1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Manutenzione del verde: partiti gli interventi di potatura e rimozione delle ceppaie

Il programma annuale di manutenzione del patrimonio arboreo cittadino è già operativo da alcuni giorni. Due squadre di giardinieri, incaricate da Astem S.p.a., hanno effettuato alcune potature dei filari alberati in viale Milano, e proseguiranno in viale Pavia, viale Papa Giovanni XXIII, via Ada Negri, via Madre Cabrini e via Secondo Cremonesi, eseguendo interventi puntuali anche in altre zone della città, fino al termine del mese di marzo.

E’ prevista inoltre la rimozione di circa 60 ceppaie, di cui 30 all’Isola Carolina, che occupano la sede di alberature abbattute negli anni passati. I ceppi saranno eliminati o fresati a livello del suolo, utilizzando appositi macchinari, e il terreno verrà preparato, laddove possibile ed opportuno, per la ricollocazione delle essenze. 

Si procederà infine alla piantumazione di circa 120 nuovi alberi, per ricostituire i filari lungo diversi viali cittadini che hanno subito delle perdite in seguito alle rimozioni dovute al cattivo stato di salute delle piante o ai danneggiamenti subiti dalle stesse. 

“Le operazioni manutentive - spiega l’assessore all’ambiente Alberto Tarchini - si concentreranno in alcuni ambiti cittadini che da diversi anni non sono più oggetto di attenzioni specifiche. La rimozione delle ceppaie, in particolare, è divenuta urgente, considerandone l’ingombro e, in certe situazioni, anche la pericolosità, oltre al fattore estetico. Per consentire lo svolgimento dei lavori, verranno posizionati cartelli segnaletici con almeno 48 ore di anticipo, così da allertare i cittadini sulla necessità di occupare la sede stradale o gli stalli di sosta. L’impegno economico complessivo del Comune di Lodi per le attività di potatura, comprese quelle calendarizzate in altri momenti dell’anno e che avvengono, conseguentemente alle prescrizioni delle relazioni agronomiche, ammonta a circa 90mila euro”.

Lodi, 20 gennaio 2019