1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Lodi, Città della Cultura

E' aperta la selezione pubblica per individuare uno o più partner per la costituzione di una fondazione di partecipazione per la gestione del Teatro alle Vigne e di altri servizi culturali

Il Comune di Lodi ha indetto una selezione pubblica che consentirà di individuare uno o più partner per la costituzione di una fondazione di partecipazione per la gestione del Teatro alle Vigne e di altri servizi culturali.

“Questo è il primo passo per raggiungere uno degli obiettivi del nostro programma di mandato: creare una fondazione che consenta al teatro una più efficiente organizzazione in termini di accesso ai bandi, di investimenti e di sponsorship, con la prospettiva di un ridimensionamento dell’apporto di risorse da parte del Comune”, a dichiararlo è il Vicesindaco e assessore alla Cultura Lorenzo Maggi, che spiega: “Il nuovo ente, anche in collaborazione con altre realtà cittadine, avrà la facoltà di promuovere iniziative culturali per la valorizzazione delle arti teatrali (ad esempio con la produzione locale di spettacoli), della musica, del cinema e dell’intrattenimento, sostenere progetti per la formazione e qualificazione professionale relativa all’attività artistica realizzata, per la conservazione del patrimonio storico-culturale locale, per il rapporto con gli istituti scolastici e l’università. Potrà fornire inoltre servizi amministrativi di comunicazione e marketing. La speranza è che questa iniziativa susciti l’interesse dei nostri concittadini, ad ogni modo, continueremo a impegnarci per garantire il necessario sostegno economico al nostro teatro”.

I soggetti pubblici e privati interessati ad aderire alla Fondazione possono farlo con la qualifica di fondatori, partecipanti istituzionali o ordinari, in base ai requisiti stabiliti dall’avviso pubblico, tra cui il versamento di un contributo iniziale (l’entità sarà stabilita all’esito della raccolta delle manifestazioni di interesse). I partner potranno anche presentare idee progettuali da sviluppare e realizzare con la costituenda Fondazione.

L’organico del nuovo ente prevede la costituzione di:
-un Consiglio di Amministrazione, incaricato di approvare gli obiettivi della Fondazione:
-un Presidente, rappresentante legale e istituzionale;
- un Comitato di indirizzo a cui spetta, tra gli altri compiti, la formulazione di pareri consultivi e proposte sulle attività;
-un Direttore artistico, responsabile operativo delle attività artistiche, tecnico-amministrative, economico-finanziarie;
-un Collegio sindacale, deputato al controllo amministrativo-contabile e finanziario. 

Le risorse a disposizione della Fondazione deriveranno oltre che dal patrimonio di partenza e dai ricavi delle attività promosse dalla Fondazione medesima, anche da donazioni, disposizioni testamentarie, ed eventuali contributi statali o di altri enti.

L’avviso per la raccolta di manifestazioni di interesse rimarrà pubblicato all’albo pretorio on line e sul sito internet istituzionale del Comune di Lodi www.comune.lodi.it, nella sezione ‘Amministrazione trasparente’ fino al 20 novembre 2019. Le domande dovranno essere redatte compilando il modulo apposito e presentate esclusivamente mediante posta elettronica certificata (pec), all’indirizzo comunedilodi@legalmail.it. La valutazione delle stesse avverrà da parte di una commissione di esperti nominata con determina dirigenziale. Ai soggetti individuati potranno essere richiesti chiarimenti e integrazioni documentali relativi agli elementi dichiarati. Gli esiti della procedura saranno quindi trasmessi per approvazione alla Giunta comunale.

Lodi, 19 ottobre 2019