1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Riqualificazioni di 4 alloggi ERP, approvato il progetto

Finanziamento di 60.000 euro a fondo perduto, entro febbraio lavori conclusi

Un bilocale in via Kennedy 28, uno in via Michelangelo 2/b, un monolocale in piazza Sommariva e un trilocale in via della Marescalca.

Sono i quattro alloggi del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) per i quali l'amministrazione comunale di Lodi ha ottenuto dal Ministero delle Infrastrutture, tramite la Regione Lombardia, un finanziamento del valore di 60.000 euro a fondo perduto, ai sensi dell'art. 4 della L. 80/2014 sugli "Interventi di recupero e riqualificazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica".

Due le tipologie di interventi finanziabili dalla legge, definite rispettivamente Linea A e Linea B. Gli alloggi in questione sono inseriti nella prima, che prevede interventi definiti di 'lieve entità' in tema di manutenzioni straordinarie per la riconversione di appartamenti ERP: l'importo è pari o inferiore ai 15.000 euro per ogni singolo appartamento e le opere devono concludersi entro il 2 febbraio 2016.

"Abbiamo partecipato al bando con l'idea di riqualificare questi alloggi - dichiara l'assessore al patrimonio, arch. Sergio Tadi - individuando un gruppo di lavoro interno, che si occupasse di approntare il progetto, da presentare poi al Ministero tramite gli uffici della Regione, che fanno da tramite della procedura e vagliano le candidature. Si tratta di interventi in edifici esistenti, senza necessità di varianti urbanistiche né procedure espropriative, essendo tutti di nostra proprietà. I progettisti hanno individuato una serie di opere che vanno dal rifacimento della parte impiantistica, da effettuare in ogni alloggio, ad altre più specifiche adattate ai singoli casi."

Al terzo piano di via Kennedy verranno così realizzate migliorie agli impianti igienico-sanitari, messo a punto un nuovo impianto di riscaldamento e rifatti pavimenti e bagno, oltre all'impianto elettrico. In via Michelangelo verrà sostituita la caldaia e adeguata alla normativa vigente, sostituiti i serramenti, realizzato l'impianto elettrico e il cappotto interno, riqualificato e ampliato il bagno. In piazza Sommariva, oltre alle migliorie impiantistiche e sanitarie, verranno realizzate nuove aperture e sostituiti i serramenti ammalorati. Infine in via della Marescalca verrà sostituita la caldaia, adeguato l'impianto elettrico e rifatti i servizi igienici. A lavori ultimati quattro famiglie in graduatoria ERP potranno quindi vedersi assegnati gli alloggi, a questo punto perfettamente sistemati a norma di legge.

"Una possibilità in più - afferma l'assessore alle politiche della casa Domenico Bonaldi - che ci consentirà, considerata la metratura dei quattro appartamenti, di soddisfare l'esigenza abitativa di una decina di persone. In un momento di difficoltà come l'attuale, parlando in generale e, per quanto attiene il tema specifico, della possibilità di alleggerire le lunghe graduatorie ERP, poter disporre di posti in più è una salutare boccata d'ossigeno".

Altro discorso, invece, per gli interventi della linea B inseriti nel medesimo bando. In questo caso gli interventi sono definiti di 'entità elevata' e riguardano il ripristino di alloggi di risulta, le manutenzioni straordinarie del valore di 50.000 euro per ogni alloggio, la messa in sicurezza, la rimozione di amianto o comunque di sostanze inquinanti e nocive alla salute, il superamento di eventuali barriere architettoniche e le manutenzioni delle parti comuni degli edifici. 

"Interventi decisamente più complessi, come si vede - precisa l'assessore Tadi - che ci hanno indotto a proporre la riqualificazione di otto appartamenti in via Gorini, per un valore complessivo di 325.000 euro, e di altri otto in via della Calca, del valore in questo caso di 290.000 euro. Anche le tempistiche sono diverse: i lavori dovranno iniziare entro il mese di dicembre 2016 e, al riguardo, attendiamo la comunicazione apposita della Regione sul finanziamento".

La palla è in capo al Ministero delle Infrastrutture, infatti, che deve ora confermare l'assegnazione delle risorse validando così il percorso avviato, per consentire l'effettiva realizzazione del progetto.   

Lodi, 29 dicembre 2015