1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Referendum popolare abrogativo del 17 aprile 2016

Il Consiglio dei ministri, nella seduta del 10 febbraio 2016, ha approvato il decreto per l’indizione del referendum popolare relativo all'abrogazione della previsione che le attività di coltivazione di idrocarburi relative a provvedimenti concessori già rilasciati in zone di mare entro dodici miglia marine hanno durata pari alla vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale. La consultazione si terrà il 17 aprile 2016.

Il Referendum popolare abrogativo ha la seguente denominazione: «Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di mare entro dodici miglia marine. Esenzione da tale divieto per i titoli abilitativi già rilasciati. Abrogazione della previsione che tali titoli hanno la durata della vita utile del giacimento», ed è formulato con il seguente quesito: «Volete voi che sia abrogato l'art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, "Norme in materia ambientale", come sostituito dal comma 239 dell'art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)", limitatamente alle seguenti parole: "per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale"?». 

Tutte le informazioni

 
  1. Manifesto convocazione comizi
  2. Quando si vota
  3. Dove si vota
  4. Opzione esercizio di voto per corrispondenza elettori temporaneamente all'estero
  5. Opzione esercizio del voto in Italia elettori residenti all’estero ed iscritti all’AIRE
  6. Esercizio del voto a domicilio - solo per gli elettori affetti da gravissime infermità
  7. Nomina scrutatori

Download manifesto convocazione comizi

 

Quando si vota

Si vota nella giornata di domenica 17 aprile, dalle ore 7.00 alle ore 23.00.

Possono votare i cittadini iscritti nelle liste elettorali che, entro il giorno fissato per il Referendum, abbiano compiuto il 18° anno d’età.  
Per esercitare il diritto di voto occorre presentarsi al seggio muniti di Documento di riconoscimento e tessera elettorale. Si raccomanda di verificare che la tessera in possesso dell’elettore presenti ancora degli spazi disponibili per registrare la votazione. In caso contrario l’elettore dovrà presentarsi, il prima possibile, presso l’ufficio elettorale del comune di Lodi.  

Le aperture straordinarie dell’ufficio saranno le seguenti:
venerdì 15 aprile dalle ore 9.00 alle 18.00
sabato 16 aprile dalle ore 9.00 alle 18.00
domenica 17 aprile dalle ore 7.00 alle ore 23.00    

 

Dove si vota

ISTITUTO MAGISTRALE
VIA CARDUCCI 3
TEL 0371420361
SEZIONI 2 – 3
LICEO CLASSICO
VIA S. FRANCESCO 11
TEL 0371420358
SEZIONI 1 - 4
SCUOLA ELEMENTARE
CORSO ARCHINTI 39
TEL 0371420364
SEZIONI 21 - 22
SCUOLA ELEMENTARE
VIA CABRINI 22
TEL 0371411029
SEZIONI 15 – 16– 18 - 19 – 20
ISTITUTO TECNICI “BASSI
VIALE DANTE 2
TEL 0371420502
SEZIONI 17 - 23 – 24
SCUOLA ELEMENTARE
SAN GUALTERO
TEL 0371610236
SEZIONI 13 – 14
SCUOLA MEDIA “GORINI”
VIA X MAGGIO 2
TEL 0371420752
SEZIONI 8 – 9 – 10
SCUOLA ELEMENTARE “BARZAGHI”
VIA SAN GIACOMO 37
TEL 0371420066
SEZIONI 5 – 6 – 7
SCUOLA MATERNA
CAMPO DI MARTE 10
TEL 0371420082
SEZIONI 11 – 12
LICEO SCIENTIFICO “GANDINI”
VIALE GIOVANNI XXIII 1
TEL 037132993
SEZIONI 31 – 32 – 33
SCUOLA ELEMENTARE “ARCOBALENO”
VIA TORTINI
TEL 037132536
SEZIONI 38 – 39 – 40 - 41
SCUOLA ELEMENTARE “PEZZANI”
VIALE GIOVANNI XXIII 11
TEL 037134631
SEZIONI 34 – 35 – 36 – 37
SCUOLA ELEMENTARE “PASCOLI”
VIA VENETO
TEL 037131519
SEZIONI 25 – 26 – 27
ISTITUTO PROFES. EINAUDI
VIA SPEZZAFERRI
TEL 037136488
SEZIONI 28 – 29 – 30
CASA DI RIPOSO
VIA PAOLO GORINI 48
TEL 0371420526
SEZIONE 42
OSPEDALE MAGGIORE
LARGO DONATORI DEL SANGUE 4
SEZIONE 43
 
 

Opzione esercizio di voto per corrispondenza elettori temporaneamente all'estero

In riferimento al Referendum in oggetto indicato, gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, quale modificata dalla legge 6 maggio 2015, n. 52), presentando al proprio Comune d'iscrizione nelle liste elettorali apposita dichiarazione.  
La dichiarazione di opzione, redatta su apposito modello (vedi allegato) dovrà essere corredata della copia di un documento d’identità valido dell’elettore e dovrà pervenire all'Ufficio Elettorale del Comune, entro dieci giorni successivi alla data di pubblicazione del Decreto del Presidente della Repubblica di convocazione dei comizi elettorali, quindi entro il 26 febbraio 2016.  
Vista l’estrema ristrettezza dei tempi ed in sede di prima attuazione con le consultazioni referendarie del corrente anno, il Ministero dell’Interno Direzione Centrale dei Servizi Elettorali ha espresso l’avviso che il suddetto termine debba considerarsi meramente ordinatorio; pertanto saranno considereranno valide le opzioni pervenute in tempo utile entro il trentesimo giorno antecedente la votazione, quindi entro il 18 marzo 2016.    
La domanda può essere inviata per posta, per fax, per posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall'interessato.  

 

Opzione esercizio del voto in Italia elettori residenti all’estero ed iscritti all’AIRE

Gli elettori residenti all'estero ed iscritti nell'AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) riceveranno il plico elettorale al loro domicilio. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato il Consolato circa il proprio indirizzo di residenza. 
Restano esclusi i residenti negli Stati nei quali non è ammesso il voto per corrispondenza ai sensi dell’art.20, comma 1-bis, della L.459/2001 (salvo per gli elettori di cui ai commi 5 e 6 dell’art.4-bis della stessa legge).
 


I residenti in questi Stati potranno esercitare il diritto di voto esclusivamente in Italia.   
Chi invece, essendo residente stabilmente all'estero, intende votare in Italia, dovrà far pervenire al Consolato competente per residenza un’apposita dichiarazione su carta libera che riporti: 
- nome, cognome, 
- data e luogo di nascita, 
- luogo di residenza, 
- indicazione del comune italiano d'iscrizione all'anagrafe degli italiani residenti all'estero, 
- l'indicazione della consultazione per la quale l'elettore intende esercitare l'opzione. La dichiarazione deve essere datata e firmata dall'elettore e accompagnata da fotocopia di un documento di identità del richiedente, e può essere inviata per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano al Consolato anche tramite persona diversa dall'interessato entro i dieci giorni successivi alla data di pubblicazione del Decreto del Presidente della Repubblica di convocazione dei comizi elettorali, ossia ENTRO IL 26 FEBBRAIO 2016 (con possibilità di revoca entro lo stesso termine).

 

Esercizio del voto a domicilio - solo per gli elettori affetti da gravissime infermità

Gli elettori affetti da gravissime infermità, tale da impedirne l’allontanamento dall'abitazione in cui dimorano anche con l’ausilio dei servizi previsti dall'art. 29 della Legge 05/02/1992 n. 104 e gli elettori che si trovino in condizioni di dipendenza da apparecchiature elettromedicali, possono essere ammessi al voto nella predetta dimora.    
Per avvalersi del diritto di voto a domicilio, gli elettori devono far pervenire in un periodo compreso tra il 40° ed il 20° giorno antecedente la data di votazione (entro lunedì 28 marzo 2016) al Sindaco del Comune di iscrizione nelle liste elettorali, una dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto presso l’abitazione.    
Alla dichiarazione devono essere allegati: • copia della tessera elettorale • copia documento di identità • certificato medico rilasciato dalla ASL attestante l’esistenza di una infermità fisica, ai sensi del D.L.3/1/2006 n. 1 modificato dalla legge 7/5/2009 n. 46 in materia di ammissione al voto domiciliare di elettori affetti da infermità tali da impedire di recarsi al seggio.  

 

Nomina scrutatori

94 scrutatori su 135 sono stati scelti tra persone disoccupate e studenti grazie all'iniziativa del Comune di Lodi.

 

Maggiori informazioni

Ufficio Elettorale Comune di Lodi
Piazza mercato, 5 – 26900 Lodi
Tel: 0371 409.295 - Fax: 0371 409.451
Posta elettronica certificata: comunedilodi@legalmail.it
E-mail: demografici@comune.lodi.it