1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Stagione Concertistica: Giuseppe Albanese

Varcata da poco la soglia dei 30 anni, da quasi un decennio Giuseppe Albanese è ormai una figura di primo livello del concertismo internazionale, i cui recital al pianoforte sono stati acclamati nelle più prestigiose sale musicali italiane e mondiali. Sarà il protagonista del primo appuntamento del 2011 della stagione concertistica degli Amici della Musica A.Schmidt, in programma sabato 15 gennaio presso il Teatro alleVigne.
 
Nato a Reggio Calabria, Giuseppe Albanese inizia lo studio del pianoforte all'età di cinque anni e si diploma nel 1996 - a soli diciassette anni - con il massimo dei voti, la lode e la menzione d'onore presso il Conservatorio "G. Rossini". Si perfeziona presso l'Accademia Pianistica Internazionale "Incontri col Maestro" di Imola, conseguendovi nel 2003 il diploma con il titolo onorifico di "Master", la qualifica più alta rilasciata da tale istituzione. Già vincitore di primi premi assoluti in concorsi pianistici nazionali, nel 1997 partecipa al Premio Venezia, dove la giuria (presieduta da Roman Vlad) gli conferisce all'unanimità il primo premio assoluto; alla 54ª edizione del Concorso Internazionale Busoni di Bolzano ottiene il premio speciale per la migliore esecuzione di un'opera contemporanea e nel 2003 si aggiudica il primo premio al concorso internazionale Vendome Prize (presieduto da sir Jeffrey Tate) con finali a Londra e Lisbona: un evento definito da Le Figaro "il concorso più prestigioso del mondo attuale". Si esibisce come solista (i suoi concerti sono solitamente trasmessi da RAI-Radiotre) suonando presso prestigiosi teatri in Italia (Petruzzelli e Piccinni di Bari, Comunale di Bologna, Grande di Brescia, Savoia di Campobasso, Politeama di Catanzaro, Bonci di Cesena, Maggio Musicale Fiorentino, Carlo Felice di Genova, Politeama Greco di Lecce, Bibiena di Mantova, Savio di Messina, Auditorium Verdi e Teatro Dal Verme di Milano, Auditorium Scarlatti della RAI e Teatro San Carlo di Napoli, Coccia di Novara, Politeama Garibaldi di Palermo, Auditorium Paganini di Parma, Fraschini di Pavia, Auditorium G. da Venosa di Potenza, Alighieri di Ravenna, Cilea di Reggio Calabria, Valli di Reggio Emilia, Auditorium Parco della Musica e Teatro dell'Opera di Roma, Auditorium MART di Rovereto, Chiabrera di Savona, Auditorium Toscanini della RAI e Lingotto di Torino, Sala Filarmonica di Trento, Verdi di Trieste, La Fenice di Venezia, Arena di Verona, Olimpico di Vicenza, ecc.) e all'estero (Laeisz Halle di Amburgo, Konzerthaus di Berlino, Teatro della Musica Araba de Il Cairo, Philharmonie di Essen, Gulbenkian di Lisbona, St.-Martin-in-the-Fields e Steinway Hall di Londra, Filarmonica Slovena di Lubiana, Metropolitan Museum, Rockefeller University e Steinway Hall di New York, Salle Cortot di Parigi, Mozarteum di Salisburgo, Filharmonia Narodowa di Varsavia, oltre che in Argentina, Brasile, Cile, Ecuador, Messico, vari stati degli USA, Uruguay, ecc.). Vanta collaborazioni con direttori d'orchestra di livello internazionale, tra cui Christian Arming, Pavel Belaff, James Conlon, Will Humburg, Dmitri Jurowski, Julian Kovatchev, Alain Lombard, Nicola Luisotti, Othmar Maga, Carlo Montanaro, Anton Nanut, Tomas Netopil, George Pehlivanian, Donato Renzetti, Hubert Soudant, Michel Tabachnik, Jurai Valcuha, Alberto Veronesi, Jonathan Webb, Andriy Yurkevych, ecc.
Numerose anche le sue registrazioni discografiche: nel 1998 ha inciso a Roma il suo primo Cd-recital con le Fantasie di Schubert, Chopin, Schumann e Skrjabin.Nel 1999 registra per Agorà di Milano la prima esecuzione assoluta del Concertodell'Europa di L. Simoni con la Targu-Mures Philarmonic. Nel 2000 per l'etichetta Frame diFirenze incide come solista 1900 con musiche di Skrjabin, Szymanowski, Mac Dowell eBartók: questo disco è recensito dalla rivista Suonare news come "CD del mese" (dicembre2001) e dalla rivista Amadeus con giudizio "5 stelle" sia artistico che tecnico (dicembre2001). Nel 2004 pubblica En plen air (con musiche di Mendelssohn, Weber, Tausig,Debussy e Bartók), registrato in Israele per il Jerusalem Music Centre.
Giuseppe Albanese ha affiancato alla formazione musicale quella umanistica, diplomandosi al Liceo Classico con il massimo dei voti e laureandosi nel 2003 in Filosofia con il massimo dei voti, la lode e la dignità di stampa (con una tesi sull'estetica di Liszt nelle Années depèlerinage). È stato inoltre docente a contratto di Metodologia della Comunicazione Musicale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi di Messina.

(12-01-2011)

Teatro alle Vigne
Amici della musica A.Schmidt
Stagione concertistica 2010-2011
Sabato 15 gennaio 2011 - Ore 21.00
Giuseppe Albanese
(recital pianistico)
Programma:
Robert Schumann Fantasia in do maggiore op.17;
Bela Bartokb Suite Szabadban (All'aria aperta) Sz 81 con tamburi e pifferi, Barcarola, Musettes, La musica della notte, La caccia;
Franz Liszt Au bord d'une source da Années de pèlerinage Première année (Suisse), Les jeux d'eaux à la Ville d'Este, Les jeux d'eaux à la Ville d'Esteda Années de pèlerinage Troisème année, San Francesco di Paola che camminasulle acque da Leggende S 175
Biglietti: intero 15 euro, ridotto (fino a 25 anni) 12 euro,
sino a 18 anni ingresso gratuito
Prevendita: mercoledì 15.00-18.00, giovedì 10.00-12.30 e 15.00-18.00, venerdì 15.00-18.00,
il giorno del concerto da un'ora prima dell'inizio
La biglietteria, nell'orario di apertura,
accetta prenotazioni telefoniche o via mail e fax
I biglietti possono essere pagati per contanti, bancomat
oppure tramite assegno circolare non trasferibile intestato a Comune di Lodi - Teatro.
Teatro alle Vigne, via Cavour, 66, Lodi
telefono 0371/425862-3
biglietteria@teatroallevigne.net, www.teatroallevigne.net
 

giuseppe albanese