1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Open Day di San Bassiano, il bilancio dell'iniziativa

Sono stati tra i 4.000 e i 5.000 i visitatori che hanno partecipato all'open day di musei, monumenti e luoghi d'arte promosso dal Comune in collaborazione con numerose associazioni culturali e la Banca Popolare di Lodi in occasione della festa patronale di San Bassiano.

"Il conteggio non è ancora stato completato al dettaglio e al computo finale mancano alcuni dati, ma anche se provvisorio, il bilancio dell'iniziativa è sicuramente molto positivo, sia in termini numerici assoluti sia perché conferma il successo della prima edizione dell'open day tenutasi lo scorso anno, incoraggiandoci a proseguire su questa strada e ad ampliare progressivamente per il futuro l'offerta - commenta il sindaco, Simone Uggetti - E' da sottolineare che queste quasi 5.000 presenze si riferiscono esclusivamente ai luoghi aperti in via straordinaria domenica 18 e lunedì 19 gennaio e sono ovviamente al netto delle migliaia di persone che hanno partecipato ai momenti "tradizionali" della festa di San Bassiano, dal pontificale alla distribuzione di trippa sino alla fiera in piazza della Vittoria".

Tra i luoghi più visitati spicca la Biblioteca Laudense, con 700 presenze, 280 delle quali presso la Sala dei Filippini e 240 per gli spettacoli per i bambini. Quasi 700 visitatori anche al Tempio Civico dell'Incoronata, il capolavoro di architettura rinascimentale che rappresenta la principale attrazione turistica della città, e positivi riscontri anche per le visite alla sedi della Banca Popolare di Lodi, quella storica di via Cavour (che per l'occasione "svelava" anche il caveau) ed il nuovo centro direzionale di via Polenghi Lombardo, progettato da Renzo Piano (complessivamente 470 i visitatori, ai quali bisogna aggiungere 150 presenze alla mostra di Munari presso lo spazio Bipielle Arte). 
Molto apprezzate anche le visite guidate gratuite tra i principali monumenti della città (nonché alla Collezione Gorini di piazza Ospitale), con 400 presenze e gruppi sempre esauriti. Numerosi (circa 400) anche i visitatori di Palazzo Broletto, che accompagnati a turno dal presidente del consiglio comunale Gianpaolo Colizzi, dal vice presidente Francesco Milanesi e dal consigliere Giovanni Ghizzoni hanno potuto conoscere l'ala "nobile" della sede dell'amministrazione municipale, che comprende l'aula consiliare, gli uffici del sindaco e dello staff del primo cittadino, la presidenza del consiglio, e le sale "A.G.Riu" (dove si riuniscono le commissioni consiliari), "M.Magrini" (che ospita le sedute della giunta) e della Pace. Oltre 200 persone hanno poi visitato l'ex chiesa di Santa Chiara Nuova e complessivamente 330 fra Museo dei Bersaglieri, Museo della Stampa e Museo dello Strumento Musicale presso l'Accademia Gerundia. Tutto esaurito ai laboratori dimostrativi per bambini organizzati presso il Parco Tecnologico Padano, con 250 presenze.

"E' stato un bellissimo segnale di attenzione e interesse da parte dei lodigiani alle bellezze della città - osserva il sindaco - e della curiosità di tanti visitatori giunti da altre località nei confronti di una meta che per molti ha rappresentato un'autentica scoperta e che ha dimostrato di avere tutti i requisiti per sviluppare un consistente movimento di "turismo di giornata". Proseguiremo su questa strada, iniziando fin da ora a lavorare per estendere ulteriormente la rete di collaborazioni che ha reso possibile questa iniziativa e per presentare ai visitatori sempre nuove attrazioni".

(20-01-2015)