1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Monitoraggio fiume Adda ore 13.30 di Giovedì 6 maggio

Nel corso della notte il livello del fiume Adda ha raggiunto alla stazione di rilevamento teleidrometrico di Lodi un'altezza di circa 100 centimetri, sopra la soglia di pre allarme (fissata a 90 centimetri), ed una portata di circa 950 metri cubi al secondo, per effetto di un afflusso proveniente da monte che alle ore 22.30 di ieri era dato da 990 metri cubi al secondo di afflusso al lago di Como (altezza del lago sullo zero idrometrico 99 centimetri), 550 metri cubi al secondo di deflusso dalla diga di Olginate e 420 metri cubi al secondo di afflusso del Brembo. La successiva cessazione delle piogge nel bacino imbrifero del Brembo ha comportato una progressiva riduzione della portata di quest'ultimo corso d'acqua, che alle ore 09.30 odierne è stata rilevata in 210 metri cubi al secondo, circa la metà della rilevazione precedente; alla stessa ora, l'afflusso al lago di Como era sceso a 890 metri cubi al secondo, mentre l'altezza idrometrica del lago era salita a 110 centimetri; infine, leggermente in salita il deflusso dalla diga di Olginate (570 metri cubi al secondi). Le previsioni su Lodi per le ore 13.30 sono di una portata pari a circa 740 metri cubi al secondo ed un'altezza idrometrica di circa 60 centimetri. Prosegue nel frattempo la costante riduzione della portata del Brembo, che porterà ad una progressiva diminuzione di deflussi e livelli idrometrici a Lodi nel primo pomeriggio. Stante il permanere dell'assenza di piogge sul bacino imbrifero del Brembo, si prevede per il pomeriggio un assestamento in lieve diminuzione della situazione idrometrica del fiume Adda. Il Consorzio Muzza Bassa Lodigiana, in costante contatto con il Comune di Lodi, proseguirà l'attività del servizio MOPAI (Monitoraggio Previsione Allerta Idrometereologica).
Seguirà nel corso della giornata ulteriore aggiornamento.