1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

La morte del Vicesindaco, Mario Cremonesi

Camera ardente allestita presso la Sala consiliare di Palazzo Broletto 
 
Enorme commozione, stupore, profonda desolazione. Con questi sentimenti il Comune di Lodi ha accolto, ed ora comunica a tutta la cittadinanza, la notizia dell'improvvisa scomparsa del Vicesindaco, Arch. Mario Cremonesi, deceduto per un malore nel primo pomeriggio di oggi, lunedì 4 ottobre 2010.
 
Per tutti si esprime il Sindaco, Lorenzo Guerini: "Non riesco sinceramente a capacitarmi di questa notizia, che ha gettato ognuno di noi in una profonda tristezza e in un dolore che ora non è esprimibile. Dovrei ricordare in questo momento le qualità amministrative e l'impegno di Mario, ma preferisco evitare il cerimoniale, che pure ha un suo senso, perchè per me era soprattutto un grande e fidato amico. Per questo, a nome di tutto il Comune esprimo alla moglie Silvana, al figlio Andrea e a tutti i famigliari, il mio cordoglio enorme, un senso di profonda partecipazione e vicinanza, l'assicurazione di ogni forma di solidarietà si rendesse necessaria e gradita". 
 
La camera ardente Ã¨ allestita presso la sala consiliare di Palazzo Broletto:

  • lunedì 4 ottobre, dalle 18.30 alle 22.00
  • martedì 5 ottobre, dalle ore 7.00 alle 22.00
  • mercoledì 6 ottobre, dalle 7.00 alle 9.30

 
I funerali si terranno mercoledì 6 ottobre, alle ore 10.30, presso la Cattedrale di Lodi.

Mario Cremonesi era nato a Lodi il 09-05-1957, sposato, un figlio; laureato in architettura, iscritto all'Ordine degli Architetti della Provincia di Lodi, ha collaborato all'attività didattica presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano (Tecnologia dell'Architettura) ed ha operato nel settore microurbanistico presso il Dipartimento di scienze del territorio della facoltà di Architettura del Politecnico di Milano; libero professionista con studio in Lodi, ha svolto incarichi di tecnico comunale a Castiglione d'Adda, Boffalora d'Adda e Massalengo nonché di consulente per il Consorzio del Lodigiano, ha progettato opere pubbliche per i Comuni di Zelo Buon Persico, Boffalora d'Adda, Castiglione d'Adda, Lodi Vecchio, Tavazzano con Villavesco, Massalengo ed ha predisposto strumenti di pianificazione urbanistica (Piani Regolatori Generali, Piani di Governo del Territorio, Piani Insediamenti Produttivi, Piani di Zona, Piani Pluriennali di Attuazione) per i Comuni di Borghetto Lodigiano, Castiglione d'Adda, Massalengo, Castelnuovo Bocca d'Adda, Casaletto Ceredano (CR), Boffalora d'Adda, Abbadia Cerreto, Lodi Vecchio e Galgagnano; vicesindaco del Comune di San Martino in Strada dal 1987 al 1990, presidente del Parco Adda Sud dal 1991 al 1992, vicesindaco del Comune di Lodi dal 2005 al 2010, con deleghe a opere pubbliche, patrimonio e politiche per il fiume Adda, lo scorso aprile era stato riconfermato nella carica anche per il mandato 2010-2015, con deleghe a urbanistica e politiche per la casa.