1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Soppressione dell'Ufficio Scolastico Provinciale

Il Sindaco di Lodi annuncia nuove iniziative

"Di fronte agli ultimi aggiornamenti forniti dal dottor Bonelli sulla questione della (a quanto pare sempre pi√Ļ probabile) chiusura del Provveditorato agli Studi di Lodi, non posso che ribadire ci√≤ che ho sempre sostenuto a riguardo: prima di privare i territori di servizi fondamentali, sarebbe il caso che l'amministrazione pubblica operasse tagli a livello centrale. Se c'√® un'esigenza di risparmio cos√¨ pressante ed urgente, non √® allontanando i servizi dalle comunit√† locali che questa esigenza pu√≤ essere efficacemente soddisfatta".
 
Così il sindaco di Lodi, Lorenzo Guerini, commenta le dichiarazioni recentemente rilasciate dal dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale in occasione di un incontro con i presidi degli istituti scolastici del Lodigiano.

"A ciò che sostiene il dottor Bonelli non si può che prestare fede - osserva il sindaco - per cui se ritiene che entro Natale Lodi perderà il Provveditorato, le cui funzioni sarebbero destinate ad essere accorpate a Pavia, con il mantenimento sul territorio di un semplice "sportello", dobbiamo considerare questa malaugurata prospettiva come imminente e concreta. Questa considerazione non può tuttavia bastare a farci accettare supinamente una decisione che è indiscutibilmente avventata e contro gli interessi del territorio. Personalmente continuerò a cercare di dissuadere chi è titolato a prendere questa decisione ed a questo proposito già nei prossimi giorni potrebbe crearsi l'occasione per portare la questione all'attenzione del Provveditore regionale e della stessa Regione Lombardia".
 
"Tra l'altro - sottolinea Guerini - sono convinto che tagli e ridimensionamenti possano e debbano partire proprio dal livello regionale dell'amministrazione scolastica, dove sicuramente sono insediate alcune direzioni tutt'altro che essenziali per il buon funzionamento della pubblica istruzione, senz'altro meno importanti ed utili di un Ufficio Provinciale. Si inizi da lì a ridurre i costi economici ed organizzativi dell'organizzazione scolastica".
 
(08-09-2011)