1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Riapertura aula studio Biblioteca Laudense

A partire da mercoledì 1 luglio la sala di lettura e studio “Mario Cremonesi”, collocata al primo piano della sede centrale della Biblioteca Laudense (via Solferino 72), riaprirà al pubblico, dopo il periodo di chiusura imposto dall’emergenza sanitaria. 

L’accesso sarà consentito a un numero di utenti massimo pari a 24, nel rispetto delle seguenti prescrizioni:
- la postazione deve essere prenotata negli orari di apertura della Biblioteca laudense, telefonando ai numeri 0371.409432 o 0371.409435;
- è vietato toccare o prelevare i libri all’interno della sala o spostare le sedute che sono state collocate in modo tale da assicurare il distanziamento di sicurezza;
- è vietato sostare o circolare nelle altre sale della biblioteca o nei corridoi;
- prima di lasciare la sala ogni utente dovrà provvedere all’igienizzazione della propria postazione con prodotti messi a disposizione dalla Biblioteca.

Si comunica inoltre che dall’1 luglio al 31 agosto sarà in vigore l’orario estivo di apertura della Biblioteca al pubblico, dal martedì al sabato, dalle 8.30 alle 13.30. Dal 10 al 15 agosto è prevista la chiusura del servizio.

“Pur essendo consapevole che la capienza massima individuata per la sala di lettura e studio della Biblioteca Laudense non possa soddisfare completamente le esigenze degli utenti, la maggior parte dei quali ragazzi, ritengo che la riapertura sia un passo avanti sulla strada del ritorno alla completa fruizione dei servizi bibliotecari. Il prestito è stato riattivato già nel mese di maggio sia nella sede centrale sia a Villa Braila, e ora anche la sala Cremonesi tornerà accessibile, grazie alla disponibilità del personale bibliotecario e dei nostri ragazzi del Servizio civile che garantiranno il rispetto di tutte le regole. Non disponiamo al momento di personale sufficiente ad assicurare un’adeguata sorveglianza anche dell’aula studio di Villa Braila, ma auspichiamo che entro settembre le nuove disposizioni di sicurezza consentano di rendere nuovamente accessibili i locali”, così il Vicesindaco e Assessore alla Cultura Lorenzo Maggi.

Lodi, 30 giugno 2020