1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Petardi. Le raccomandazioni dell'Amministrazione comunale. No ai botti e ai rumori molesti

Come ogni anno, con l'approssimarsi delle festività di Capodanno si riconferma la consuetudine dell'accensione di petardi, botti, razzi e vari prodotti pirotecnici. È noto che l’accensione di fuochi pirotecnici aggrava e incrementa l'emissione di inquinanti nell'ambiente e inoltre, se eseguita con modalità non appropriate, senza l'osservanza delle necessarie cautele, può provocare conseguenze per l'incolumità degli utilizzatori.

“Sono a tutti noti - spiega l’Assessora alla Sicurezza, Manuela Miniojetti - anche i fenomeni di alterazione che gli effetti sonori provocati dagli scoppi producono sul comportamento di alcuni animali con possibili riflessi sul loro stato di salute. Come Amministrazione, dunque, vogliamo raccomandare, pertanto, un uso consapevole degli articoli pirotecnici proprio per tutelare la propria e l’altrui incolumità, oltre che per il benessere degli animali”.

L’Amministrazione comunale, invita, quindi, i cittadini a non utilizzare i cosiddetti “botti”, privilegiando, viceversa, l'impiego di giochi di luce a ridotto effetto sonoro, soprattutto nei pressi dei luoghi di aggregazione o comunque affollati, nelle aree a rischio di propagazione degli incendi, nelle vicinanze dell’ospedale e delle residenze per anziani, avendo cura di riservare la massima attenzione alla presenza di bambini o di altri soggetti deboli, che dovranno essere tenuti sempre a debita distanza, oltre che in condizioni di sicurezza, da chi fa uso dei fuochi.

“Ricordo, peraltro che il Regolamento di Polizia Urbana - sottolinea l’Assessora -, approvato con la deliberazione del Consiglio Comunale numero 77 del luglio 2009 luglio e modificato da ultimo con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del luglio 2020,  all’articolo 11 - prevede che, a salvaguardia della sicurezza urbana e del decoro dell’ambiente urbano, è vietato sparare mortaretti o altri simili apparecchi. E alle violazioni – conclude Minojetti - conseguono le sanzioni previste all'art.72 dello stesso Regolamento. Confido, allora, nella collaborazione dei cittadini affinché questi giorni di festa, che mi auguro sereni per ogni lodigiano, siano più sicuri e gradevoli per tutti, per i nostri animali e per le persone più fragili”.