1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Presentazione del libro "Ultime notizie dal diavolo"

I segreti dell'informazione dall’antichità alle fake news

 
 
 
 
Copertina del libro

di Dario Fertilio


GIOVEDI' 4 FEBBRAIO - ORE 21.00

In diretta sulla piattaforma Zoom:

https://us02web.zoom.us/j/83330495914
e sulla pagina Facebook del Comune di Lodi

Introduce

Lorenzo Maggi Vicesindaco di Lodi 

Relatori
Dario Fertilio
Autore, Giornalista
Lorenzo Rinaldi  
Direttore responsabile del quotidiano il Cittadino 
Pietro Senaldi  
Direttore responsabile del quotidiano Libero 

Le notizie del diavolo, oggi conosciute come fake news, non nascono con internet ma sono antiche quanto il mondo.
Dagli albori della guerra di Troia, fino alle manipolazioni digitali di oggi e all’uso spregiudicato degli algoritmi, l’ombra oscura della disinformazione, simile a un veleno inodore e insapore, accompagna e avvelena ogni tipo di nostra comunicazione, privata e pubblica, giornalistica e scientifica, letteraria e commerciale.
Prolungando in forme diverse l’arte della guerra e della politica, la disinformazione si è ingigantita insieme con lo sviluppo dei mass media, e oggi ha raggiunto il culmine attraverso il mezzo digitale. Nessuno può sperare di esserne immune e anzi, come si usa dire a proposito del diavolo, uno dei suoi trucchi è quello di far credere che non esista.
Per contrastarla abbiamo bisogno di conoscerne la storia, le motivazioni e le tecniche.
Ultime notizie dal diavolo di Dario Fertilio si propone come un manuale di autodifesa e uno strumento di libertà contro le menzogne di massa.

 

Dario Fertilio

E’ stato giornalista del Corriere della Sera dal 1978 al 2015, uno dei responsabili delle pagine prima politiche, poi culturali. Con Vladimir Bukovskij ha fondato i Comitati per le libertà (oggi "Libertates"), movimento il cui scopo è l'affermazione dei principi liberali: diffusione della democrazia, libero mercato, federalismo e sussidiarietà. E’ stato l'ideatore del “Memento Gulag”: la celebrazione della giornata in memoria delle vittime del comunismo, che avviene ogni 7 novembre. E’ direttore della rivista trimestrale “Il Dalmata”, e scrive su vari giornali.
E’ autore di saggi e romanzi i cui temi conduttori sono la ribellione contro il potere ingiusto e l'autoritarismo, la libertà di comunicare, il coraggio di amare. Alcuni dei suoi libri sono dedicati al mondo degli intellettuali e alla comunicazione “Il Grande Cervello” (Sugarco Edizioni 1985) e “Le notizie del diavolo” (Spirali 1997), altri ai valori e agli ideali “Il fantasma della libertà” (Rubettino 2000), altri ancora al dibattito delle idee “Arrembaggi e pensieri, conversazione con Enzo Bettiza” (Rizzoli 2001). Nel romanzo surreale “Teste a pera e teste a mela” (Rubbettino, 2001) l'accento cade sugli aspetti assurdi e inumani insiti in ogni pretesa ideologica. Con Marsilio Editori ha pubblicato “La morte rossa. Storie di italiani vittime del comunismo” (2004, due edizioni), “La via del Che. Il mito di Ernesto Guevara e la sua ombra” (2007), “Musica per lupi. Il racconto del più terribile atto carcerario nella Romania del dopoguerra” (2010), “L'ultima notte dei fratelli Cervi” (2013), premio Acqui Storia, “L’anima del Führer. Il vescovo Hudal e la fuga dei nazisti in Sud America” (2015).

 
 
 

 
Lorenzo Rinaldi

Lorenzo Rinaldi - Direttore responsabile del quotidiano "il Cittadino"

Giornalista professionista dal 2007 si è laureato in Scienze Politiche e in Economia politica e istituzioni internazionali, è stato caposervizio cronaca nel quotidiano che ora dirige occupandosi a lungo di economia. E' Direttore responsabile del quotidiano il Cittadino dal 1 gennaio 2020.

 
Pietro Senaldi

Pietro Senaldi - Direttore responsabile del quotidiano Libero

Laureato in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Milano inizia a collaborare intensamente con il Giornale diretto da Vittorio Feltri e il Gruppo Mondadori. Supera il concorso per il master in giornalismo presso l'Istituto Ifg Walter Tobagi di Milano, che lascia per contribuire alla fondazione de La Padania con Gianluca Marchi, che seguirà due anni dopo a Roma come caporedattore presso Il Giornale d'Italia. Nel 2000 partecipa alla fondazione del quotidiano Libero sul quale scrive quotidianamente e dove ha pubblicato oltre 300 interviste ai massimi rappresentanti della politica, dell'economia e della società civile italiana. Ne diventa direttore responsabile nel 2016. 

 

 
locandina dell'iniziativa con la copertina del libro, titolo, data, orario, IMMAGINI RELATORI, titoli dei relatori