1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

L’Amministrazione comunale stanzia 30.000 euro per sostenere i doposcuola

L’Amministrazione comunale ha stanziato 30.000 per sostenere le attività di doposcuola gestite da organizzazioni del Terzo settore e parrocchie, riconoscendo il valore di questo servizio svolto a supporto delle famiglie nel compito educativo, soprattutto nel delicato periodo dell’emergenza sanitaria in cui molti minori hanno affrontato difficoltà relazionali e di apprendimento legate alla nuova modalità della didattica a distanza. 
Il Comune contribuirà quindi al pagamento delle spese di gestione affrontate dai doposcuola organizzati per i bambini che frequentano la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado e che hanno necessità di essere supportati nello svolgimento dei compiti scolastici pomeridiani.

“Offrire un aiuto concreto per la promozione dei servizi di doposcuola è una decisione che la nostra Amministrazione ha maturato nella profonda convinzione che tali attività educative rappresentino un sostegno fondamentale per le famiglie, in particolare quelle che, a causa della crisi sanitaria, stanno affrontando una condizione di difficoltà economica e sociale e quelle che faticano a conciliare le esigenze lavorative con il tempo dedicato alla cura dei figli”, così l’assessore alle Politiche sociali Mariagrazia Sobacchi.

“I nostri bambini e ragazzi hanno vissuto durissimi mesi di isolamento e hanno oggi più che mai l’esigenza di recuperare le occasioni di socializzazione perse. Contribuire allo svolgimento delle attività di doposcuola significa quindi, in un’ottica di sussidiarietà, potenziare quella preziosissima rete educativa che può garantire un graduale ritorno alla normalità, offrendo ogni giorno importanti occasioni di crescita”.

Per presentare domanda di accesso al contributo, i soggetti gestori dei doposcuola o i capofila delle reti di attività, devono compilare il modulo disponibile sul sito del Comune di Lodi e farlo pervenire via PEC all’indirizzo comunedilodi@legalmail.it, non oltre il 10 dicembre 2020.

Alla domanda devono essere allegati:
- piano dei conti 2020, come da modello disponibile sul sito del Comune di Lodi; 
- copia dello Statuto o Atto costitutivo del servizio (o indicare il link dove è possibile visionarli); 
- rendiconto dettagliato delle attività, realizzate nell’anno precedente e nell’anno in corso (in caso di presentazione della richiesta da parte di capofila, occorre allegare un rendiconto delle attività di tutta la rete); 
- bilancio consuntivo 2019 e preventivo 2020 dell’Ente, dell’associazione o organizzazione richiedente o dei soggetti della rete (o indicare il link dove è possibile visionarli);
- se la richiesta è presentata da parte di capofila di rete, dovrà essere allegato un accordo di rete, con delega al capofila da parte dei soggetti gestori del doposcuola coinvolti.

Lodi, 26 novembre 2020