1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Sintesi di tutte le misure per il contenimento del contagio da Covid-19 in vigore dal 18 maggio

Proponiamo una sintesi dei principali provvedimenti per la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 in vigore dal 18 maggio in Lombardia e nella città di Lodi, in seguito all’approvazione del Decreto legge n.33 del 16 maggio, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio e dell’Ordinanza di Regione Lombardia n.547 del 17 maggio.L’Amministrazione comunale è al lavoro per valutare alcune specifiche misure valide per il territorio comunale, relative in particolare agli uffici e ai servizi del Comune, alla riapertura di alcuni parchi comunali ancora chiusi al pubblico, di alcuni luoghi di cultura (in particolare Tempio civico dell’Incoronata e Collezione anatomica Paolo Gorini) e dei mercati non alimentari che verranno comunicate nei prossimi giorni, al termine delle necessarie valutazione per consentire la ripresa delle attività in sicurezza.

SPOSTAMENTI
• E’ possibile spostarsi all’interno del territorio regionale senza limitazioni (non occorre più l’autocertificazione).
• Sono vietati gli assembramenti.
• E’ obbligatorio mantenere sempre la distanza interpersonale.
• Fino al 2 giugno restano vietati gli spostamenti verso altre Regioni, se non per esigenze lavorative, per motivi di salute o di assoluta urgenza. E’ in ogni caso consentito il rientro presso la propria residenza. 
• Per le persone sottoposte a quarantena, o che presentano sintomi da infezione respiratoria o febbre maggiore di 37.5°, resta il divieto assoluto di muoversi dalla propria abitazione o dimora fino al momento in cui viene accertata la guarigione.

MASCHERINE
• In Lombardia è sempre obbligatorio indossare la mascherina o qualsiasi altro indumento a protezione di naso e bocca, quando si esce di casa.
• La mascherina è obbligatoria per i bambini a partire dai sei anni d'età.
• Non è obbligatoria per i soggetti con forme di disabilità non compatibili con il suo uso continuativo e per le persone che interagiscono con loro.
• Per chi svolge attività fisica intensa non è obbligatorio l’uso di mascherina, se non prima e a conclusione dell’attività stessa.

ATTIVITA’ SPORTIVA
• Sono consentite l’attività motoria all'aperto, a distanza di un metro dalle altre persone, e l’attività sportiva all'aperto, a distanza di due metri.
• Negli impianti, centri e siti sportivi si possono praticare gli sport individuali all’aria aperta e le lezioni individuali o per piccoli gruppi, fino a un massimo di quattro persone (esclusi gli istruttori). Nelle strutture adibite alla pratica sportiva è consentito solo l’accesso ai servizi igienici e alle aree di transito, non a spogliatoi, docce, palestre e luoghi di socializzazione. 
• Non sono consentite fino al 31 maggio le attività di piscine e palestre.

PARCHI
Il Sindaco, con ordinanza n.10 del 22 maggio, ha disposto la riapertura, a partire da sabato 23 maggio, dei seguenti parchi cittadini ancora chiusi al pubblico per effetto delle misure di contenimento dell’emergenza sanitaria:
Parco del Sorriso (viale Italia); 
Parco di via Bellini; 
Parco di viale Europa; 
Parco di via Aldo Moro; 
Parco di via Tortini; 
Parco Baden Powell (via Precacesa); 
Parco Margherita Hack (via Fascetti);
Parco di via Marconi;
Parco di Via Lago di Garda;
Parco delle Lavandaie (via Lungo Adda Bonaparte);
Giardino delle Età (via delle Orfane).

Chiunque acceda alle aree verdi dovrà rispettare le prescrizioni relative al distanziamento sociale e al divieto di assembramenti. 
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2020 ribadisce inoltre che chi svolge attività motoria ha l’obbligo di mantenere la distanza di almeno un metro dalle altre persone che aumenta fino a due metri per chi svolge attività sportiva. 
L'uso di mascherine o di coperture alternative per bocca e naso è previsto per l'attività motoria, mentre se si pratica attività sportiva intensa occorrerà indossarle non durante, ma solo prima e dopo.  
Rimane vietato l'utilizzo di attrezzature per il gioco dei bambini.
Le aree per lo sgambamento dei cani saranno fruibili da un massimo di tre persone contemporaneamente, fermo restando l'obbligo di rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro.


TRASPORTI
• E’ obbligatorio l’uso delle mascherina e dei guanti a bordo dei mezzi, nelle stazioni e alle fermate. Le regole di comportamento da adottare sui bus possono essere consultate al link https://lodiurbano.lineservizi.it/fase2-inidicazioni-e-norme-generali-di-comportamento/
• Le corse delle linee urbane dei bus mantengono gli orari ridotti, stabiliti in seguito ai provvedimenti governativi e regionali per il contenimento della diffusione del contagio da Covid-19. Le tabelle orarie si possono consultare al link https://lodiurbano.lineservizi.it/variazione-servizio-urbano-di-lodi/

ATTIVITA’ ECONOMICHE E PRODUTTIVE
• Sono aperte, nel rispetto delle linee di indirizzo indicate da Regione Lombardia per il contenimento del contagio (vedi http://www.comune.lodi.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9890 ) le attività di cui all’allegato 1 dell’Ordinanza regionale n.547 del 17 maggio.Tra queste possono riaprire dal 18 maggio: 
- esercizi commerciali;
- attività di ristorazione; 
- servizi alla persona (estetisti, parrucchieri, etc.);
- strutture ricettive.
• Tra le raccomandazioni indicate da Regione per la riapertura in sicurezza c’è la rilevazione della temperatura dei clienti/utenti, prima dell’accesso, che diventa obbligatoria per le attività di ristorazione sul posto. Se la temperatura dovesse risultare superiore a 37,5°, non sarà consentito l'accesso ai locali e l’interessato sarà informato della necessità di contattare il proprio medico curante.
• E’ consentita la ripresa delle esperienze formative attraverso la modalità del tirocinio anche in presenza e dei laboratori presso le istituzioni formative.
• Fino almeno al 14 giugno restano sospesi:
attività di centri culturali, centri sociali, centri benessere e termali;
fiere e congressi;
attività di discoteche e locali dove non sia possibile mantenere il distanziamento.


MERCATI
Da sabato 23 maggio riparte il mercato non alimentare. I banchi occuperanno contemporaneamente sia gli spazi di piazza della Vittoria sia quelli di piazza Mercato per quattro giorni alla settimana, martedì, giovedì, sabato e domenica. La nuova disposizione, finalizzata a garantire il distanziamento e il rispetto delle misure di sicurezza e igienico-sanitarie stabilite dai provvedimenti governativi e di Regione Lombardia, sarà mantenuta in via sperimentale fino al 31 maggio. E’ prevista l’installazione di 50 banchi nella piazza centrale di cui 37 non alimentari e 13 alimentari e di altri 24 non alimentari in piazza Mercato. 
Durante la settimana torneranno in attività anche i banchi non alimentari di viale Piemonte (martedì) e di piazza Omegna (mercoledì), senza variazioni dell’area mercatale già individuata per consentire da inizio maggio la vendita di prodotti alimentari.
La Polizia locale e la Protezione civile controlleranno le aree mercatali per assicurare il contingentamento degli accessi e per assistere i clienti e gli ambulanti nell’applicazione di tutte le prescrizioni. 
Il perimetro delle aree sarà delimitato da transenne in modo da creare un unico varco di accesso (lato corso Vittorio Emanuele per piazza della Vittoria e lato piazza Broletto per piazza Mercato), separato da quello di uscita (lato Corso Roma per piazza della Vittoria e lato via Volturno per Piazza Mercato), a cui la clientela sarà indirizzata dall’apposita segnaletica. 
L’ingresso è consentito ad un solo componente per nucleo familiare, fatta eccezione per chi accompagna minori di 14 anni, persone disabili o anziani.  
Gli ambulanti sono tenuti a fornire soluzioni idroalcoliche per l’igienizzazione delle mani e guanti “usa e getta” il cui utilizzo è obbligatorio, insieme a quello delle mascherine o di coperture alternative per naso e bocca.


ATTIVITA’ DIDATTICHE
• Fino al 14 giugno rimangono sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado. Per approfondimenti, leggi DPCM 17 maggio, art.1, commi q,r,s,t,u) 

SERVIZI COMUNALI
Nella cosiddetta “fase 2” della gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, per consentire l’adozione di tutte le necessarie misure di sicurezza e prevenzione, i Servizi al cittadino e alla persona del Comune di Lodi saranno accessibili SU APPUNTAMENTO, con le modalità che vengono di seguito precisate.

Ufficio anagrafe
Per cambi di residenza, atti notori e altre certificazioni, si può prendere appuntamento lunedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle 12
• scrivendo all’indirizzo E-MAIL demografici@comune.lodi.it,
• oppure TELEFONANDO al numero 0371.409491.

Per il rinnovo della Carta d’identità elettronica, la prenotazione dell’appuntamento può avvenire
• online, sulla pagina del SITO https://www.prenotazionicie.interno.gov.it/,
• oppure, dal 25 maggio 2020, TELEFONANDO al numero 0371.409299.
In base a quanto stabilito dal Decreto Legge 17 marzo 2020, la validità dei documenti di riconoscimento e di identità, rilasciati dalla pubblica amministrazione e scaduti o in scadenza successivamente alla data del 17 marzo, è prorogata fino al 31 agosto 2020. La validità ai fini dell’espatrio resta limitata alla data di scadenza indicata nel documento.

Ufficio stato civile
Per pubblicazioni matrimoniali, separazioni, divorzi, richieste di cittadinanza, etc. si può prendere appuntamento nei consueti orari di servizio (lunedì 8.30-12, mercoledì 8.30-17.45, giovedì 8.30-13.30 e sabato 8.30-12.15),
• TELEFONANDO ai numeri 0371.409231/285/286.

Ufficio concessioni cimiteriali
Si può prendere appuntamento nei consueti orari di servizio (lunedì 8.30-12, mercoledì 8.30-17.45, giovedì 8.30-13.30 e sabato 8.30-12.15),
• scrivendo all’indirizzo E-MAIL servizicimiteriali@comune.lodi.it,
• oppure TELEFONANDO al numero 0371.409287/288.

BIBLIOTECHE COMUNALI

Biblioteca Laudense
• Dal 19 maggio la Biblioteca Laudense riaprirà al pubblico. La riapertura avverrà secondo i consueti orari, dal martedì al sabato dalle 9.15 alle 18.15, ma con regole differenti:
- all’ingresso è obbligatorio disinfettare accuratamente le mani con il gel e indossare sempre la mascherina;
- sono consentite solo le operazioni di prestito e restituzione dei volumi, non la consultazione in loco;
- l’accesso è limitato a un massimo di due utenti contemporaneamente, uno per la biblioteca ragazzi e uno per la sezione adulti;
- ai fini del contenimento dei tempi di attesa, la permanenza massima consentita a ciascun utente è di 15 minuti;
- è vietato sostare nelle sale e nei corridoi;
- per restituire i libri è sufficiente depositarli negli appositi contenitori presenti all’ingresso
- è sospeso il servizio di emeroteca/microfilm;
- è interdetto l’accesso alle aree bimbi e all'aula studio di via Solferino.

Biblioteca di Villa Braila
Da venerdì 22 maggio tornerà operativa anche la biblioteca di Villa Braila, mentre l’aula studio e l'area bimbi rimangono temporaneamente ancora chiuse al pubblico. 
Il servizio bibliotecario si svolgerà negli orari consueti (lunedì dalle 13.30 alle 16.30, mercoledì dalle 10.30 alle 13, venerdì dalle 14 alle 16.30). Le regole per accedere in sicurezza ai locali ricalcano quelle adottate per la sede centrale della biblioteca, con una sola modifica relativa all’accesso ai locali che sarà consentito a una sola persona per volta.

Per maggiori informazioni http://www.comune.lodi.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/9895

LUOGHI DI CULTO
• Sono accessibili nel rispetto del distanziamento interpersonale.
• Le funzioni religiose sono consentite nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo e dalle rispettive confessioni (vedi allegati al DPCM del 17 maggio dall’1 al 7).

Salvo diverse successive diposizioni, in base a quanto stabilito dal DPCM del 17 maggio è prevista la riapertura dal 15 giugno di cinema, teatri, sale da concerto e dei luoghi destinati allo svolgimento di attività ludico-ricreative ed educative.


Lodi, 18 maggio 2020