1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

"Acqua per Haiti"

Il Comune di Lodi appoggia la campagna di raccolta fondi per il progetto "Acqua per Haiti" del Movimento per la Lotta contro la Fame nel Mondo.
MLFM è sull'isola caraibica dal 2008 per costruire un acquedotto di 21 km allo scopo di distribuire acqua potabile ad oltre 15.000 abitanti della Municipalità di Torbeck, nel Sud del Paese. Nel contempo, in conseguenza al sisma del 12 gennaio 2010, si sta occupando della costruzione di nuove fontane e della riabilitazione di latrine e docce pubbliche per fornire mezzi adeguati a più di 50.000 persone.
 
Per contribuire alla realizzazione del progetto dal 24 al 31 ottobre dona 1 euro inviando un SMS al numero 45595, se cliente TIM, VODAFONE, WIND o TRE. Per donare 2 euro, chiama da rete fissa Telecom Italia.
Gli operatori telefonici devolveranno interamente il tuo contributo al progetto Acqua per Haiti di MLFM.
 
Per info sul progetto e sulla campagna www.acquedottohaiti.it
 
Per info sull'ONG: www.mlfm.it
 
Aiutare Haiti
L'accesso all'acqua è un diritto inalienabile dell'uomo e rappresenta inoltre una pietra miliare per la prevenzione dei conflitti, soprattutto in un momento particolare come quello che stiamo vivendo, in cui aumentano costantemente le tensioni per gestire "l'oro blu".
Haiti è un Paese che mette a dura prova: a sud la gente riesce malapena a sopravvivere. L'accesso all'acqua non è garantito in quanto non esistono strutture in grado di gestire la risorsa; inoltre l'assenza di conoscenze in "water and sanitation" non fa che favorire la veicolazione di malattie idrodiffuse.
Il 40% della popolazione non ha accesso all'acqua potabile, e la proporzione aumenta quando si analizza la situazione delle campagne.
Il sovraffollamento nelle città, e la pressione demografica in alcune zone a seguito del recente terremoto, complicano ulteriormente il diritto di ogni haitiano a disporre di acqua e condizioni igieniche accettabili.
MLFM rinnova così la propria adesione alla causa dell'acqua, per non dimenticare che ciascuno di noi può essere fautore del futuro degli altri, garantendo stili di vita sostenibili per un accesso più equo alle risorse, anche a quelle idriche.