1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Nuovo assetto viabilistico in Zona Ospedale Maggiore

Allo studio possibili modifiche nel primo tratto di Via Borgo Adda

La sperimentazione del nuovo assetto viabilistico in corso dal 10 giugno nella zona dell'Ospedale Maggiore potrebbe subire alcune modifiche, finalizzate a conciliare le esigenze di minor impatto acustico ed ambientale manifestate dai residenti e quelle espresse dai commercianti di usufruire di condizioni di adeguata accessibilità alle proprie attività.
 
"Nell'incontro odierno con gli esercenti di via Borgo Adda - spiega a questo proposito il sindaco, Simone Uggetti - sono state approfondite le questioni esaminate nella precedente occasione, ipotizzando alcune misure in grado di risolvere le problematicità che erano state segnalate. Allo stesso tempo, è doveroso prendere atto delle valutazioni diffusamente positive da parte dei residenti, che sembrano aver tratto un concreto beneficio dal nuovo assetto che stiamo testando da alcuni giorni. Abbiamo quindi deciso di effettuare nella giornata di domani un sopralluogo tecnico, per considerare direttamente "sul campo" gli effetti delle modifiche auspicate dai commercianti: se l'esito di questo approfondimento fornirà indicazioni positive, nei giorni successivi verranno apportate alcune variazioni al sistema di transito attualmente vigente, variazioni che comporterebbero anche un intervento sull'intersezione tra via San Giacomo, viale Savoia e via Serravalle, con la predisposizione di una mini rotatoria provvisoria analoga a quella disegnata all'intersezione tra Largo Donatori Sangue e via Secondo Cremonesi".
 
Il nuovo scenario sul quale stanno lavorando i tecnici del settore viabilità del Comune prevede il ripristino nel primo tratto di via Borgo Adda della direzione di marcia a senso unico da via Mosé Bianchi a via Isola Caprera, nonché di quella (sempre a senso unico) da via Borgo Adda a viale Savoia per la "bretella Age Bassi". In questo modo, in via Borgo Adda tornerebbe ad essere consentito l'accesso diretto da via Massena (per i flussi di traffico provenienti dalla tangenziale est) e da via Mosé Bianchi. Fermo restando il doppio senso di circolazione in Largo Donatori Sangue, questa variazione comporterebbe l'impossibilità di accesso diretto a via Borgo Adda per i mezzi provenienti dallo stesso Largo Donatori Sangue e da via Secondo Cremonesi, che per raggiungere via Borgo Adda dovrebbero inoltrarsi in via Massena ed effettuare un'inversione di marcia all'altezza della prima rotatoria. Inoltre, per consentire ai veicoli che procederanno lungo Largo Donatosi Sangue in direzione viale Savoia di effettuare inversione (si pensi per esempio al caso di trasporti sociali per l'accompagnamento di persone all'ospedale per visite e prestazioni ambulatoriali), verrebbe allestita una rotatoria all'intersezione tra lo stesso viale Savoia, via San Giacomo e via Serravalle. Nel caso in cui tali modifiche verranno reputate idonee, i relativi adeguamenti viabilistici saranno realizzati nei prossimi giorni.
 
(18-06-2013)

Riqualificazione dell'intersezione tra Largo Donatori del Sangue, via Cremonesi e via Borgo Adda: dal 10 giugno la sperimentazione del nuovo assetto viabilistico

Dalla mattina di lunedì 10 giugno verrà avviata la sperimentazione del nuovo assetto viabilistico in zona Ospedale Maggiore, con particolare riferimento alla modifica dell'intersezione tra Largo Donatori del Sangue, via Secondo Cremonesi, via Morti della Barbina, via Massena, via Mosé Bianchi e via Borgo Adda.

Il piano di interventi per la messa in sicurezza di alcuni tra i principali nodi critici della viabilità urbana delineato nel progetto "Lodi Sicura", approvato e finanziato dalla Regione Lombardia con un contributo di 400.000 euro (rispetto ad un costo complessivo di 800.000 euro), prevede infatti in quest'area la realizzazione di una rotatoria e la modifica di alcuni sensi di percorrenza e precedenze nelle vie che accedono all'intersezione.
La sperimentazione verrà attuata tramite la predisposizione di una rotatoria provvisoria di diametro ridotto a 2 metri, in considerazione del fatto che le dimensioni standard di progetto richiederebbero l'acquisizione al demanio comunale di un'area attualmente compresa nel perimetro recintato dell'Ospedale Maggiore, il cui trasferimento verrà perfezionato successivamente, anche alla luce degli esiti della sperimentazione stessa.

Gli aspetti principali del nuovo assetto viabilistico dell'area consistono nell'istituzione del doppio senso di circolazione in Largo Donatori del Sangue (attualmente percorribile solo nella direttrice tra viale Savoia e via Secondo Cremonesi) e nell'inversione dei sensi unici di marcia lungo la bretella di collegamento tra via Borgo Adda e viale Savoia e nel tratto di via Borgo Adda tra via Mosé Bianchi e via Isola di Caprera: nel primo caso, da lunedì la circolazione sarà consentita tra viale Savoia e via Borgo Adda; nel secondo, tra via Isola di Caprera e via Mosé Bianchi.
Inoltre, i veicoli provenienti da via Massena non potranno immettersi direttamente in via Mosé Bianchi, ma dovranno transitare da Largo Donatori del Sangue e via Borgo Adda. Le modifiche interesseranno anche i percorsi dei mezzi del servizio di trasporto pubblico urbano (compresa la navetta gratuita della Linea 5 Massena-centro storico), che non transiteranno più da via Borgo Adda. L'istituzione del doppio senso di circolazione in Largo Donatori del Sangue comporterà il divieto di sosta 0/24 ambo i lati e lo spostamento nel primo tratto di via Secondo Cremonesi degli stalli riservati agli emodializzati, mentre sul lato opposto a quello dell'ingresso dell'Ospedale Maggiore dovrebbero essere individuati gli spazi per realizzare nuovi stalli riservati ai disabili (attualmente non presenti).

Lodi, 10 giugno 2013