1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Agevolazioni IMU per immobili in comodato gratuito, le novità del 2016

AGGIORNAMENTO PER FRUIZIONE AGEVOLAZIONE IMU ANNO 2016 USO GRATUITO 
del 19.02.2016

In merito alle novità previste dalla Legge Finanziaria 2016 per la fruizione dell'agevolazione IMU per le abitazioni concesse in uso gratuito a genitori e/o figli, si ritiene opportuno fornire  gli ultimi aggiornamenti pervenuti in questi giorni dal Ministero delle finanze sull'argomento. 
Infatti con le circolari prot. n. 2472 del 29/1/2016 e n. 3946 del 17/2/2016 (n. 1D/F) è prevista la possibilità per la concessione in comodato gratuito la forma del contratto "verbale" (quindi non necessariamente un atto scritto).
Ai fini della fruizione della agevolazione IMU anche questo tipo di contratto necessita della registrazione che potrà essere effettuata presso l'Agenzia delle Entrate mediante la compilazione del modello 69 (allegato alla precedente comunicazione) con il solo onere della spese di registrazione pari a €. 200,00.
Inoltre la decorrenza dell'agevolazione di tale forma di contratto, in virtù di quanto disposto dall'art. 3, comma 2 della Legge 212/2000 (Statuto dei diritti del contribuente), qualora la registrazione venisse effettuata entro il 1/3/2016, avrebbe decorrenza 1/1/2016.
Rimane confermato quanto comunicato con la precedente comunicazione qualora la S.V. optasse per la forma del contratto di comodato in forma scritta.

Per ulteriore conferma si riportano le condizioni previste dalla Legge di Stabilità per la fruizione del beneficio economico:

  • Il proprietario dell'immobile deve risiedere anagraficamente e dimorare abitualmente nello stesso comune in cui si trova l'immobile concesso in comodato  (il comodante e comodatario devono essere residenti entrambi nel Comune di Lodi)
  • Il proprietario dell'immobile non deve possedere altri immobili (ad uso abitativo) su tutto il territorio nazionale ma unicamente la propria abitazione principale oltre a quella concessa in uso gratuito
  • Il contratto di comodato deve essere registrato presso un qualunque ufficio dell'Agenzia delle Entrate
  • Il proprietario dovrà presentare la dichiarazione di variazione IMU redatta su modello ministeriale entro giugno 2017 presso il servizio tributario comunale


Ogni informazione inerente la registrazione del contratto dovrà essere rivolta all'Agenzia delle Entrate mentre l'ufficio tributi rimane a disposizione per ogni ulteriore chiarimento al riguardo.

E-mail: tributi@comune.lodi.it
Telefono: 0371 409.307/306/273/272/269

Dal Comune partono 600 lettere informative ai contribuenti interessati

Partirà lunedì 8 febbraio dall'Ufficio tributi del Comune la lettera destinata a circa 600 contribuenti, lodigiani e non, che li rende edotti dei cambiamenti legati alle agevolazioni IMU previste sulle abitazioni concesse in uso gratuito. 

Da quest'anno 2016 la Legge di Stabilità approvata dal Parlamento inserisce quali criteri d'accesso alle agevolazioni alcuni requisiti, diversi rispetto agli anni precedenti. In particolare due sono le condizioni che rilevano ai fini dell'ottenimento delle riduzioni previste:  
· essere proprietari di un solo immobile, oppure di due immobili ubicati nello stesso Comune, di cui uno dei due deve essere necessariamente abitazione principale del proprietario (ad esclusione delle unità in categorie A1-A8-A9). 
· la registrazione del contratto di comodato presso un ufficio dell'Agenzia delle Entrate, non valendo a tal proposito alcuna scrittura privata nè altra forma o dichiarazione di concessione del comodato.

"Intendiamo comunicare per tempo agli interessati - afferma l'assessora al Bilancio Erika Bressani - la possibilità di registrare il contratto, accedendo così all'agevolazione del 50%, che potrà essere applicata dalla data di stipula del contratto nel caso in cui la registrazione avvenga nei 20 giorni successivi. Volendo facilitare l'iter, anche se non di stretta competenza comunale, abbiamo scelto una modalità propositiva e friendly, ricordando gli obblighi di legge e inviando i modelli dell'Agenzia delle Entrate necessari alla registrazione, un fac-simile di contratto di comodato gratuito standard e le indicazioni inerenti le procedure di registrazione così che chi ne ha la possibilità riesca a coglierla per tempo". 

L'iniziativa non è nuova per l'assessorato comunale, che in questi anni sta lavorando molto sulla qualità delle comunicazioni con gli utenti. Tra le iniziative intraprese le principali sono l'implementazione delle comunicazioni e del disbrigo delle pratiche via mail, che ha coinvolto più di 2000 famiglie e 3000 imprese, la Tasi precompilata inviata a tutti i cittadini, il servizio di calcolo gratuito on line o in Comune e l'esplicativa delle agevolazioni previste in un volantino, inviato in tutte le famiglie.
La Legge di Stabilità 2016 introduce una sola forma di comodato gratuito per il quale è prevista una riduzione del 50% della base imponibile IMU unicamente nel caso in cui vengano rispettate le due nuove condizioni. In caso di registrazione oltre i 20 giorni previsti, l'agevolazione decorrerà naturalmente dalla data di registrazione.

"È importante che i cittadini che intendano avvalersene possano per tempo - ribadisce l'assessora Bressani - previa verifica dell'altro requisito circa il numero delle proprietà, registrare il contratto quanto prima, per poter accedere all'agevolazione per il 2016".
Per beneficiare della riduzione per l'immobile concesso in comodato, il proprietario deve comunicare e attestare il possesso dei requisiti al Comune, tramite un'apposita dichiarazione all'Ufficio Tributi. Le scadenze per il pagamento dei tributi rimangono invariate rispetto allo scorso anno: 16 giugno (acconto o soluzione unica) e 16 dicembre (saldo).

Per info: tributi@comune.lodi.it
Tel. 0371 409.307/306/269/272/273 

Lodi, 5 febbraio 2016