1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Annunciata la fine dei lavori del nuovo collegamento ciclopedonale per l'Università

Si è svolta venerdì 4 ottobre presso la sede municipale la conferenza stampa di fine lavori del nuovo collegamento ciclopedonale per l’Università, alla presenza del Sindaco Sara Casanova e dell’Assessore alla Mobilità Alberto Tarchini. L’opera, il cui progetto era stato approvato nell’ottobre del 2017 con uno stanziamento di 350.000 euro, è stata finalmente completata ed è pronta ad accogliere gli studenti che potranno utilizzarla per i propri spostamenti.

Soddisfatto il Sindaco Casanova: “Abbiamo lavorato intensamente sin da subito per arrivare a questo punto, città ed università sono adesso molto più vicine. Al momento del nostro insediamento non esistevano concrete proposte di collegamento, nonostante l’arrivo dell’università fosse previsto da lungo tempo. Grazie alla collaborazione con il Consorzio Muzza abbiamo individuato una soluzione efficace e funzionale che sfruttando manufatti esistenti ci ha consentito di ridurre tempi e costi di realizzazione.” 

Il nuovo percorso ciclopedonale si sviluppa per circa 650 metri, partendo dalla passerella ciclopedonale realizzata in corrispondenza di Via Oppizzio. Da qui il percorso corre lungo una fascia di terra situata tra i due canali Bargana e Bertonica, sino allo snodo idraulico nei pressi del sottopasso. Al di là della Via Emilia la pista si sviluppa sulla sommità della Roggia Bargana, opportunamente canalizzata, fino alla sede del Parco Tecnologico Padano. 

L’Assessore Tarchini conclude: “Il valore dell’opera in termini di mobilità è duplice perché questo nuovo collegamento rappresenta il percorso preferenziale per gli spostamenti quotidiani da e per l’università, ma anche un’importante porta di accesso per una vasta rete di percorsi ciclabili provinciali”.

L’inaugurazione dell’opera è prevista per domenica 13 ottobre alle ore 10.30, lato parcheggio COOP Viale Pavia 102.

Lodi, 4 ottobre 2019