1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Nuovo servizio dell'Ufficio Tributi per invio tramite e-mail degli avvisi

Comune@Home


Da oggi i contribuenti lodigiani potranno ricevere via posta elettronica la documentazione relativa agli importi dovuti al Comune per tributi e tasse, compresi i modelli F24 per i versamenti, già compilati.
La prima comunicazione è in procinto di essere inviata nei prossimi giorni e riguarderà la bolletta per la tassa rifiuti 2015.
Saranno considerate valide al fine dell'invio della bollettazione 2015 tutte le richieste di attivazione che perverranno entro il 20.04.2015.
Le richieste pervenute dopo tale data saranno tenute valide per le emissioni successive.

"A poter usufruire di questa opportunità sono già oggi oltre 1.000 contribuenti, i cui indirizzi di posta elettronica sono noti all'Ufficio Tributi per precedenti contatti - spiega l'assessore al bilancio ed all'innovazione digitale, Erika Bressani - Prima di procedere all'invio della documentazione, le persone in questione verranno informate della possibilità di aderire a questa nuova forma di trasmissione dei documenti tributari e nel caso in cui non fossero intenzionate ad avvalersene dovranno semplicemente segnalarlo, sempre in posta elettronica, all'Ufficio Tributi. Per tutti gli altri contribuenti i cui recapiti e-mail non sono noti al Comune, l'adesione a questo nuovo servizio avverrà tramite la compilazione di un modulo disponibile nella pagina del servizio tributi del sito internet del Comune: chi non si iscriverà al servizio continuerà ovviamente a ricevere la documentazione cartacea a domicilio. Informazioni e chiarimenti possono essere richiesti via e-mail a tributionline@comune.lodi.it.
L'amministrazione comunale ritiene che questa nuova modalità rappresenti una efficace agevolazione a favore dei contribuenti, perché garantisce tempestività della consegna, comodità di gestione dei documenti e semplicità di archiviazione in formato elettronico".

A proposito di archiviazione dei documenti elettronici, il Comune ha avviato una collaborazione con il Polo Archivistico Regionale dell'Emilia Romagna, a cui è stato affidato il compito di provvedere alla conservazione della documentazione informatica per i prossimi cinque anni.

"Si tratta di migliaia di documenti all'anno, basti pensare alla corrispondenza legale notificata al Comune in posta elettronica certificata oppure alle fatture elettroniche che da ieri sono diventata obbligatorie nei rapporti tra la pubblica amministrazione ed i suoi fornitori - sottolinea l'assessore Bressani - La gestione esterna di questa mole di materiale, affidata ad un soggetto pubblico di comprovata esperienza e capacità, che già svolge questo compito per numerosi Comuni e Aziende Sanitarie anche al di fuori dell'Emilia Romagna, sgraverà la nostra struttura di una funzione complessa ed impegnativa, mantenendo sempre disponibile in ogni istante la documentazione, sia per la consultazione per esigenze di servizio che per gli aspetti legati all'accesso agli atti, con piena garanzia di tutela della privacy".

Per usufruire di questo servizio, il Comune verserà all'Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali dell'Emilia (da cui dipende il Polo Archivistico) un contributo una tantum di 1.000 euro, più un contributo spese annuale di identico importo, potendo in questo modo disporre di uno spazio di memoria sino a 300 gigabyte.

(02.04.2015)