1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Abbandono di rifiuti in centro storico: individuati i responsabili

L'attività di controllo svolta dai tutor ambientali in servizio presso Astem Gestioni ha consentito oggi di individuare 10 persone responsabili dell'abbandono di un considerevole quantitativo di rifiuti indifferenziati (per un totale di circa 150 chilogrammi), scaricati all'angolo tra le vie Mons. Benedetti e della Costa, nel centro storico della città. Intervenuti a seguito di una segnalazione da parte di personale Astem addetto al servizio di igiene urbana, che nell'effettuare il gito di raccolta aveva notato la presenza del cumulo di materiale abbandonato, gli ausiliari hanno sottoposto i rifiuti ad un accurato vaglio, recuperando documenti che hanno consentito di risalire all'identità dei responsabili, tutti residenti nella zona tra via Battagio, via Mons. Benedetti e via della Costa. A loro carico è stato redatto verbale per abbandono di rifiuti, che verrà notificato agli interessati dalla Polizia Locale, con una sanzione di 50 euro per ogni infrazione rilevata.
 
"Lascia sempre l'amaro in bocca constatare che ci sono persone incuranti delle più elementari regole di convivenza civile - commenta il sindaco, Lorenzo Guerini - ma questo episodio è ancor più grave se pensiamo che i responsabili non si sono fatti scrupolo di causare il degrado della zona in cui abitano. Non siamo infatti in presenza di un caso di "pendolarismo dei rifiuti", fenomeno che colpisce soprattutto le aree periferiche della città: qui siamo in pieno centro, in un isolato densamente popolato, dove peraltro certi comportamenti irregolari non dovrebbero passare inosservati, soprattutto se si verificano con una certa frequenza, visto che l'angolo tra via Benedetti e via della Costa soffre da tempo di questo problema. Questa volta però i responsabili hanno commesso l'errore di lasciare tra i rifiuti anche documenti che indicavano le loro generalità. Spero che la cosa possa servire da esempio e che l'epilogo della vicenda dissuada altri incivili dall'adottare comportamenti analoghi. I controlli dei tutor ambientali proseguiranno con costanza e determinazione e per coadiuvare il loro lavoro verranno installate telecamere di sorveglianza nei punti maggiormente a rischio, tra i quali senz'altro l'angolo tra via Mons. Benedetti e via della Costa".
 
(06-03-2012)