1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Tariffe per servizi e uso spazi comunali: nel 2021 saranno invariate. Introdotte alcune esenzioni

La Giunta comunale ha deliberato le tariffe relative all’erogazione di servizi e all’uso di spazi comunali, che per l’anno 2021 non subiranno aumenti. Sono inoltre stabilite alcune esenzioni

“Una decisione doverosa per non gravare sui cittadini già messi alla prova dal protrarsi dell’emergenza sanitaria - dichiara il Sindaco Sara Casanova -. Le tariffe sui servizi e per l’uso degli spazi comunali rimarranno invariate e, anzi, saranno previste alcune esenzioni. Inoltre, come abbiamo già avuto modo di comunicare, per tutto il 2021 bar, ristoranti e pubblici esercizi non pagheranno il plateatico e anche le tariffe relative alle occupazioni di suolo pubblico, alla pubblicità e affissioni si confermano sostanzialmente in linea con lo scorso anno. La Giunta ha infine stabilito la soppressione del pagamento dei diritti di segreteria per il rilascio dei certificati anagrafici e la riduzione dei costi dei duplicati delle carte di identità”.

Le tariffe approvate con delibere del 7 maggio riguardano i servizi socio-assistenziali, educativi e scolastici, i servizi cimiteriali e di illuminazione votiva, l’uso delle sale e degli spazi espositivi comunali, dello stadio comunale Dossenina e dell’impianto Belgiardino. Vengono prorogate fino a giugno 2021 le esenzioni già in vigore per l’uso del PalaCastellotti, delle palestre scolastiche in edifici comunali e delle palestre Ghisio, Fraschini, Grignani e per il Campo Capra.

“Nonostante i costi aggiuntivi che l’Amministrazione comunale ha dovuto sostenere per le sanificazioni, l’organizzazione dello scodellamento in aula e dei servizi di pre e post scuola, che hanno richiesto un aumento del personale dedicato, nel 2021 le tariffe per i servizi scolastici a domanda individuale non aumenteranno - aggiunge l’assessore all’Istruzione e ai Servizi al cittadino Giusy Molinari -. Introdurremo anche una novità sui servizi cimiteriali, ovvero l’azzeramento dei costi di deposito delle salme nel caso in cui si verifichino ritardi imputabili a malfunzionamento o alle necessità di manutenzione del forno crematorio”.

Lodi, 10 maggio 2021