1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Presentato il progetto di sviluppo dello stabilimento ICR di Lodi

 L'I.C.R. sfida la crisi economica e rilancia sul piano produttivo ed occupazionale, programmando un consistente ampliamento dello stabilimento di Lodi, sostenuto da un investimento di circa 6 milioni di euro che l'azienda sarà in grado di affrontare anche grazie alla collaborazione del Comune, che per favorire l'intervento rinuncerà a riscuotere una quota degli oneri di urbanizzazione per un importo di 1.100.000 euro, dietro l'impegno dell'impresa a stabilizzare i contratti di lavoro della metà del personale attualmente assunta tramite cooperative.

Il progetto di riqualificazione e potenziamento dell'insediamento produttivo delle Industrie Cosmetiche Riunite Spa che sorge lungo la strada provinciale 25 Lodi-Boffalora d'Adda è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso la sala giunta di Palazzo Broletto, alla presenza del sindaco Lorenzo Guerini, dell'assessore all'urbanistica e alle attività produttive Simone Uggetti, del presidente e amministratore delegato dell'azienda Roberto Martone, del direttore generale Giorgio Fantin e del direttore acquisti e servizi generali Gianni Blanchetti.
 
"Il varo di questa importante iniziativa - ha commentato Guerini - è frutto di un confronto diretto e concreto tra l'azienda e l'amministrazione comunale, che ha riconosciuto da subito il valore di investimenti e di scelte imprenditoriali che guardano al futuro, in aperta controtendenza rispetto alle attuali condizioni economiche di crisi. Ci auguriamo che questa operazione possa rappresentare un elemento di riferimento per possibili sviluppi di altre aziende presenti sul territorio".
 
Il progetto prevede la realizzazione di due nuovi corpi di fabbrica, in aggiunta ai due esistenti, per una maggior superficie coperta di 30.022 metri quadrati (13.777 nel primo dei due nuovi edifici, 16.245 nel secondo), oltre ad un ampliamento del piazzale interno da 15.719 a 38.371 metri quadrati, un incremento di circa il 50 per cento del parcheggio (da 9.640 a 14.470 metri quadrati), lo sviluppo della viabilità di accesso allo stabilimento ed un significativo aumento della superficie a verde (da 4.503 a 11.928 metri quadrati).
La riqualificazione dell'insediamento produttivo sarà finalizzata anche allo sviluppo occupazionale, in base ad accordi che verranno definiti con le organizzazioni sindacali nel corso di un confronto che nei giorni scorsi è già stato avviato in via preliminare.
 
Proprio allo scopo di incentivare e massimizzare le ricadute occupazionali dell'intervento, il Comune rinuncerà a riscuotere gli importi relativi al cosiddetto "standard di qualità", per circa 1.100.000 euro, in cambio della stabilizzazione dei contratti di lavoro di tutto il personale (in totale oltre 600 addetti).

I.C.R. S.p.a.

Fondata nel 1975, la I.C.R. (Industrie Cosmetiche Riunite SpA) è un'azienda leader nello sviluppo e nella produzione di fragranze e cosmetici di alta qualità.
Nel 1987 ICR Spa trasferisce uffici, stabilimento di produzione e magazzini nell'attuale sito di Lodi. Nel marzo del 2004 la ICR si è integrata a valle, acquisendo indirettamente la maggioranza assoluta della ITF Spa, che gestisce licenze di brands del lusso nel settore della profumeria e cosmesi selettiva. Oggi I.C.R. vanta, a livello mondiale, accordi in esclusiva per la produzione di profumi e cosmetici e la logistica di un ampio portafoglio di brand prestigiosi quali: Bulgari, Salvatore Ferragamo, Gianfranco Ferré, Gai Mattiolo, Emanuel Ungaro, DSquared2, Custo, Exté, Blumarine, Trussardi e Pomellato.
I.C.R. gestisce tutti gli aspetti produttivi: dalla industrializzazione dei progetti al confezionamento, fino alla logistica a livello mondiale. Nel 2011 I.C.R. ha confezionato oltre 90.000.000 di profumi per un fatturato pari a 140.000.000 di euro, che corrispondono ad un incremento del 16% rispetto all'anno precedente.

(20-12-2011)
 

pianta del progetto
la conferenza stampa