute, il codice PIN può essere richiesto allo sportello dal coniuge o, in sua assenza, dai figli o, in mancanza di questi, da un altro parente in linea retta o collaterale fino al terzo grado.
Per richiedere il codice PIN della carta presso uno degli sportelli occorrono:
- il modulo di ritiro PIN, con delega per motivi di salute;
- la Tessera Sanitaria - Carta Nazionale dei Servizi del titolare;
- un documento di riconoscimento del titolare della carta e del dichiarante (carta di identità, passaporto, patente di guida, etc.);
- un numero di cellulare o indirizzo e-mail al quale sarà inviata la seconda parte del PIN, mentre la prima parte sarà consegnata direttamente dall’operatore.

Cosa fare se il PIN della carta è bloccato?
Se il PIN è stato digitato erroneamente per tre volte, la carta viene bloccata. Occorre quindi utilizzare il software CRS Manager e sbloccare la carta grazie al codice PUK (in questo caso occorre avere un lettore di smartcard). Se non si è in possesso del codice PUK, ci si può rivolgere agli stessi sportelli abilitati al rilascio del codice PIN. E’ quindi necessario utilizzare un lettore abilitato alla lettura delle carte CRS o CNS, connesso al proprio computer personale ed aver installato un software per la lettura delle carte CRS o CNS.

Di seguito l’indirizzo web da cui scaricare il software:
https://www.lispa.it/wps/portal/LISPA/Home/Servizi-di-Certificazione-Digitale/Software-per-CRS-CNS 

Una volta effettuati i passaggi sopra descritti, è sufficiente connettersi alla piattaforma informatica regionale www.serviziabitativi.servizirl.it, selezionare “Cittadino” e inserire la carta nel lettore digitando il relativo PIN.

CREDENZIALI SPID (username e Password)

Cosa serve per richiedere le credenziali SPID?
- un indirizzo e-mail;
- il numero di cellulare usato normalmente abilitato su smartphone;
- un documento di identità valido (carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno);
- la tessera sanitaria con il codice fiscale

Cosa fare per ottenere le credenziali SPID?
Occorre registrarsi presso uno dei soggetti abilitati al rilascio del PIN unico per l’identità digitale. Ecco quali sono al momento gli Identity Provider abilitati ad attivare le credenziali SPID: Poste Italiane, Aruba, InfoCert, Sielte, Tim, Namirial, Intesa Id, Spid Italia.

La registrazione avviene in 3 step che prevedono:
1. inserimento dei dati anagrafici;
2. creazione delle credenziali SPID personali;
3. effettuazione del riconoscimento.

Le modalità per ottenere le credenziali SPID e le procedure di “riconoscimento” previste da ciascun fornitore, sono descritte più dettagliatamente al seguente link: www.spid.gov.it/richiedi-spid