1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Reticolo idrico minore

Reticolo Idrico Minore di competenza comunale

Il Comune di Lodi con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 172 del 21.12.2005 ha individuato il Reticolo Idrico Minore di competenza comunale. Ai sensi del succitato provvedimento deliberativo fanno parte del Reticolo Idrico Minore di competenza comunale le seguenti rogge e/o corsi d'acqua:

 

Sinistra idrografica del Fiume Adda:
-Roggia Squintana;
-Roggia Rio;
-Roggia Mozzanica;
-Roggia Ramello Negrina;
-Roggia Sorgino Negrina;
-Roggia Vecchia;
-Roggia Nuova;
-Roggia Sorgino Vigadore;
-Roggia El Ri Falcona;
-Roggia Dardanona;
-Roggia Fratta;
-Colatore Roggia Rio;
-Roggia Riola;
-Roggia Sorgino Incantonata;
-Roggia Ramo della Roggia Rio;
-Roggia Alipranda;
-Roggia Quotidiana;
-Roggia Galuppina;
-Roggia Curletto;
-Roggia Sorgino Malaspina.

 

Destra idrografica del Fiume Adda:
-Roggia Rio del Prete;
-Roggia Bargana Polledra;
-Roggia Valentina;
-Roggia Gaetana;
-Roggia Molinetta.

 

Applicazione normativa Polizia Idraulica

L'attività di Polizia Idraulica è regolata dalla Deliberazione della Giunta Regionale n. 7/7868 del 25.1.2002, modificata dalla Deliberazione della Giunta regionale n. 7/13950 del 1.8.2003.Tale normativa ha trasferito ai Comuni tutte le funzioni relative all'adozione dei provvedimenti di Polizia Idraulica relative al reticolo idrico minore.Tali funzioni sono riassumibili come segue:
-Stesura dell'elaborato tecnico costituito da una parte cartografica con l'indicazione del reticolo idraulico e relative fasce di rispetto e da una parte normativa;
-Rilascio autorizzazioni di scarichi nei corsi d'acqua, attraversamenti aerei, attraversamenti in sub
-alveo con linee tecnologiche, viabilità sotterranea, occupazioni aree demaniali, attraversamenti con manufatti quali passerelle, ponticelli, ponti; -Ripristino dei corsi d'acqua a seguito di violazioni delle normative in materia di Polizia Idraulica, mediante l'adozione di apposita Ordinanza Sindacale;
-Modifica o definizione dei limiti alle aree demaniali da proporre ai competenti uffici dell'Agenzia del Demanio;
-Rilascio nulla osta idraulico in caso di sdemanializzazione del reticolo idrico minore da inviarsi alle Agenzie del Demanio.

 

Convenzioni per reticolo idrico minore e riscossione canoni

Il servizio di Polizia Idraulica provvede alla stipula delle convenzioni con i soggetti che richiedono interventi interessanti il reticolo idrico minore. Con tali provvedimenti vengono in particolare regolamentati gli scarichi in corsi d'acqua di acque meteoriche, fognarie, industriali ed agricole.
I limiti di accettabilità di portata sono i seguenti:
-20 l/s per ogni ettaro di superficie scolante impermeabile, relativamente alle aree di ampliamento e di espansione residenziale ed industriale;
-40 l/s per ettaro di superficie scolante impermeabile, relativamente alle aree già dotate di pubbliche fognature.Vengono altresì regolamentati tutti gli altri interventi realizzati sul reticolo idrico minore e relativi agli attraversamenti aerei ed in sub- alveo di linee tecnologiche, alla viabilità sotterranea, agli attraversamenti viabilistici.

così come previsti dalla normativa in materia e che variano in base alla tipologia di concessione ed in relazione anche dell'eventuale occupazione di area demaniale. 

 

Manutenzione corsi d'acqua appartenenti al reticolo idrico minore

La manutenzione dei corsi d'acqua appartenenti al reticolo idrico minore è finalizzata al mantenimento della piena efficienza e della funzionalità dei medesimi. A tal fine i canoni di Polizia Idraulica corrisposti dai titolari di concessione e di autorizzazioni dovranno essere utilizzati per le spese di gestione del servizio e per la manutenzione dei reticoli stessi.