1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Via libera al Piano di Governo del Territorio

Una città di 50.291 abitanti, contro i 75.500 ipotizzati dal Piano Regolatore del 1989 e rispetto ai 44.401 residenti registrati all'anagrafe alla fine del 2010, con una crescita di 5.890 abitanti determinata dalla conferma solo di una minima parte (pari a 1.100 abitanti) delle previsioni del Prg e dall'individuazione di nuovi spazi per circa 4.800 abitanti.
E' questa, in estrema sintesi, la "fotografia" del futuro a medio termine di Lodi che scaturisce dal nuovo Piano di Governo del Territorio, approvato dal consiglio comunale nella seduta oderina, con i voti favorevoli della maggioranza (24) e quelli contrari (13) ldi Pdl, Lega Nord e Insieme per il Lodigiano.
Avviato nel 2005, il complesso percorso di elaborazione del Pgt è entrato nella sua fase conclusiva nel dicembre 2009, con l'apertura della cosiddetta "fase di partecipazione", il periodo in cui la documentazione è rimasta in pubblicazione per la raccolta di osservazioni e proposte ed è stata esaminata nel corso di appositi incontri con le associazioni, gli ordini professionali e le organizzazione delle categorie produttive. Adottato da parte del consiglio comunale nel febbraio 2010, il Pgt (che si compone di Documento di Piano, Piano dei Servizi e Piano delle Regole, oltre alla Valutazione Ambientale Strategica) è stato quindi nuovamente posto in pubblicazione, raccogliendo 145 osservazioni, sottoposte ad una impegnativa istruttoria ed esaminate ai fini dell'accoglimento o non accoglimento, con le relative controdeduzioni, discusse e votate oggi dal consiglio comunale, che nelle sedute di lunedì 14 e martedì 15 marzo aveva invece affrontato l'esame degli emendamenti.
Basso consumo di suolo e deciso taglio delle previsioni di crescita Rispetto alle previsioni del Prg, il nuovo Piano di Governo del territorio attuerà un considerevole ridimensionamento della capacità insediativa teorica della città, portandola a poco più di 50.000 abitanti. In particolare, le residue potenzialità della variante generale del 1989 (collocate prevalentemente nell'oltre Adda, che rappresentava la principale nuova area di espansione della città) verranno ridotte di circa il 45 per cento. A ciò, nel Pgt si aggiungeranno le edificazioni residenziali su aree produttive dismesse e su aree standard (per circa 2.1000 abitanti equivalenti), gli ampliamenti di edifici residenziali esistenti tramite nuove norme del Piano delle Regole (per circa 400 abitanti equivalenti) e le previsioni insediative del Documento di Inquadramento Urbanistico dell'aprile 2008 (circa 2.800 abitanti equivalenti). L'effetto complessivo sarà quindi quello di restringere sensibilmente i margini di crescita della città, che nello scenario delineato dal Pgt saranno meno di un quarto di quelli ipotizzati dal Prg. Inoltre, Le "trasformazioni" programmate dal Pgt non toccheranno territorio "vergine", ma sostanzialmente solo aree compromesse (ex insediamenti produttivi dismessi) e aree con destinazione a servizi (standard): quindi, non verranno toccate né le aree a destinazione agricola né quelle destinate a verde pubblico.

Più spazi per i servizi di utilità pubblica: verde, parcheggi, scuole

Un aspetto molto importante del Pgt è quello relativo alla dotazione di servizi di interesse pubblico programmata per il futuro della città. La previsione del Piano è quella di portare la dotazione a 2.523.468 metri quadrati, rispetto a 1.812.869 metri quadrati del Prg (parte dei quali sulla carta e non ancora concretizzati): si verificherà quindi un aumento di ben 710.599 metri quadrati, pari a quasi il 40 per cento in più. Lo standard per abitante, di conseguenza, aumenterà di 8,6 metri quadrati, passando da 41,6 a 50,2.
Di seguito, si riportano i principali interventi previsti:

 
  • acquisizione pubblica di un'area di 547.225 metri quadrati per la realizzazione delnuovo Parco del Pulignano;
  • realizzazione di 400 nuove abitazioni di edilizia sociale tramite interventi di ediliziaresidenziale pubblica e incentivazione di interventi privati;
  • nuovi parcheggi pubblici e aree di interscambio tra trasporti pubblici e trasportiprivati nelle aree ex ABB e Consorzio Agrario;
  • realizzazione di una nuova area verde di 33.586 metri quadrati in località Cascina Concoreggia;
  • realizzazione di un parcheggio presso l'area Canottieri sulla riva nord dell'Adda (3.640 metri quadrati);
  • realizzazione di un parcheggio sull'asse di viale Piacenza (3.604 metri quadrati);
  • realizzazione di un nuovo plesso scolastico (asilo nido, scuola dell'infanzia, scuola primaria) nell'oltre Adda, su un'area di 3.670 metri quadrati e con una disponibilità di posti per 120 alunni;
  • ampliamento del plesso scolastico di San Gualtero per 1.500 metri quadrati;
  • realizzazione di una nuova struttura dedicata ai servizi culturali nell'area ex Linificio (11.848 metri quadrati);
  • realizzazione del nuovo Campo sportivo di Riolo (11.521 metri quadrati);
  • spazi aperti/piazze e centri collettivi in oltre Adda (3.000 metri quadrati);
  • individuazione dell'area per circhi e spettacoli viaggianti (10.000 metri quadrati);
  • realizzazione del nuovo canile comunale su un'area di 10.000 metri quadrati alle spalle del Cimitero Maggiore;
  • individuazione di un'area destinata a servizi sportivi privati (pista da motocross).