1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Notte bianca a Lodi

Sabato 18 luglio dalle ore 19.00

Con oltre 50 eventi dislocati in tutto il centro storico e nella città bassa, la Notte Bianca di Lodi si appresta a vivere la sua ottava edizione, in programma sabato 18 luglio.
 
L'iniziativa è stata presentata oggi nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso la Sala della Pace di Palazzo Broletto, con la partecipazione del sindaco Simone Uggetti, dell'assessore a turismo e attività produttive Andrea Ferrari, del presidente di Club Wasken Boys, Luigi Pasquini, del comandante della Polizia Locale, Angelo Di Legge, del coordinatore del Nucleo Comunale di Protezione Civile, Alberto Panzera, e dei rappresentanti dei partner dell'iniziativa (Unione Artigiani, Confartigianato, Confcommercio, Asvicom), oltre che di una delegazione del Comitato di Lodi della Croce Rossa Italiana, che curerà il servizio di assistenza sanitaria.
 
Sotto il profilo organizzativo, la gestione di sicurezza e assistenza sanitaria dell'evento sarà affidata a quasi un centinaio di addetti, tra Polizia Locale (praticamente mobilitata con tutti gli effettivi a disposizione, per il controllo dei varchi della zona preclusa al traffico veicolare e per la vigilanza), Protezione Civile, Forze dell'Ordine, Vigili del Fuoco e Croce Rossa.
 
L'assistenza sanitaria vedrà impegnate sino al termine dei fuochi d'artificio 4 ambulanze e diverse squadre di operatori a piedi, successivamente le ambulanze in servizio saranno 3, dislocate ai margini della zona interdetta al traffico, con in più un punto di primo intervento in viale Dante Alighieri, dove quest'anno al posto dei gazebo verranno utilizzate delle ambulanze, attrezzate da "ambulatorio" mobile e dotate di climatizzazione.
 
Il modello organizzativo dei servizi di ordine pubblico e di assistenza sanitaria è stato predisposto con il coordinamento della Questura, seconda una precisa ripartizione di competenze ed una chiara indicazione della catena di comunicazione tra i vari soggetti coinvolti.

Infine, al divieto di somministrazione di bevande da asporto in contenitori di vetro, stabilito con apposita ordinanza del sindaco, quest'anno è stato aggiunto anche il divieto di detenzione. 

(16-07-2015)