1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Faustina, rinnovata l'Ordinanza per la tutela dei residenti

Rinnovato sino a tutto ottobre il divieto di consumo di alcolici, di accensione di fuochi, di diffusione di musica ad alto volume e di insudiciamento del terreno in piazzale degli Sport, viale Olimpia, via Piermarini e tutta la zona del Centro Sportivo Faustina.
Lo dispone un'ordinanza firmata dal sindaco per far fronte alla situazione di disagio creatasi per effetto dei raduni (soprattutto nei fine settimana) di consistenti gruppi di persone, di origine prevalentemente latino-americana, che utilizzano gli spazi della Faustina come abituale luogo di ritrovo. Un fenomeno che era già stato registrato verso la fine della scorsa estate e aveva portato all'adozione di un analogo provvedimento, la cui validità era scaduta il 31 ottobre 2010. Con la primavera ed il miglioramento delle condizioni climatiche la situazione ha iniziato a riproporsi nelle ultime settimane, spingendo l'amministrazione comunale a ricorrere nuovamente allo strumento dell'ordinanza.

"La nostra volontà - sottolinea a questo proposito il sindaco, Lorenzo Guerini - non è ovviamente quella di impedire il pacifico svolgimento di ritrovi che per queste persone rappresentano importanti momenti di socializzazione e di vita di comunità, praticando anche attività sportive ed in particolare tornei amatoriali di calcio, purché tutto avvenga nel rispetto delle norme che disciplinano il corretto utilizzo delle aree verdi pubbliche. Così come per la situazione analoga che si era verificata in passato in via Piermarini, nei pressi del palazzetto dello sport e della pista di atletica, bisogna ribadire il principio che la frequentazione di questi spazi è un diritto per tutti e non deve trasformarsi in una prerogativa di alcuni specifici gruppi di persone, i cui comportamenti a volte pregiudicano la tranquillità e la sicurezza degli altri. In questo caso, diversamente da quanto avvenuto in via Piermarini, dove i raduni si svolgevano a una certa distanza dalle abitazioni della zona, sono state registrate, sia nei mesi corsi che ancora recentemente, ripetute e preoccupate segnalazioni da parte dei residenti, la cui quiete è stata pesantemente disturbata, a causa della diffusione di musica ad alto volume, di animate discussioni generate anche dal consumo smisurato di alcolici (con l'abbandono di considerevoli quantità di rifiuti, in particolare frammenti di vetro) e dall'indiscriminato soddisfacimento di bisogni fisiologici in condizioni igieniche precarie. Di tutti questi comportamenti sono stati raccolti numerosi e concreti riscontri, in occasione dei controlli effettuati sul posto dalla Polizia Locale e dalle Forze di Polizia. Si tratta di situazioni che oltre ad offrire spettacoli diseducativi nei confronti dei molti minori che frequentano la zona contribuiscono ad aggravare la percezione di disagio e di senso di insicurezza della cittadinanza, che lamenta di non poter fruire in modo sereno di questi spazi, che rappresentano invece una risorsa per l'intera comunità. E' quindi necessario adottare un nuovo provvedimento idoneo a fronteggiare tali fenomeni, anche al fine di evitare possibili pericoli per le persone che frequentano gli spazi pubblici".
 
Emessa ai sensi delle disposizioni di legge del cosiddetto "pacchetto sicurezza" (e pertanto sottoposta a valutazione preliminare vincolante della Prefettura), l'ordinanza sancisce quindi il divieto 0/24 di consumo di alcolici di qualsiasi gradazione (salvo in caso di manifestazioni autorizzate dal Comune) nonché il possesso ai fini di consumo, vietando inoltre l'accensione di fuochi (utilizzo di barbecue), la diffusione di musica ad alto volume e qualsiasi tipo di insudiciamento del suolo. Le violazioni all'ordinanza sono punite con l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra un minimo di euro 75,00 ad un massimo di euro 500,00.
(29-04-2011)