1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Festival Da Donna a Donna: ultime 2 giornate dell'Agorà delle Donne

 
logo donna

 
UN PALCOSCENICO PER LA CREATIVITÀ FEMMINILE
Scrittrici, giornaliste e interpreti del talento femminile
in primo piano a Lodi dal 18 al 27 settembre


ULTIME DUE GIORNATE DI APERTURA DELL'AGORA' DELLE DONNE: 8 INCONTRI E DUE SAGGI DI DANZA PER SCOPRIRE TALENTI E RISORSE DELL'UNIVERSO FEMMINILE LODIGIANO

Introdotta da un saggio di danza delle allieve dell'Accademia Franchino Gaffurio, si svolgerà giovedì 25 settembre (con inizio alle ore 10.00), la quarta giornata dell'Agorà delle Donne, lo spazio autogestito, sotto i portici di piazza Broletto, in cui prendono voce i movimenti d'opinione, il mondo del volontariato e le associazioni femminili, nell'ambito del Festival Da Donna a Donna.
In calendario quattro interessanti appuntamenti: nel primo la studiosa e giornalista Maria Moretti, lodigiana d'adozione, parlerà con un "taglio" particolare della grande concittadina Giuseppina Strepponi, compagna e musa ispiratrice di Giuseppe Verdi. Sarà poi la volta di Flora Tumminello, dell'Associazione Sottovoce, un gruppo di donne coraggiose che hanno lottato con la malattia e hanno scelto di raccontare la loro esperienza in pubblico, trasformandola addirittura in una rappresentazione teatrale: Ricominciare a vivere sarà il tema dell'intervento. Il terzo appuntamento sarà con Clotilde Fino, insegnante, che parlerà della sua esperienza professionale nel territorio, con un intervento dal titolo Lettera di una professoressa ai Lodigiani. L'ultimo intervento della giornata sarà quello di Daniela Poloni, insegnante del servizio Libro Parlato Lions. Il tema (Voci che restituiscono luce ai miei occhi) spiega già l'importanza dell'iniziativa: il Libro Parlato è una biblioteca audio dei più grandi successi letterari, letti da grandi artisti per un pubblico che non ha la fortuna di poter gioire con gli occhi della bellezza del testo e della sfumatura delle parole. E' il pubblico dei non vedenti, in aiuto del quale la grande famiglia del Lions Club International è sempre in prima fila.
Gli incontri dell'Agorà delle Donne si concluderanno venerdì 26 settembre, con un programma che prevede in apertura (alle ore 10.00) il consueto avvio con un saggio di danza: sotto i portici del Broletto si esibiranno questa volta le allieve dell'Accademia Il Ramo. Subito dopo prenderà la parola Carla Allegri Bertani, presidente dell'Associazione Lodigiana Amici di Oncologia, per spiegare l'importanza della prevenzione nel campo delle malattie oncologiche.
Il secondo intervento sarà quello del Movimento per la lotta contro la fame nel mondo: Rosanna Ribono ci porterà nel cuore dell'Africa, per denunciare come ancora oggi in alcune zone le bambine siano le principali vittime di antiche superstizioni legate alle carestie e ai problemi di sopravvivenza: Africa, magia e persecuzione. Le bambine streghe è il titolo del suo intervento.
A seguire Anna Maria Gianni Malatesta illustrerà l'attività dell'Unitre, l'Università delle tre età, un'associazione diffusa capillarmente in tutta Italia con oltre 300 sedi.
A Lodi opera da ben 21 anni, svolgendo un'apprezzata attività socioculturale e umanitaria. Aperta a tutti, conta su oltre 50 insegnanti volontari e promuove corsi, incontri e seminari di ogni genere.
Infine, un tocco di eleganza e look: è quello offerto dagli allievi del Calam, il Centro Artistico Lodigiano Acconciatori Misti che, guidati dall'insegnante Marina Ratto, daranno una prova della loro straordinaria abilità.

Lodi, 24 settembre 2008