1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Cimitero Maggiore di Lodi: approvato il progetto per la realizzazione di 810 nuove cellette e conclusi i lavori di manutenzione al Famedio

Con delibera di Giunta n.2986 del 6/12/2019 è stato approvato il progetto di fattibilità tecnico economica per la realizzazione di nuovi blocchi di ossari presso il Cimitero Maggiore di Lodi.

“Ci apprestiamo a dare avvio alla costruzione di 810 nuove cellette, un’opera che ha carattere di notevole urgenza, considerato il numero esiguo di spazi rimasti in tutti i cimiteri cittadini, in particolare al Maggiore dove sono ancora disponibili solo 46 celle, frutto di retrocessioni - spiega l’assessore ai Servizi al Cittadino, Giusy Molinari -. Questa situazione ha comportato un arresto delle esumazioni ed estumulazioni che finalmente potranno ripartire, dando soddisfazione alle richieste dei cittadini rimaste inevase da alcuni anni. Sono recentemente terminati anche i lavori di manutenzione del Famedio e dei suoi corridoi laterali di accesso. Gli interventi hanno permesso di restituire decoro a una struttura di indubbio valore storico-culturale, per la presenza di sepolture di figure illustri, che presentava evidenti segni di degrado. Le pareti sono state intonacate e successivamente imbiancate e le lampade sostituite. Con la manutenzione del Famedio e le altre migliorie apportate al Maggiore grazie al nuovo affidamento delle concessioni cimiteriali, con la prossima realizzazione delle cellette, a cui si aggiunge la progettazione della Sala del Commiato prevista nel 2020, abbiamo dato segno tangibile dell’attenzione che la nostra Amministrazione sta dedicando alle strutture cimiteriali cittadine”. 

La zona del Cimitero Maggiore in cui verranno realizzati i blocchi di ossari è posta a est nei campi 27 e 28, lungo il porticato cui rispetta la partizione delle arcate. Il progetto complessivo prevede la realizzazione di 9 blocchi fuori terra dell’altezza di 2,04 metri, accessibili su tutti e quattro i lati. Ogni blocco ospita 90 cellette per un totale di 810.

“Il cimitero Maggiore di Lodi - sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici Claudia Rizzi - è stato inaugurato nel 1891 e realizzato in stile romanico lombardo, con ampliamenti e modifiche successive, fino ad arrivare all’assetto definitivo, ancora oggi visibile, degli anni ‘30 del 1900. Questa premessa è importante per comprendere meglio la scelta operata tra le diverse opzioni proposte avanzate dal progettista, anche grazie al coinvolgimento fin dalle fasi iniziali della Soprintendenza. I blocchi che ospiteranno le cellette dovranno infatti ben integrarsi nel complesso cimiteriale e rispettando le viste prospettiche, i caratteri tipologici e le dimensioni delle preesistenze”.

Grande attenzione è stata posta anche ai materiali di finitura. Le lastre di chiusura degli ossari e lo zoccolo del basamento saranno in marmo Botticino, mentre le restanti superfici verranno intonacate con una finitura scabra tinteggiata di bianco per dare risalto alle superfici lapidee. La copertura, cosÏ come la pavimentazione, sarà in calcestruzzo con effetto ghiaia a vista la cui colorazione consentirà di accostarsi meglio al contesto. Il bordo superiore sarà realizzato in metallo trattato superficialmente a smalto.

“L’intero progetto - conclude Rizzi - ha un quadro economico di 380 mila euro. Per dare avvio immediato alle attività di esumazione, ferme ormai da tempo e consentirci quindi di dare una risposta importante ad un’esigenza della cittadinanza, abbiamo previsto di suddividere l’intero progetto in due lotti funzionali, il primo dei quali è già in fase di ultimazione della progettazione esecutiva e riguarda il campo 28, con la realizzazione di 5 blocchi per un totale di 450 cellette. Il quadro economico è in questo caso di 220 mila euro, somme che la nostra Amministrazione ha impegnato dedicandovi una quota di avanzo”.

Lodi, 13 dicembre 2019