1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

"Conversazioni d'Autore": ospite Vito Mancuso

Io e Dio, Vito Macuso e la domanda che sta al centro di ogni esistenza nel terzo appuntamento di conversazioni d'autore

«Che cosa è vero di questa vita che se ne va, e nessuno sa dove? Rispondere a questa domanda significa parlare di Dio». "Io e Dio" di Vito Mancuso ruota intorno a questa domanda: una domanda intima, personale, che però coinvolge l'intera umanità, e dunque ciascuno di noi. In questo senso, per ogni uomo che viene sulla terra, cristiano o no, la partita della vita è sempre tra io e Dio. Tuttavia, oggi tenere insieme un retto pensiero di Dio e un retto pensiero del mondo è molto difficile: così qualcuno sceglie Dio per disprezzo del mondo, qualcun altro sceglie il mondo per noia di Dio, mentre molti non scelgono né l'uno né l'altro, forse perché non avvertono più quell'esigenza radicale dell'anima che qualcuno chiamava "fame e sete di giustizia". In pagine ricche di dottrina e di passione per la verità, Vito Mancuso spiega e condivide le ragioni della sua fede in Dio. È un percorso in cui non mancano puntate polemiche, basato su una ampia riflessione, che supera di slancio la strettoia tra due posizioni in apparenza contrapposte, che negano entrambe la nostra libertà individuale: da un lato l'autoritarismo delle gerarchie religiose, dall'altro uno scientismo ateo e semplicistico. Ma una civiltà senza religione, o con una religione senza cultura, argomenta Vito Mancuso, perde inevitabilmente la propria coesione interna, schiacciata su una sola dimensione, in balia di un egoismo molto prossimo al cinismo o alla disperazione. "Io e Dio" apre invece la strada verso una fede basata sull'amore e sul dialogo, sulla libertà e sulla giustizia. Mancuso ne parlerà con il pubblico lodigiano lunedì 7 novembre (ore 21.00, sala Carlo Rivolta del Teatro alle Vigne), per il terzo appuntamento della rassegna "Conversazioni d'autore".

Vito Mancuso, teologo, è docente presso la Facoltà di Filosofia dell'Università San Raffaele di Milano. I suoi scritti hanno suscitato notevole attenzione da parte del pubblico, in particolare "L'anima e il suo destino" (Raffaello Cortina, 2007, con prefazione di Carlo Maria Martini), un bestseller da oltre centomila copie già tradotto all'estero e con una poderosa rassegna stampa, radiofonica e televisiva. È oggetto di discussioni e polemiche per le posizioni non sempre allineate con le gerarchie ecclesiastiche, sia in campo etico sia in campo strettamente dogmatico. È editorialista del quotidiano "la Repubblica". Tra le sue ultime pubblicazioni "Disputa su Dio e dintorni" (con Corrado Augias, Mondadori 2009) e "La vita autentica" (Raffaello Cortina, 2009), che ha avuto anche un'edizione  audio con prefazione di Lucio Dalla (Emons 2010).
Presso una delle più prestigiose editrici accademiche tedesche è stato pubblicato di recente un saggio sul suo pensiero: Corneliu
C. Simut, "Essentials of Catholic Radicalism. An Introduction to the Lay Theology of Vito Mancuso"(Peter Lang, 2011).
 
(03.­11.­2011)