1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Alienazione di automezzi e attrezzature comunali, avviso pubblico

Autovetture, le lame spartineve del servizio invernale di spalamento, alcuni autocarri, i ciclomotori: queste in sintesi le tipologie dei beni per i quali l'amministrazione comunale ha deciso di avviare l'iter di alienazione, poichè ormai non più ritenuti utili ai fini dei rispettivi servizi.

Chiunque fosse interessato all'acquisto di ogni singolo mezzo e/o attrezzatura, può formulare la propria offerta in busta chiusa da far pervenire all'UfficioProtocollo, Piazza Broletto n. 1, 26900 Lodi, entro e non oltre martedì 12 novembre 2013.

Gli aggiudicatari saranno poi avvisati tramite apposita comunicazione e dovranno provvedere al versamento dell'importo di aggiudicazione del mezzo e/o attrezzatura prima del ritiro dello stesso.

I mezzi e/o le attrezzature sono visionabili previo appuntamento telefonico, presso le sedi ove gli stessi sono attualmente depositati:
- Autofficina Comunale, Sig. Ceccoli Tiziano, Tel 0371/4687271;
- Autofficina Locatelli, Tel. 0371/30279;
- Tecnoagricola s.n.c., Tel. 0371/425131 - 426490;
- ditta Groppelli, Tel. 0371/484268 - 3388386715;
- ditta Ceresa, Tel. 0371/610327
 

Riduzione e sostituzione del parco auto comunale

La consistenza del parco auto del Comune si ridimensionerà entro il 2015 di oltre un terzo, passando da una dotazione attuale di 30 mezzi ad una di 19, consentendo un risparmio annuo delle spese di gestione di circa 30.000 euro (tra tassa di circolazione, assicurazioni, consumi di carburante e manutenzioni). Il piano di ammodernamento, predisposto dall'assessore a urbanistica, Polizia Locale e Protezione Civile, Simone Piacentini, trova già in questi giorni un primo livello di attuazione, con l'inserimento di 8 mezzi del parco auto nell'elenco dei veicoli e delle attrezzature di proprietà comunale messi in vendita con un bando che prevede la scadenza dei termini per la presentazione di offerte libere entro il 12 novembre. Insieme alle 8 auto (3 Fiat Panda, una Fiat Punto, 2 Fiat 500, una Fiat Brava ed un'Alfa 166), la dismissione riguarda anche un motocarro Ape Piaggio, 2 autocarri Iveco, un rimorchio, 3 ciclomotori Malaguti, 2 motocicli Aprilia e 8 lame spartineve.
 
"L'obiettivo del piano di dismissione - spiega l'assessore Piacentini - non è solo quello di ridurre il numero delle autovetture al duplice scopo di realizzare risparmi sulle spese di gestione e di favorire l'attuazione dell'atto di indirizzo con cui la giunta ha indicato il ricorso prioritario alla bicicletta come mezzo di spostamento per i dipendenti comunali. Non meno importante è infatti l'ammodernamento del parco auto, che prevede la sostituzione da qui al 2015 di circa il 40% dei mezzi che resteranno in dotazione, con nuovi modelli non solo maggiormente efficienti e confortevoli, ma anche più ecologici, con alimentazioni a metano o gpl".
 
Gli interventi sul parco auto sono uno degli elementi del piano di riduzione delle spese di funzionamento dell'ente messo a punto dall'amministrazione nell'ambito della manovra di bilancio 2013, con l'obiettivo di realizzare risparmi di gestione per circa 1.200.000 euro.
 
(30.10.2013)