1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Piscina scoperta 'Concardi' in via Ferrabini, rinviato per meteo avverso il sopralluogo congiunto Comune - cittadini

Necessarie le verifiche con l'ASL sui livelli minimi inderogabili per garantire l'agibilità della struttura

Si è svolto questa mattina, in forma ridotta rispetto alle previsioni, il sopralluogo alla piscina scoperta “Attilio Concardi” promosso dall’amministrazione comunale per consentire a cittadini, associazioni e movimenti politici di prendere direttamente visione dello stato di conservazione dell’impianto di via Ferrabini.

La criticità delle condizioni climatiche, con la formazione al suolo di una insidiosa patina ghiacciata, ha suggerito l’opportunità di non consentire l’accesso a tutte le parti del complesso, con particolare riferimento al bordo vasca, limitando lo spazio di movimento al piazzale d’ingresso, la cui pavimentazione in ghiaia ha offerto sufficienti garanzie di sicurezza.
Preso atto della situazione, il Commissario Straordinario del Comune, Mariano Savastano, ha proposto ai presenti (circa 30 persone) di aggiornare il sopralluogo a data da definirsi, successivamente alle verifiche che nei prossimi giorni verranno effettuate presso l’impianto da funzionari dell’Agenzia per la Tutela della Salute (ex Asl), finalizzate a definire gli interventi minimi indispensabili per ristabilire l’agibilità della piscina sotto il profilo igienicosanitario e della sicurezza.

Il verbale ufficiale che verrà redatto a seguito di questo sopralluogo ufficiale potrà pertanto fornire elementi maggiormente dettagliati a supporto delle valutazioni sulla fattibilità e l’opportunità di realizzare un intervento, pur parziale, di adeguamento della piscina, allo scopo di consentirne l’apertura al pubblico per la stagione estiva 2017, rinviando quindi all’anno successivo l’integrale riqualificazione, i cui costi sono stati preliminarmente stimati dal Comune nell’importo di circa 600.000 euro. Qualora gli adeguamenti minimi necessari risultassero eccessivamente onerosi e comportassero tempi di progettazione, esperimento gara d’appalto e realizzazione incompatibili con l’obiettivo dell’apertura nel corrente anno, l’amministrazione comunale valutare in alternativa di avviare le procedure di progettazione (che per la parte impiantistica richiedono l’apporto di professionalità esterne al settore tecnico del Comune), con l’intento di definire un esecutivo pronto per la cantierizzazione, immediatamente disponibile per la nuova Amministrazione che si insedierà a seguito delle elezioni della prossima primavera.

(13-01-2017)