1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Piano per il Diritto allo Studio 2021/2022

«Sale a oltre 3,3 milioni di euro l’importo stanziato dall’Amministrazione comunale per garantire un’offerta formativa e servizi di qualità nelle scuole di Lodi, quasi 850.000 euro in più rispetto a quanto previsto nell’anno 2016/2017», è il Sindaco Sara Casanova a tracciare un bilancio del Piano per il Diritto allo Studio 2021/2022. «La sfida principale - prosegue - è stata quella di consentire la ripresa in presenza, in sicurezza e nel rispetto delle normative anticontagio, il tutto garantendo la piena funzionalità dei servizi, senza intervenire sulle tariffe, nonostante l’aggravio di costi gestionali per il Comune».

Crescono anche i contributi alle scuole statali per la piccola manutenzione, l’acquisto di materiale di cancelleria e pulizia, le uscite didattiche e i progetti educativi e altri servizi. «In questo caso gli stanziamenti crescono del 50%, passando da 160.782 euro previsti nell’anno scolastico 2016/2017 a 230.000 euro nel 2021/2022 - precisa l’assessore all’Istruzione Giusy Molinari -. A fronte del sostegno alle scuole statali per favorire l’autonomia e il buon funzionamento, è stata rinnovata anche la convenzione con le scuole paritarie, con cui rimane attivo un proficuo canale di dialogo».

Considerate le difficoltà organizzative determinate dall’emergenza Covid, l’Amministrazione, confrontandosi anche con i dirigenti scolastici, ha lasciato ampio margine discrezionale sull’utilizzo delle risorse per l’avvio di progetti formativi, confermando comunque i contributi  destinati a diverse iniziative, tra cui la zona scolastica per l’accesso protetto alla scuola “Don Gnocchi”, il progetto di educazione civica  “Invasione responsabile”, promosso dall’agenzia “L’Orma” alla scuola Pascoli, il progetto “Easy Water”, in collaborazione con Sal, per l’installazione di erogatori di acqua di rete in ognuna delle scuole secondarie di primo grado, e per la distribuzione di borracce e la promozione di momenti di educazione ambientale. 

Da rimarcare il potenziamento dei centri estivi che nell’estate 2021 hanno accolto 202 bambini della scuola dell’infanzia e primaria, più che raddoppiati quindi rispetto agli iscritti delle estati 2016 (57 bambini) o 2017 (72 bambini) quando la proposta era prevista per la sola scuola dell’infanzia. 

Considerato il numero crescente di alunni che necessitano di assistenza educativa scolastica (da 122 nel 2016/2017 a 167 nel 2021/2022), prosegue infine l’impegno nell’assicurare continuità di supporto agli alunni diversamente abili per cui sono stati stanziati circa 1.200.000 euro.

Lodi, 17 dicembre 2021