1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

‘Generare futuro’, la buona scommessa di una città che fa cultura

In una lettera aperta le valutazioni e i ringraziamenti del Comune

logo di generare futuro

E’ appena terminato il festival culturale ‘Generare Futuro’ che ha visto la partecipazione di circa 3.000 persone tra il 5 e il 7 maggio scorsi, stiamo ora affrontando con i promotori gli aspetti organizzativi del prossimo festival della Fotografia etica. Fermandoci però un attimo, ci sia consentito condividere pubblicamente alcune considerazioni ed esprimere doverosi ringraziamenti.

Il primo pensiero è la constatazione che l’appuntamento di inizio maggio è ormai consolidato in città e si pone quale momento essenziale di una proposta culturale che fa perno su tappe scandite e ben riconosciute come la rassegna estiva ‘Lodi al sole’ e il festival di Fotografia etica. Sono gli assi culturali portanti dell’anno da tutti i punti di vista: in tema di partecipazione popolare, di investimento economico per il Comune, di impegno organizzativo e di indotto generato in città.
A Lodi attorno a queste tre rassegne, alla rinnovata programmazione del Teatro alle Vigne e alle multiformi attività della Biblioteca Laudense, si costruisce un programma culturale ampio e diversificato. E’ frutto anche dell’impegno e della creatività di tante associazioni, ciascuna con uno specifico profilo, la propria storia e i propri obiettivi, che si possono ben innestare sull’offerta generale del Comune. Sono realtà che operano con passione e spesso nella difficoltà - che tutti avvertiamo, pubblico e privati, e con cui ci misuriamo ogni giorno - di reperire risorse economiche.

Il secondo pensiero fa perno su un’osservazione schietta: il buon lavoro paga sempre. Investendo su proposte di qualità ‘Generare Futuro’ ha raddoppiato il numero di presenze rispetto al 2016, riuscendo nel contempo a tagliare notevolmente i costi, che per le casse comunali quest’anno sono equivalsi all’incirca a 25.000 euro. Non ci si inventa organizzatori culturali da un giorno con l’altro: evidente il fatto che il passare del tempo e la messa a frutto degli insegnamenti, e anche degli errori commessi, aiuta a migliorare il lavoro.
Di qui il successo e l’apprezzamento del pubblico per il dibattito Belpietro-Arditti in tema di populismo, il foyer colmo e attento ai ragionamenti del Ministro Tremonti e al racconto dello scrittore Cognetti, l’Auditorium Tiziano Zalli coinvolto dall’intervento di Beppe Severgnini e gli applausi ripetuti al concerto dell’Accademia ‘Gaffurio’. Ecco il buon riscontro di singole persone e di tanti giovani delle scuole alla mostra ‘Restaurare il cielo’, e l’interesse e il favore degli ‘addetti ai lavori’ alle conferenze più specialistiche.

Vi sono ancora grandi margini di miglioramento e di più adeguata strutturazione: imperfezioni da colmare, proposte da correggere. Ne siamo consci, tanto quanto lo siamo della validità di investire in cultura, educazione e formazione dell’opinione pubblica locale, che è stato il motivo di ogni scelta compiuta insieme al direttore de Linkiesta, Francesco Cancellato, che ha diretto il festival.
A lui il primo ringraziamento sentito, per il lavoro prezioso e appassionato con cui ha condotto la rassegna.

Il secondo grazie è agli sponsor, in primo luogo all’Istituto di credito che ha ospitato la maggior parte degli incontri nelle sue strutture: una scelta felice, collaborazione serena e in linea con le aspettative di entrambi i partners.

Un ringraziamento non scontato ma invece assai importante va al media-partner, il quotidiano locale ‘Il Cittadino’, che ha seguito con estrema professionalità ed una copertura più che completa il festival.
Giovarsi di una collaborazione del genere, puntuale ed efficace, è chiave del buon esito finale.

Un ruolo determinante ai fini organizzativi e promozionali è stato svolto dalle librerie e dai ristoratori che hanno aderito al nostro invito: un sincero apprezzamento per la disponibilità e la qualità messa in campo.

Tante persone hanno contribuito alla buona riuscita del festival, dentro e fuori il palazzo comunale: a ciascuno un pensiero grato e una simbolica stretta di mano, nella convinzione che s’è operato per il bene della città.

‘Generare Futuro’ non è più una scommessa, ma una realtà di cui essere orgogliosi in un panorama nazionale dove non sempre i festival - molti, forse troppi, direbbe qualcuno - giustificano con un adeguato mix di qualità, economicità e sguardo aperto sul futuro il proprio esserci.

L’ultimo ringraziamento va dunque ai tanti lodigiani che hanno partecipato, con curiosità passione e convinzione, agli appuntamenti proposti, perché ‘guardare la complessa realtà con sguardo positivo, in fondo, è uno dei lasciti più preziosi di questo ‘Generare Futuro’.

Andrea Bruni, Resp. Ufficio cultura                                       Mariano Savastano, Commissario straordinario del Comune

(18.05.2017)