1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Risparmio energetico: rinnovamento di 367 impianti di illuminazione pubblica

Minori consumi di energia elettrica pari a 166.000 kilowatt/ora e un taglio di 115 tonnellate alle emissioni in atmosfera di CO2: sono i risultati attesi dal progetto di riqualificazione dell'illuminazione pubblica promosso dal Comune di Lodi e finanziato dalla Regione Lombardia con un contributo di 500.000 euro su un costo complessivo di 715.000 euro.
L'appalto per la realizzazione dei lavori è stato recentemente aggiudicato a Enel Sole Srl, in associazione temporanea d'impresa con Azeta, e gli interventi inizieranno nelle prossime settimane, secondo un calendario in fase di definizione. Nell'offerta presentata, oltre ad un ribasso del 7,4 per cento rispetto alla base d'asta, Enel Sole ha inserito come opera aggiuntiva la realizzazione a sue spese di un impianto di illuminazione artistica della cupola ottagonale e del portico di ingresso del Tempio Civico dell'Incoronata.
 
"Questo intervento - sottolinea il sindaco, Lorenzo Guerini - valorizzerà in modo significativo questo pregevole esempio di architettura sacra, capolavoro del Rinascimento lombardo, che costituisce senza ombra di dubbio il monumento più importante della città, nonché la sua principale attrazione turistica. Negli ultimi anni, l'illuminazione artistica ha vissuto un considerevole sviluppo a Lodi, con l'attivazione di appositi impianti, per esempio, sulla Cattedrale (prima l'abside nel 2006, quindi la facciata nel 2009) ed il Torrione ed il fossato del Castello (nel 2006), mentre è già in programma la nuova illuminazione di Palazzo Broletto".
 
"Il nuovo progetto sull'illuminazione pubblica - spiega l'assessore all'ambiente, Simone Uggetti - si inserisce nell'ambito di un piano di riqualificazione che dal 2009 ad oggi ha già portato alla sostituzione di 2.830 dei circa 5.000 impianti della città, a cui ora si aggiungeranno ulteriori 367 centri luminosi. Gli interventi realizzati sino ad ora hanno riguardato impianti di proprietà di Enel, sostituiti secondo quanto previsto dal nuovo contratto di servizio stipulato con Sole, la società del gruppo a cui è stata affidata la gestione della rete di illuminazione pubblica di Lodi. Gli impianti coinvolti in questo nuovo progetto sono invece di proprietà comunale. Le iniziative di adeguamento e modernizzazione degli impianti già realizzate hanno intanto permesso una riduzione dei consumi annui di energia elettrica pari a 920 megawatt/ora ed una diminuzione delle emissioni di CO2 di 480 tonnellate, grazie all'adozione di soluzioni tecnologiche (tra cui le lampade a Led, che Lodi è stata una delle prime città capoluogo a sperimentare in Italia) che a fronte di un maggior potere illuminante richiedono minori fabbisogni energetici. Con questo nuovo progetto faremo un ulteriore passo in avanti, alimentando tutti gli impianti con energia prodotta da fonti rinnovabili".
 
I circa 200.000 kilowatt/ora annui necessari per l'alimentazione dei 366 punti luce che verranno rinnovati saranno infatti più che coperti dalla produzione di energia elettrica garantita dai nuovi impianti fotovoltaici (per una estensione complessiva di 3.850 metri quadrati) installati sulle superfici di alcuni stabili di proprietà comunale (8 edifici scolastici, il Palazzo di Giustizia, il palazzetto dello sport e l'ex Linificio), che complessivamente genereranno oltre mezzo milione di kilowatt/ora all'anno, equivalenti a minori emissioni di CO2 per 317 tonnellate.

Il progetto, elaborato dalla Domec, prevede interventi su circa 50 vie della città, con particolare riferimento al centro storico ma con estensioni anche in altri quartieri (come San Fereolo, Porta d'Adda e Porta Cremonese). Nel dettaglio si tratta di via Gorini (16 centri luminosi), via Pallavicino (4), via Borgo Adda (18), vie Marini, Baggi, Oppizio, Marescalca, Raffaello Sanzio, Bramante, Michelangelo Buonarroti, Liguria ed Emilia Romagna (70), vie Dossena, Terzi, Pagani e Turati (13), via Garibaldi (15), via Gabba (4), via Incoronata (4), via Marsala (9), corso Roma (20), via Volturno (11), via Brocchieri (2), via Benedetti (4), via Solferino (14), via Don Minzioni (5), vie Verdi e Rossetti (5), vie Morena e Cingia (7), vie San Francesco e Battaglio (11), vie della Costa e Gagnola (5), via Garati (3), via San Martino (3), via Legnano (10), vie De Lemene e Castelfidardo (11), vie Bassi, Magenta e Santa Maria del Sole (25), vie Carducci, delle Orfane e Giambelli (13), via Fanfulla (10), via Colle Eghezzone (3), via Padre Granata, giardini di San Fereolo e giardini di via Marx (70), via Bastioni (6), via Strapponi (6), via Mattei (16), giardini di via De Gasperi (5) e via Cavour (8).
(28-01-2011)