1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

"Il secondo figlio di Dio" al Teatro alle Vigne

Per la stagione di Prosa 2017/2018 del Teatro alle Vigne, il Comune di Lodi propone Il secondo figlio di Dio, che si tiene il giorno martedì 12 dicembre 2017 alle ore 21.00 presso il Teatro alle Vigne, in via Cavour 66.

Abbonamento
- intero: 120 €- ridotto fino ai 26 anni: 100 €

Biglietti
- intero: 23 €- ridotto (over 65 e under 26): 19 €

Per maggiori informazioni:
Teatro alle Vigne
Tel. 0371 409.855
Fax 0371 409.499
e-mail: teatroallevigne.biglietteria@comune.lodi.it
 

 
 

In cima a una montagna, davanti a una folla adorante di 4 mila persone, un uomo si proclama reincarnazione di Gesù Cristo. È il luglio del 1878. L’inizio di una rivoluzione possibile, che avrebbe potuto cambiare il corso della Storia.
Il nuovo spettacolo teatrale di Simone Cristicchi è ispirato alla vicenda incredibile, ma realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”.
Si racconta la grande avventura di un mistico, l’utopia di un visionario di fine ottocento, capace di unire fede e comunità, religione e giustizia sociale. Tra canzoni inedite e recitazione, il narratore protagonista ricostruisce la parabola di Lazzaretti, da figlio di carrettiere a predicatore eretico con migliaia di seguaci, da barrocciaio a profeta. Personaggio discusso, citato e studiato da Gramsci, Tolstoj, Pascoli, Lombroso e Padre Balducci, il cui progetto rivoluzionario per i tempi culminò nella realizzazione della “Società delle Famiglie Cristiane”: una società più giusta, fondata sull’istruzione, la solidarietà e l’uguaglianza; un proto-socialismo ispirato alle primitive comunità cristiane.
Grazie all'ausilio di video-proiezioni e di una scenografia in continua mutazione, un piccolo lembo di Toscana (Arcidosso e il Monte Amiata), terra così aspra e bella, “terra matrigna e madre”, diventa co-protagonista della vicenda.
È la storia di un’idea. La storia di un sogno. Capace di porre la domanda più grande, universale, che riguarda ognuno di noi: la ‘divinità’ è un’umanità all'ennesima potenza?

 
immagine dello spettacolo