1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Ordinanza Regione Lombardia 16 ottobre 2020

I nuovi provvedimenti per la gestione dell'emergenza epidemiologica sono in vigore da oggi fino al 6 novembre.
Ecco le principali novità:

Le attività di somministrazione di alimenti e bevande, sia su area pubblica che privata (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, rosticcerie, pizzerie, chioschi) sono consentite fino alle 24.00. Dopo le ore 18.00 il consumo è consentito esclusivamente ai tavoli;

E’ vietata la vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica da parte di tutte le tipologie di esercizi pubblici, nonché da parte degli esercizi commerciali e delle attività artigianali dalle ore 18.00, mentre resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio;

E’ sempre vietato il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico;

E’ vietata dalle 18.00 alle 6.00 la consumazione di alimenti e bevande su aree pubbliche;

Sono chiusi dalle 18.00 alle 6.00 i distributori automatici di bevande e alimenti confezionati collocati sulla pubblica via; la misura non si applica ai distributori automatici di latte e acqua;

Sono sospese le attività delle sale giochi, sale scommesse e sale bingo;
E’ sospeso il gioco con dispositivi elettronici del tipo 'slot machines', situati all’interno degli esercizi pubblici, degli esercizi commerciali e di rivendita di monopoli;

Sono sospese tutte le gare, le competizioni e le altre attività, anche di allenamento, degli sport di contatto, come individuati con provvedimento del Ministro dello Sport del 13 ottobre 2020, svolti a livello regionale o locale ‒ sia agonistico che di base ‒ dalle associazioni e società dilettantistiche. 

Le scuole secondarie di secondo grado e le istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado devono organizzare le attività didattiche con modalità a distanza alternate ad attività in presenza, ad eccezione delle attività di laboratorio.

Alle Università è raccomandato di organizzare le proprie attività, al fine di promuovere il più possibile la didattica a distanza.


Lodi, 17 ottobre 2020