1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

La ceramica Vecchia Lodi alla Biennale Bis di Torino

Anche la ceramica artistica tradizionale di Lodi parteciperà alla Biennale Bis di Torino, la mostra promossa e curata da Vittorio Sgarbi in alternativa alla Biennale di Venezia. Nell'ambito della rassegna (che vedrà protagonisti 500 tra pittori, fotografi, scultori e ceramisti, selezionati dal critico d'arte in una sorta di antologia italiana delle eccellenze contemporanee), uno spazio all'interno della grande Sala Nervi di Torino Esposizioni sarà infatti dedicato alle testimonianze più significative delle produzioni di ceramica realizzate nelle 35 città italiane che si fregiano del marchio Ceramica Artistica Tradizionale, tra le quali, unica in Lombardia, anche Lodi. A rappresentare la "scuola" lodigiana sarà la Ceramica Artistica "Vecchia Lodi", che porterà a Torino un grande centrotavola decorato alla "Bérain di Moustiers" (Fabbrica di Giorgio Giacinto Rossetti, 1729-36), di 120 centimetri per 100, realizzato con un impasto di terraglia dolce, produzione a colaggio "barbottina" e cottura con la tecnica del "gran fuoco", prima della decorazione finale.
L'opera verrà portata a Torino domani, accompagnata dall'assessore comunale alla cultura Andrea Ferrari:

"Si tratta di una preziosa opportunità di promozione di un patrimonio storico ed artistico che connota uno dei tratti dell'identità di Lodi - sottolinea Ferrari - L'invito a partecipare alla Biennale Bis di Torino costituisce un doppio riconoscimento: da una parte conferma come la tradizione della ceramica lodigiana sia diffusamente nota ed apprezzata, dall'altra rende merito al lavoro svolto presso una bottega artigiana che ha saputo distinguersi in 30 anni di attività per qualità e professionalità".
 
La Biennale di Torino verrà inaugurata sabato 17 dicembre e resterà aperta sino al 15 gennaio.

Ceramica Artistica Lodigiana "Vecchia Lodi"

La Ceramica Artistica Lodigiana "Vecchia Lodi" è la più grande bottega di ceramica della Provincia di Lodi ed una delle più importanti botteghe artigianali della Lombardia. Si tratta dell'unico laboratorio che produce ogni tipo di decoro nello stile "Vecchia Lodi" e si fregia del numero 1 di iscrizione nel registro del marchio Ceramica Artistica Tradizionale. L'azienda è nata nel 1981, con un catalogo di una cinquantina di forme, che nel corso di 30 anni hanno ormai superato quota mille. Nell'attività di laboratorio, i tre soci sono stati affiancati per anni da sette collaboratori, mentre l'organico attuale ne conta quattro. Il risveglio dell'interesse del mercato per l'artigianato artistico è stato accompagnato da una continua produzione di forme e di decori nuovi, riprendendo e valorizzando pezzi e manufatti del passato storico, custoditi in musei e collezioni private. La Ceramica Artistica Lodigiana "Vecchia Lodi" è così diventata una vera e propria scuola altamente specializzata e qualificata, che ha ottenuto innumerevoli riconoscimenti ed attestati da parte di prestigiose istituzioni, partecipando ad importanti eventi di livello nazionale ed internazionale. Dall'entrata in vigore della legge n. 188 ("Tutela della ceramica artistica e tradizionale della ceramica italiana di qualità"), Lodi è stata inserita a pieno titolo nelle città di antiche tradizioni ceramistiche, tanto da avvalersi del marchio Cat, conferito con il n. 1 proprio all'azienda di via San Fereolo. Il principio base del marchio Cat è che una produzione di ceramica, per fregiarsi del titolo, deve definire "i caratteri fondamentali della ceramica di una zona, con particolare riferimento a modelli, forme, stile e decori ritenuti tipici, alle tecniche di lavorazione e produzione, alle materie usate e alla loro provenienza". Si tratta di peculiarità che la Cal "Vecchia Lodi" ha sempre incarnato in modo esemplare, non solo nell'attività imprenditoriale, ma anche in quella di divulgazione e promozione del valore della tradizione della ceramica lodigiana. A questo proposito, la ditta realizza da anni un interessante progetto didattico sulla ceramica, destinato alla scuola primaria e intitolato "Ceramisti si cresce", per sensibilizzare, avvicinare ed educare le nuove generazioni al mondo dell'artigianato artistico-manifatturiero. Il progetto, ormai giunto alla sesta edizione, ha ottenuto nel 2010 il Premio "Rosa Camuna", conferito dalla Regione Lombardia.
 
(14-12-2011)

Alcune presenze espositive

  • Tokio - "Artigianato " - 1992
  • New York - Colombiadi, mostra dell'artigianato italiano - 1992
  • Atlanta - Gift Show - 1992
  • Dubay - Quarit 2° Conferenza Europea Artigianato - 1994
  • Toronto - Canadian National Exhibition Artigianarte - 1997
  • Tokio - Fiera Italia - 1997
  • San Pietroburgo - "Sotto il cielo di Lombardia" - 1997
  • Vasteros (Svezia) - "Settimana della cultura Italiana" - 1997
  • Pechino - "Italia in Cina" ICE - 1997
  • Città del Messico e Puebla - "La casa del prossimo millennio" - 1999
  • Buenos Aires - "Argentina Y Italia Paisis en movimiento" - 1999
  • Milano - "Esposizione della Tavola Imperiale presso l'ottagono della Galleria Vittorio
  • Emanuele - 1999
  • Berlino - "Interior" Mostra dell'Artigianato europeo - 2000
  • Lublino (Polonia) - "Italian Style" - 2000
  • Roma - "Ceramiche d'Italia" sotto l'alto patrocinio del Presidente della Repubblica - 2001
  • Vienna - "Progetto Lombardia Design" - 2002
  • Monza - "1° Rassegna Ceramica DOC Lombardia" - 2002
  • Genova - "Tesori di Ceramica" Magazzini del Cotone, Porto Antico - 2003
  • New York - "I tesori dell'artigianato lombardo" - 2004
  • Roma - Palazzo Montecitorio - "Una Tavolata per gli Onorevoli" - 2009
  • Venezia - Mostra "Porta d'Oriente" - 2009
  • Vilnius (Lituania) - "Lombardia fa Ceramica", nel contesto delle iniziative per "Vilnius
  • Capitale Europea della cultura" - 2009
  • Brisbane e Sydney - "Progetto White, le eccellenze lombarde artigiane in Australia" - 2010
  • Città del Capo - 2011
  • Budapest - 2011