1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Riqualificazione degli arredi urbani in Corso Vittorio Emanuele II

Il progetto di riqualificazione degli arredi urbani che durante l'estate ha interessato corso Adda e corso Umberto I verrà esteso anche a corso Vittorio Emanuele II. L'iniziativa, sviluppata a partire da uno studio realizzato per conto del Distretto del Commercio dal Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano (con uno staff coordinato dal professor Spagnolo e comprendente gli architetti Anna Arioli di Lodi, Erika Cormio ed Elisa Scaglione), doveva inizialmente limitarsi a corso Adda, cogliendo l'occasione dei lavori di rifacimento della pavimentazione in porfido, programmati per il periodo estivo.

"Successivamente - spiega l'assessore alle attività produttive, Simone Uggetti - i risparmi conseguiti con i ribassi dell'asta di aggiudicazione dell'appalto dei lavori stradali e l'individuazione di un fornitore presso il quale è stato possibile approvvigionarsi a prezzi molto convenienti dei materiali pregiati necessari per l'allestimento dei nuovi arredi hanno consentito di programmare da subito l'inclusione di corso Umberto I nel progetto ed ora di estendere l'intervento anche a corso Vittorio Emanuele II, dove verranno create 8 postazioni delle nuove "isole ambientali" (2 sul lato destro della via percorrendola in direzione di piazza Castello e 6 sul lato opposto), che si aggiungeranno così alle 13 già realizzate in corso Adda e corso Umberto I".
 
Le "isole ambientali" consistono in spazi delimitati da cordonature in pietra chiara (granito) con all'interno aiuole fiorite, piccole superfici a verde ed alberature, con accostamenti di diverse tipologie floreali e arbustive, affiancate a sedute per la sosta dei passanti. I lavori in corso Vittorio Emanuele II inizieranno lunedì 26 settembre e si protrarranno per circa due settimane, senza comportare la chiusura della via al traffico, sia pedonale che veicolare.

"L'unica limitazione - informa l'assessore Uggetti - riguarderà i mezzi del servizio di trasporto pubblico urbano, che già ora, dall'inizio dei lavori di manutenzione della pavimentazione in porfido, vengono deviati su percorsi alternativi a quello di attraversamento del centro storico, per consentire un adeguato assestamento della pavimentazione stessa e dei nuovi elementi in granito".
 
Per far posto ai nuovi arredi in pietra verranno rimossi quelli in resina bianca installati la scorsa primavera e finanziati con un contributo regionale a favore del Distretto del Commercio, che a loro volta avevano sostituito i vecchi arredi del centro storico, risalenti a quasi 20 anni fa; questi elementi verranno successivamente riutilizzati in altre vie del centro.
(23-09-2011)