1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Rinnovate le convenzioni tra Comune di Lodi e scuole paritarie cittadine

Sono state rinnovate per le annualità scolastiche 2020-2021, 2021-2022 e 2022-2023 le convenzioni tra il Comune di Lodi e le scuole paritarie dell’infanzia e primarie della città.

Il contributo annuale previsto a favore degli istituti paritari ammonta a 440.400 euro, riconfermando la quota stanziata negli anni precedenti per sostenere la promozione di progetti didattici e di attività integrative e specialistiche in orario scolastico e l’acquisto di materiali e strumenti, anche per le esigenze specifiche degli studenti diversamente abili.

Gli accordi riguardano gli istituti dell’infanzia Figlie dell’Oratorio, Sacra Famiglia, Maria Ausiliatrice, Madre Cabrini, Pio XII, Fondazione Fides et Ratio e Collegio San Francesco e le primarie Maria Ausiliatrice, San Vincenzo Grossi, Fondazione Fides et Ratio e Collegio San Francesco.

“Con il rinnovo delle convenzioni l'Amministrazione comunale intende continuare a promuovere le scuole paritarie e la loro preziosa funzione, a tutti gli effetti di interesse pubblico, e quindi garantire alle famiglie la massima libertà di orientamento culturale e di indirizzo pedagogico - dichiara il sindaco Sara Casanova -. I contenuti dell’accordo sono stati preliminarmente condivisi con i rappresentanti delle scuole, insieme alla disponibilità a incrementare l’entità del contributo annuale fisso già previsto dal Comune, aggiungendo una quota variabile in funzione delle risorse presenti a bilancio”.

“Proseguire il rapporto con gli istituti paritari significa valorizzare la già consolidata collaborazione con le scuole dell'infanzia e primarie e riconoscerne l’importante ruolo svolto a servizio della comunità - rimarca l’assessore all’Istruzione Giusy Molinari -. I contenuti degli accordi, deliberati dalla Giunta comunale dopo il confronto, nelle sedi opportune, con i referenti degli istituti e i consiglieri comunali, danno continuità o adeguano e aggiornano quelli dei provvedimenti precedenti, mantenendo invariato l’impegno di spesa a carico dell’ente”.

Viene riproposto il medesimo meccanismo di ripartizione delle risorse destinate all’infanzia, in base al numero delle sezioni: 33.000 euro per una sezione, 48.000 euro per due sezioni e 64.000 euro per tre o più sezioni. Per la scuola primaria è poi riconfermato il contributo annuale di 2000 euro a classe.
Cambiano invece le modalità di versamento, il Comune infatti non corrisponderà più l’importo complessivo del contributo concordato, ma il 95% per il primo ed il secondo anno e il 90% per il terzo anno, mentre la quota rimanente, pari al 5% per il primo ed il secondo anno e al 10% per il terzo anno, verrà riconosciuta in misura proporzionale al numero degli alunni residenti.

Per esigenze tecniche di accertamento delle entrate, sono stati inoltre modificati i termini di pagamento dell’acconto e del saldo, prima definiti nella misura del 50%, versato a marzo, e del 50%, a luglio. 
I nuovi accordi prevedono che le primarie ricevano un acconto del 70% ad aprile e un saldo del 30% a luglio e che gli istituti dell’infanzia ottengano un acconto del 55% ad aprile e un saldo del 45% a novembre.
 
Per rispettare il principio di separazione tra la funzione di indirizzo e controllo e quella di gestione, viene infine abolita la commissione con funzione di controllo gestionale di cui facevano parte i consiglieri comunali. Accogliendo la richiesta avanzata in sede di commissione consiliare Sviluppo, l’Amministrazione ha comunque previsto la convocazione di almeno un incontro annuale tra i consiglieri commissari ed i rappresentanti legali delle scuole paritarie per verificare l’andamento delle convenzioni.

Lodi, 30 luglio 2021