1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Trasporto pubblico, nuove tariffe dall'1 marzo

Dall'1 marzo scatteranno anche a Lodi gli aumenti tariffari del servizio di trasporto pubblico locale decisi dalla Regione e già entrati in vigore dall'1 febbraio nella maggior parte del resto del territorio lombardo. Le nuove tariffe del servizio urbano di Lodi sono state deliberate ieri dalla giunta, insieme ad una riduzione di 4.126 chilometri delle percorrenze annue, rispetto ad un monte complessivo che sino al 2014 è stati pari a circa 490.000 chilometri.

"
Abbiamo provato a verificare l'esistenza di margini di manovra per compensare con risorse del Comune l'eventuale mancato adeguamento delle tariffe - spiega l'assessore alla mobilità, Tommaso Premoli - ma tra il taglio dei contributi regionali e la proiezione, sulla base dei dati dell'anno scorso, di un significativo calo dei ricavi da vendita di biglietti si sarebbe trattato di reperire oltre 50.000 euro a carico del bilancio municipale, un'operazione che non sarebbe stata sostenibile alla luce delle difficoltà finanziarie in cui versano tutti gli enti locali, sia a seguito della diminuzione delle entrate che dei vincoli di spesa imposti dalla normativa".

Come detto, gli adeguamenti tariffari decorreranno dall'1 marzo, mentre per il mese di febbraio la differenza tra i ricavi a tariffa 2014 e quelli a tariffa 2015 verrà coperta con uno stanziamento comunale di 3.000 euro.

"In base alle disposizioni regionali - chiarisce l'assessore Premoli - gli aumenti tariffari devono garantire un incremento complessivo degli introiti del servizio nella misura massima del 4%, assumendo come riferimento la tariffa base regionale. Aver mantenuto a lungo delle tariffe inferiori a quella base regionale, assorbendo con risorse comunali alcune delle tranche di aumento annuali programmate dalla Regione, comporta ora un incremento medio che sarà superiore al 4% per quanto riguarda il confronto tra vecchie e nuove tariffe".

Il nuovo quadro tariffario (vedi dettaglio nella tabella sottostante) prevede aumenti che vanno dal più 3,3% del carnet di 10 biglietti sino al 7,7% del biglietto singolo:

"Quest'ultimo - informa l'assessore Premoli - rappresenta però la tipologia di titolo di viaggio meno utilizzata, a favore di formule multiple e abbonamenti".

Tipologie di viaggio
Tariffe in vigore
Proposta febbraio 2015
Biglietto di corsa semplice
1,30
1,40
Carnet 10 corse
12,10
12,50
Abbonamento 6 gg
7,80
8,20
Abbonamento settimanale
9,10
9,60
Abbonamento mensile
32,00
33,50
Abbonamento mensile studenti
22,50
24,00
Abbonamento mensile ultra 65
23,50
25,00
Abbonamento annuale
306,50
321,00


Per quanto riguarda il programma del servizio, il taglio di 4.126 chilometri riguarderà la quota di percorrenze finanziata integralmente dal Comune:

"Su un totale annuo di circa 490.000 chilometri - previsa Premoli - le percorrenze che beneficiano del contributo regionale ammontano a circa 447.000 chilometri. Gli oltre 40.000 chilometri che vengono percorsi in più rispetto alla quota contribuita sono un costo diretto per il Comune, che sfiora i 230.000 euro all'anno. La riduzione delle percorrenze interviene proprio su questo segmento del servizio, in particolare sulle corse della fascia pomeridiana delle giornate festive, in cui da marzo funzionerà solo il servizio a chiamata, che tra l'altro sta fornendo risultati interessanti ed il cui impiego in futuro potrebbe essere esteso ad altre fasce orarie ed altre giornate, razionalizzando i costi di alcuni servizi residuali con scarsa utenza".

Il servizio di trasporto pubblico urbano di Lodi è articolato in 5 linee: la 1 Olmo-San Grato copre la direttrice sud-est/nord-ovest, con diramazioni verso Montanaso, la zona industriale ed il piazzale dello stabilimento ex Polenghi; la 2 Fontana-San Fereolo collega l'area nord-est con quella sud-ovest; la 3 nella fascia oraria 06.00-08.00 è una navetta tra l'Albarola e il lato su della stazione ferroviaria, mentre nel resto della giornata si prolunga a nord della stazione e attraverso il centro storico; la 4 è una linea diretta tra la stazione ferroviaria ed il polo universitario di Cascina Codazza, con fermo corse tra le 12.00 e le 15.00; la 5 è una navetta gratuita che collega il parcheggio di via Massena, in prossimità dell'Ospedale Maggiore, con il centro storico. 
Nei giorni feriali il programma di esercizio prevede circa 240 corse, con un numero medio di 11 passeggeri; il numero annuale di viaggi/passeggero ammonta a circa 847.000.

(19-02-2015)