1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Polizia Locale: il bilancio dell'attività 2010

 

 
Oltre 40.000 violazioni al codice della strada sanzionate, 238 incidenti stradali rilevati, 187 manifestazioni presidiate e circa altri 200 interventi effettuati tra controlli di polizia commerciale, controlli sui cantieri edilizi, sequestri amministrativi e attività di polizia giudiziaria. Sono questi i principali risultati che emergono dal bilancio dell'attività svolta nel corso del 2010 dal Corpo di Polizia Locale di Lodi, elaborato dal Comando e resi noti oggi, in occasione della festa di San Sebastiano, patrono dei vigili urbani, celebrata con una funzione religiosa presso la chiesa del Cuore Immacolato di Maria, in via Tondini, alla presenza del sindaco Lorenzo Guerini e dell'assessore alla sicurezza Umberto Pensa.
 
"Un quadro articolato, come sempre più estese ed impegnative sono le funzioni e le competenze della Polizia Locale, che vanno ben al di là dell'applicazione del codice della strada - sottolinea il primo cittadino - e richiedono lo sviluppo di capacità tecniche ed operative sempre più evolute e orientate alla specializzazione. In questo senso, assume sempre più importanza l'aspetto formativo degli operatori di Polizia Locale, che presso il Corpo della città di Lodi viene curato con particolare attenzione, così come intenso è l'impegno nelle iniziative di educazione civica".
 
Oltre ad organizzare e gestire presso il Comando di via Cadamosto due corsi di aggiornamento per agenti di II e III modulo (ai quali hanno partecipato 28 agenti provenienti da diverse località della Lombardia), il Corpo ha infatti svolto attività di educazione stradale in 21 classi di scuola superiore, 20 di scuola media, 4 di scuola elementare e 4 di scuola materna, tenendo poi anche 7 corsi per il conseguimento del "patentino" per la guida di ciclomotore e 2 progetti di educazione stradale con biciclette per alunni di scuola media ed una "bimbi in bici" per alunni delle elementari.
 
"Sul fronte della prevenzione del rischio - aggiunge il sindaco - da ricordare anche la partecipazione al progetto "Drugs on Street", promosso dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con l'organizzazione come ente capofila di 4 servizi notturni sul territorio provinciale, con l'ausilio di personale sanitario".
 
Per quanto riguarda i principali indicatori statistici, il numero di violazioni al codice della strada rilevate nel 2010 è stato simile a quello del 2009 (40.625 contro 40.487), rispetto ad una media di circa 22.000-23.000 precedente all'attivazione del sistema di videocontrollo degli accessi alla Zona a Traffico Limitato, entrato in funzione nell'aprile 2009.
 
"L'aumento delle infrazioni registrate alla disciplina del transito nella Ztl è stato considerevole - osserva il sindaco - D'altra parte, il nuovo sistema è stato adottato proprio nella consapevolezza che il presidio fisico dei varchi di ingresso al centro storico era inadeguato e insufficiente a garantire il rispetto delle regole, mentre l'utilizzo delle telecamere consente un controllo rigoroso e costante. L'auspicio è che il numero dei transiti abusivi possa calare, perché l'obiettivo dell'amministrazione non è quello di far cassa con le contravvenzioni, ma di dissuadere i comportamenti scorretti, che pregiudicano lo scopo della Ztl, che è quello di creare condizioni adeguate per permettere ai tanti frequentatori del centro una fruizione in sicurezza di un'area che per sua natura ripresta all'accoglienza di pedoni e biciclette".
 
La diminuzione di circa l'8 per cento del numero di contravvenzioni per sosta vietata è invece motivata in particolare dalla limitazione delle competenze degli ausiliari del traffico, ai quali, a seguito di una sentenza della Cassazione, è stata sottratta la vigilanza sui parcheggi abusivi negli spazi a "striscia gialla" riservati ai residenti, mantenendo solo quella sugli spazi a "striscia blu" (sosta a pagamento a rotazione). Un altro dato significativo contenuto nel bilancio 2010 del Corpo di Polizia Locale è quello relativo agli incidenti stradali rilevati: 431, contro i 656 del 2009 ed una media negli anni precedenti sempre superiore a 600.

"La diminuzione di oltre il 30 per cento - spiega il comandante, Salvatore Micciché - può essere l'indicatore di un ridimensionamento complessivo del problema, anche se per trovare conferma a questa deduzione sarebbe necessario integrare i nostri dati con quelli delle forze dell'ordine. Si può però constatare che in orario diurno la Polizia Locale rileva il 90 per cento degli incidenti che si verificano in città, mentre sono esclusi dalle nostre statistiche solo i sinistri che avvengono in orario serale e notturno. Indicativamente, si può comunque ritenere che nel 2010 gli episodi siano effettivamente diminuiti, anche se la stima del calo potrebbe non corrispondere con il 30 per cento abbondante che emerge dal nostro bilancio".
 
Sempre in materia di codice della strada, significativo anche il numero degli accertamenti eseguiti su veicoli abbandonati: oltre un centinaio, di 40 dei quali è stato possibile risalire ai proprietari, che hanno quindi provveduto al ritiro. Infine, si è mantenuto sui livelli del 2009 il numero dei controlli di polizia commerciale (che rispetto al 2008 erano aumentati di oltre il 20 per cento): 118, che hanno portato a 54 sequestri.

(20-01-2011)
 

 
foto della messaparla il capo della polizia
 
parla il sindacofoto di gruppo