1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Infopoverty World Conference:anche Lodi aderisce

INFOPOVERTY WORLD CONFERENCE: ANCHE LODI ADERISCE AL PROGETTO OCCAM DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SU PIATTAFORMA SATELLITARE

Il Comune di Lodi ha partecipato ai lavori dell'ottava edizione di "Infopoverty World Conference", svoltasi il 17 Aprile presso il Politecnico di Milano.
L'evento, organizzato da OCCAM, si propone come un importante momento di riflessione e di approfondimento sul rilevante tema dell'uso delle nuove tecnologie a sostegno della lotta alla povertà. Piergiacomo Ferrari, presidente del Comitato di Promozione e Sviluppo di OCCAM, ha aperto i lavori evidenziano che  l'azione dell'OCCAM avviene in tutto il mondo, con un network esteso a istituti di ricerca, università, professionisti, aziende, per portare attraverso l'informazione, l'aiuto pratico necessario allo sviluppo e al benessere di popoli meno fortunati, mettendo a disposizione dall'Italia la ricchezza delle nostre competenze più avanzate. Tra i numerosi interventi che si sono succeduti nell'arco della mattinata, l'assessore alla cooperazione del Comune di Lodi, Andrea Ferrari è intervenuto nella sessione riguardante le "Nuove forme di cooperazione pubblico-privato" .
Il Comune di Lodi - è stato sottolineato - ha sviluppato una propria strategia di intervento basata sulla creazione di un quadro istituzionale di partenariato quale supporto sia alle iniziative progettate direttamente dall'amministrazione sia alle azioni dei diversi soggetti pubblici e privati interessati a realizzare programmi di cooperazione
La sessione pomeridiana ha visto un singolare collegamento con il palazzo di vetro dell'ONU a New York. Una teleconferenza via satellitare che ha collegato Milano con New York e altre sedi di Onu e varie istituzioni internazionali in tutto il mondo.
Temi della discussione sono stati i nuovi scenari per un mondo possibile, ulteriore conferma di come la rivoluzione digitale può e deve trovare soluzioni alle problematiche poste dall'incontrollato sviluppo postindustriale. E' stato evidenziato come l'ICT deve sempre essere utilizzata come strumento per aumentare l'efficacia/efficienza delle azioni a favore dei poveri e delle le comunità indigene. Le tecnologie devono essere disponibili per tutte le comunità locali, specie per i Paesi più poveri.
"Tecnologie a basso costo" dovrà essere lo slogan del millennio, hanno sottolineato la maggior parte degli interventi a New York. Pierpaolo Saporito, presidente di OCCAM, ha sottolineato da New York l'importanza che la fornitura di fondamentali informazioni necessarie per la crescita in  campo educativo, economico e sociale venga garantita in tempo reale a tutte le comunità che normalmente non hanno accesso al sistema di comunicazioni che contraddistingue la parte più evoluta del pianeta e non godono di analoghi standard di benessere materiale e qualità della vita.
Il Sindaco di Lodi, Lorenzo Guerini, ha precisato che l'impegno della città in questa iniziativa si svilupperà anche sui fronti dell'educazione a distanza e della tele-medicina, grazie all'apporto di conoscenze e di strumenti di azione che verrà garantito da altri soggetti locali che hanno già manifestato la loro volontà di aderire al progetto, quali le istituzioni scolastiche e i servizi sanitari del territorio, tra cui l'Ospedale Maggiore di Lodi. Dalla piattaforma satellitare di servizi che porrà in costante relazione Lodi con Sambaina transiteranno così contenuti e informazioni che supporteranno un articolato sistema di insegnamento interattivo, tanto nella didattica di base quanto nella formazione professionale e nell'aggiornamento specialistico, nonché un presidio di telemedicina che consentirà, per esempio, un consulto medico 24 ore su 24.
"E' fondamentale sottolineare -  ha concluso Guerini - come lo spirito con cui Lodi si accosta a questa stimolante esperienza sia quello di aprirsi a un confronto improntato non solo alla disponibilità di collaborazione tra una comunità locale di un Paese avanzato e quella di un Paese in via di sviluppo, ma anche alla volontà di uno scambio profondo, nella convinzione che da questo rapporto possa conseguire un reciproco arricchimento, economico ma soprattutto sociale e culturale".
La delegazione lodigiana che ha partecipato a Infopoverty World Conference comprendeva anche il direttore dell'Ufficio Scolastico Provinciale, Stefano Taravella, il vice preside della scuola media "Don Milani" e consigliere comunale Demetrio Caccamo, e Salvino Nupieri, consigliere del Parco Tecnologico Padano.
(17-04-2008)