1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Dal Comune 650.000 euro per la manutenzione di 30 alloggi pubblici comunali

“Un investimento da 650.000 euro per aiutare le persone in condizioni di difficoltà abitativa. Già dalle prossime settimane daremo avvio ad una serie di interventi sugli alloggi pubblici, per effettuare la manutenzione e gli adeguamenti necessari a renderli al più presto disponibili”, così il Sindaco Sara Casanova annuncia la scelta di valorizzazione che interesserà diversi immobili comunali di edilizia residenziale pubblica. 

L’assessore alle Manutenzioni e al Patrimonio Claudia Rizzi entra quindi nel merito: “Dopo una ricognizione del patrimonio ERP per valutare lo stato manutentivo degli immobili liberi, attualmente 45 su un totale di 420, e la quantificazione economica dei lavori necessari per inserirli nei prossimi bandi di assegnazione, partiremo con la manutenzione straordinaria dei primi 6 alloggi in via Bramante, Raffaello e Michelangelo. Il valore dell’appalto ammonta a 110.000 euro, di cui euro 90.000 finanziati da Regione Lombardia”.

I lavori previsti riguardano l’adeguamento delle dimensioni dei locali, secondo il Regolamento locale d’igiene, il rifacimento completo degli impianti elettrico e idro-sanitario, degli intonaci, dei rivestimenti e delle pavimentazioni, oltre alla sostituzione dei serramenti esistenti con nuovi serramenti ad alte prestazioni isolanti.

“Il nostro programma - precisa Rizzi - proseguirà con la manutenzione straordinaria di 13 alloggi, in piazza Sommariva e nelle vie Maddalena, Indipendenza e della Costa, per circa euro 80.000, interamente finanziati con risorse già previste a bilancio, e di altri 11 alloggi, nelle vie Kennedy, XX Settembre, Archinti, Fe’ e Marescalca, con quadro economico pari a 460.000 euro, di cui 412.705 euro sempre da Regione da cui attendiamo a breve il decreto di assegnazione definitivo. Un totale di 30 alloggi che da maggio dell’anno prossimo potranno progressivamente rispondere alla crescente richiesta di abitazioni, acuitasi in particolar modo con la pandemia. Un’attenzione importante che sarà funzionale alla programmazione complessiva delle politiche dell’abitare”.

In base alle priorità sociali dei servizi da offrire, gli alloggi saranno assegnati secondo diverse tipologie tra S.a.p. (Servizi abitativi pubblici), S.a.t. (Servizi abitativi temporanei) e S.a.s. (Servizi abitativi sociali).

Lodi, 5 novembre 2021