1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Bilancio, firmato il verbale della verifica straordinaria di cassa

Si è tenuta questa mattina presso la sede municipale di piazza Broletto la verifica straordinaria di cassa del Comune, a seguito del rinnovo elettorale dell'amministrazione comunale e dell'insediamento del nuovo sindaco della città. La verifica straordinaria di cassa è un atto previsto dall'articolo 224 del Testo Unico di Legge sugli Enti Locali e si effettua "a seguito del mutamento delle persona del sindaco". Alle operazioni di verifica intervengono gli amministratori che cessano dalla carica e coloro che l'assumono (quindi, in questo caso, il commissario straordinario Vittorio Zappalorto ed il sindaco Simone Uggetti), nonché il segretario generale del Comune (dott.ssa Elisa Bruno), il responsabile del servizio finanziario (dott.ssa Milena Depaoli), l'organo di revisione dell'ente (Roberta Gatti presidente, Luca Morandini e Luciano Rossini revisori) ed i responsabili del servizio di tesoreria comunale (affidato in gestione al Banco Popolare). La verifica straordinaria di cassa "fotografa" la situazione di cassa del Comune al momento del passaggio di consegne tra sindaco cessato (in questo caso, commissario straordinario) e sindaco subentrante: la verifica effettuata oggi fa riferimento alla situazione di cassa al 10 giugno (giorno di scrutinio del voto di ballottaggio per l'elezione del nuovo sindaco), come risultante dalla contabilità del Comune e da quella del Tesoriere, accertando la rispondenza di dati tra le due. La verifica di cassa straordinaria si distingue da quella ordinaria, prevista dall'articolo 223, che viene effettuata a cadenza trimestrale dall'organo di revisione economicofinanziaria del Comune. Il documento firmato oggi attesta al 10 giugno un fondo di cassa ammontante a 1.328.034 euro, a fronte di un dato all'1 gennaio di quest'anno di 16.118.202 euro: tale situazione è stata determinata, tra i principali fattori, dall'emissione di mandati di pagamento per un importo di 26.682.661 euro (su cui incidono significativamente i quasi 11 milioni di euro liquidati alle imprese creditrici), mentre le entrate accertate nel periodo in questione sono state pari a 11.074.708 euro. La verifica di cassa ha inoltre registrato il deposito presso il tesoriere comunale di fidejussioni e cauzioni per un importo di 18.260.941 euro. Rispetto alla situazione risultante al 10 giugno, ad oggi il fondo di cassa ammonta a circa 8 milioni di euro, per effetto di riscossioni di varia natura (tra le quali il gettito della prima rata Imu).

(03-07-2013)