1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Prevenzione rischio sfratti: apre lo Sportello Casa

Lo Sportello Casa, il nuovo servizio attivato dal Comune per fornire assistenza nelle pratiche di accesso alle misure di sostegno a favore delle famiglie a rischio sfratto, aprir√† mercoled√¨ 27 maggio e successivamente sar√† disponibile ogni mercoled√¨ della settimana (dalle 09.00 alle 13.00 con accesso libero; dalle 14.00 alle 17.00 previo appuntamento da concordare chiamando al numero 0371/409382). Oltre che presso gli uffici di via delle Orfane, gli interessati potranno rivolgersi anche all'agenzia Compro Casa di via XX Settembre, che collaborer√† all'iniziativa promossa dal Comune con il contributo economico della Regione e della Fondazione Banca Popolare di Lodi e con la partecipazione dell'associazione Casa Barasa di Sant'Angelo.

A questi due recapiti potranno essere presentate le domande per beneficiare delle agevolazioni economiche e contrattuali a favore sia degli inquilini che dei proprietari previste dal "Progetto sperimentale per il mantenimento dell'abitazione in locazione", che complessivamente mette in campo risorse per 354.500 euro (di cui 224.500 di stanziamento regionale, 90.000 messi a disposizione dal Comune e 40.000 dalla Fondazione Banca Popolare di Lodi).

"L'obiettivo - ha spiegato il sindaco oggi, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa - √® quello di aiutare le famiglie ad evitare di incorrere nel rischio di perdere l'abitazione in cui vivono in affitto, a causa di morosit√† incolpevole, dovuta ai numerosi fattori che possono ridurre la condizione reddituale e quindi la capacit√† di far fronte ai canoni di locazione. Allo stesso tempo, le misure che abbiamo predisposto rappresentano un aiuto anche per i proprietari, da una parte consentendo loro di recuperare gli affitti insoluti senza affrontare contenziosi con gli inquilini ed avviare procedure di sfratto, dall'altra incentivandoli a reinserire nel circuito delle locazioni residenziali gli immobili sfitti e inutilizzati, a condizione che aderiscano al cosiddetto "canale concordato", quindi praticando tariffe ribassate rispetto alle medie del mercato libero, con durate contrattuali di 3+2 e di 6+2 anni, opzione che inoltre d√† diritto di usufruire di detrazioni fiscali. Bisogna infatti considerare che la piccola propriet√† immobiliare, che basa il suo sostentamento unicamente sui redditi da locazione, √® significativamente diffusa nella nostra citt√†, dove i contribuenti Irpef che dichiarano proventi esclusivi di questa natura sino a 15.000 euro (importo equivalente alla soglia di esenzione dall'addizionale comunale) sono circa un migliaio".

"Non si tratta di misure assistenzialistiche - ha sottolineato l'assessore alle politiche per la casa, Domenico Bonaldi - ma di una azione di accompagnamento delle famiglie verso soluzioni economicamente sostenibili che nel medio periodo allontanino il rischio di morosit√† e quindi di sfratto. L'area di intervento non √® quindi quella degli sfratti gi√† dichiarati esecutivi, che richiedono altri tipi di soluzioni, ma quella di chi potenzialmente √® esposto a questo rischio. I servizi che abbiamo predisposto sono stati pensati per assistere le famiglie e i proprietari in ogni passaggio della procedura, con valutazioni personalizzate che terranno conto delle specifiche situazioni. Le risorse stanziate dovrebbero consentire di affrontare circa 50 casi, ipotizzando che per ogni richiesta venga concesso il contributo massimo consentito, ma in realt√† confidiamo di ampliare il novero dei beneficiari. Se il progetto si riveler√† efficace, possiamo inoltre contare su un ulteriore stanziamento regionale di 127.000 euro, gi√† assegnato al Comune ma non ancora erogato. Particolarmente significativa sar√† la collaborazione con Casa Barasa (rappresentata in conferenza stampa da Raffaele Gnocchi), associazione che nella realt√† di Sant'Angelo ha gi√† maturato una importante esperienza in questo ambito e che sta estendendo la sua azione ad altri contesti locali del territorio lodigiano".

"La Fondazione Banca Popolare di Lodi non ha avuto la minima esitazione ad accogliere la proposta del Comune e mettere a disposizione un contributo economico - ha dichiarato Roberto Rho - Il progetto ci √® infatti parso molto interessante ed innovativo, in grado di affrontare il grave problema dell'abitazione, ed in particolare del rischio sfratti, con un approccio davvero concreto e prospettando un modello che potrebbe efficacemente essere replicato in altri centri del territorio".

Le misure di intervento per i cittadini in difficoltà abitativa

  • Contributo sino a 3.000 euro per l'eliminazione del debito (non oltre il 50% della morosit√† accumulata)
  • Corresponsione direttamente al proprietario di un anno di locazione (sino a 5.500 euro, comprensivi di oneri accessori e spese) in caso di rinegoziazione del contratto in essere o di stipula di nuovo contratto.

Le misure di intervento per i proprietari

  • Corresponsione sino a due annualit√† del canone di locazione (sino ad un massimo di 5.500 euro annui, compresivi di oneri accessori e spese) per appartamenti sfitti da almeno 6 mesi, recuperati e messi in locazione, con restituzione dell'Imu versata per gli anni di locazione concordati
  • In caso di appartamenti che per essere recuperati e messi in locazione necessitano di lavori di messa a norma, ai contributi in conto canone di locazione ed alla restituzione dell'Imu si aggiunge un contributo sino a 7.000 euro (comunque non superiore al 40% delle spese di messa a norma).

Requisiti di accesso per i cittadini

  • Isee tra 4.100 e 26.000
  • Titolarit√† di contratto di locazione di unit√† immobiliare a uso abitativo (escluse categorie catastali A/1, A/8 e A/9
  • Situazione di morosit√† per un periodo tra 6 e 24 mesi per ridotta o annullata capacit√† reddituale dovuta a perdita di lavoro, cassa integrazione, cessazione di attivit√†, malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare
  • Procedura di rilascio dell'immobile non allo stato esecutivo.

Dove presentare le richieste

  • Sportello Casa del Comune di Lodi: via delle Orfane 10; ogni mercoled√¨ dalle 09.00 alle 13.00 con accesso libero, dalle 14.00 alle 17.00 dietro appuntamento (0371/409382, telefonare mercoled√¨ mattina)
  • Agenzia Compro Casa: via XX Settembre 3; mercoled√¨ dalle 15.00 alle 18.30 su appuntamento (344/1500721, ardemagnidaniela@gmail.com).

Avviso pubblico e moduli di richiesta

Oltre che presso i recapiti sopra indicati, l'avviso pubblico con tutte le informazioni sulle misure a cui √® possibile accedere ed i moduli per presentare richiesta sono consultabili e scaricabili di seguito.

(20-05-2015)
 

 
immagine della conferenza stampa