1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Famiglie

Anche nella città di Lodi, il Comune è il primo e più immediato punto di riferimento istituzionale per i cittadini e per le famiglie.
La situazione molto 'fluida' della società attuale, l'instabilità che la crisi economica porta con sé, la precarietà del lavoro, i forti cambiamenti nella composizione culturale e sociale dell'istituto familiare sono temi di vasta e assai rilevante portata, che chiedono oggi un'attenzione approfondita da parte di tutti, istituzioni comprese. Per questo a Lodi l'avvio di specifiche politiche rivolte alle famiglie intende venire in aiuto ed offrire alcune risposte concrete ad enunciazioni di principio che, altrimenti, resterebbero solo tali.
 
Famiglia è un tema naturalmente trasversale a tutti gli ambiti di operatività del Comune: ne sono coinvolti infatti servizi quali politiche sociali, urbanistica e politiche della casa, tributi locali e agevolazioni fiscali, tempo libero, offerta culturale, istruzione e trasporti scolastici, conciliazione dei tempi di vita-lavoro, parità di ruoli uomo-donna, sicurezza e vigilanza. La struttura comunale è quindi chiamata ad una 'conversione' nelle modalità di lavoro, per affrontare in maniera non esclusiva né parziale queste grandi sfide.
 
C'è ad ogni modo un settore più specifico dedicato ad elaborare le riflessioni e le azioni sulla famiglia, cui è dedicata appunto una specifica delega.

Per informazioni generali quindi, i riferimenti sono i seguenti: 

Sabrina Massazza - Dirigente del Settore Politiche Sociali
tel. 0371 409.332
e-mail: sabrina.massazza@comune.lodi.it
 

Il "Libro Verde"

E' il documento che il Comune consegna al dibattito pubblico per individuare, a partire da quanto già esistente, alcune linee programmatiche per il futuro delle politiche familiari nel nostro territorio, arrivando a elaborare scelte specifiche anche in base alle indicazioni che verranno fornite dai cittadini, dalle associazioni e dalle famiglie.
 
Il "Libro Verde" nasce da un impegno assunto dalla precedente Giunta Comunale (2010-2012): promuovere politiche familiari nell'ambito delle competenze del Comune e tramite un coordinamento delle Reti territoriali. Tale impegno ha condotto, nel corso dell'attuale mandato, all'avvio di un percorso di formazione e progettazione sulle politiche familiari per i membri della Giunta e per i Dirigenti del Comune e all'istituzione della Consulta delle Famiglie.
 

La "Consulta Famiglie"

Il Comune di Lodi riconosce la famiglia quale cellula fondante della società, ambito naturale nel quale si trasmettono i valori morali e civili, elemento fondamentale di coesione sociale e di solidarietà, così come sancito anche nella Costituzione: di conseguenza si impegna a promuovere una politica sociale, economica, di lavoro e di organizzazione dei servizi che sostenga la famiglia nel libero svolgimento delle proprie funzioni.
Per l'attuazione di tali intendimenti il Comune ha quindi istituito la Consulta per le Famiglie quale soggetto democratico, apartitico, aconfessionale, con funzioni propositive e consultive sulle problematiche familiari, nonché centro di partecipazione, analisi e confronto con le realtà sociali ed educative operanti nel territorio comunale.
 
Con l'istituzione della Consulta per le Famiglie il Comune da vita ad un organismo che possa contribuire ad un'efficace politica della famiglia, basata sui seguenti principi:

  • considerare la famiglia quale risorsa e bene comune per la società e la comunità locale, confermandone la centralità e l'insostituibilità
  • operare tenendo conto dei bisogni della famiglia non solo nei servizi sociali ma trasversalmente ai diversi settori di competenza comunale: politiche abitative/urbanistiche, politiche ambientali, politiche socio-sanitarie, politiche fiscali, politiche educative e culturali, politiche di conciliazione al lavoro
  • riconoscere la necessità di coordinare gli interventi che localmente si realizzano da parte delle diverse istituzioni, oltre che dal privato e dal privato sociale
  • sostenere le attività delle associazioni e del volontariato e lo sviluppo di meccanismi di raccordo tra realtà informali e formali, riconoscendone il ruolo a livello consultivo

 
La Consulta esercita queste competenze:

  • presenta proposte inerenti le tematiche familiari ed esprimere pareri sulle materie di competenza comunale riguardanti le politiche familiari ed i relativi servizi, portando in dote il bagaglio di conoscenza ed esperienza delle associazioni familiari
  • promuove iniziative in città al fine di favorire l'incontro fra Comune e mondo dell'associazionismo
  • sviluppa iniziative di sensibilizzazione per promuovere la partecipazione dei cittadini all'elaborazione, allo sviluppo e alla valutazione delle politiche familiari
  • raccoglie in modo sistematico le segnalazioni delle famiglie per verificare l'impatto sulle famiglie delle politiche e dei provvedimenti comunali
  • stimola l'amministrazione comunale nella realizzazione di studi e ricerche per orientare e aggiornare l'azione politica e amministrativa

Iniziative in ambito di politiche familiari